Ultrasuoni dell'occhio: come è fatto quello che mostra

Ultrasuoni dell'occhio (o ecografia oftalmica) è un metodo sicuro, semplice, indolore e altamente informativo per esaminare le strutture dell'occhio, consentendo di ottenere la loro immagine su un monitor del computer come risultato del riflesso delle onde ultrasoniche ad alta frequenza dal tessuto oculare. Se tale studio è completato dall'uso della mappatura color Doppler dei vasi oculari (o DDC), allora uno specialista può valutare lo stato del flusso sanguigno in essi.

In questo articolo forniremo informazioni sull'essenza del metodo e le sue varietà, indicazioni, controindicazioni, metodi di preparazione e conduzione di un'ecografia dell'occhio. Questi dati aiuteranno a comprendere il principio di questo metodo di diagnosi e potrai porre eventuali domande all'oculista.

L'ecografia dell'occhio può essere assegnata sia per identificare molte patologie oftalmiche (anche nelle fasi iniziali del loro sviluppo), sia per valutare lo stato delle strutture dell'occhio dopo aver eseguito operazioni chirurgiche (ad esempio, dopo aver sostituito la lente). Inoltre, questa procedura offre l'opportunità di monitorare le dinamiche dello sviluppo di malattie oftalmiche croniche.

L'essenza e le varianti del metodo

Il principio dell'ecografia oftalmica si basa sulla capacità delle onde ultrasoniche emesse dal sensore di essere riflesse dai tessuti dell'organo e trasformate in un'immagine visualizzata sul monitor di un computer. Grazie a questo, il medico può ricevere le seguenti informazioni sul bulbo oculare:

  • misurare la dimensione del bulbo oculare nel suo complesso;
  • valutare l'estensione del corpo vitreo;
  • misurare lo spessore dei gusci interni e della lente;
  • valutare la lunghezza e le condizioni dei tessuti retrobulbari;
  • determinare la grandezza o identificare i tumori della sezione ciliare;
  • studiare i parametri della retina e della coroide;
  • identificare e valutare le caratteristiche del distacco della retina (se è impossibile determinare questi cambiamenti durante l'oftalmoscopia);
  • differenziare il distacco di retina primario dal secondario, che è stato causato da un aumento dei tumori coroidali;
  • rilevare corpi estranei nel bulbo oculare;
  • determinare la presenza nel corpo vitreo di opacità, essudato o coaguli di sangue;
  • identificare lesioni al bulbo oculare.

Tale studio può essere eseguito anche con le opacità del supporto ottico dell'occhio, che sono in grado di impedire la diagnosi utilizzando altri metodi di esame oftalmologico.

Solitamente, l'ecografia oftalmica è integrata dalla dopplerografia, che consente di valutare la condizione e la pervietà dei vasi del bulbo oculare, la velocità e la direzione del flusso sanguigno in essi. Questa parte dello studio consente di rilevare anomalie nella circolazione sanguigna, anche nelle fasi iniziali.

I seguenti tipi di questa tecnica possono essere utilizzati per gli ultrasuoni oculari:

  1. Ecografia monodimensionale (o modalità A). Questo metodo di ricerca viene utilizzato per determinare la dimensione dell'occhio o le sue singole strutture e per valutare lo stato delle orbite. Quando si esegue questa tecnica, una soluzione di anestetico locale viene sepolta nell'occhio del paziente e il sensore dell'apparato viene installato direttamente sul bulbo oculare. Il sondaggio produce un grafico che mostra i parametri dell'occhio necessari per la diagnosi.
  2. Ecografia bidimensionale (o modalità B). Questo metodo consente di ottenere un'immagine bidimensionale e le caratteristiche della struttura delle strutture interne del bulbo oculare. Per eseguirlo, non è richiesta alcuna preparazione specifica dell'occhio e il sensore ultrasonico è montato sulla palpebra chiusa del paziente. Lo studio stesso richiede non più di 15 minuti.
  3. La combinazione dei modi A e B. Una tale combinazione dei metodi di cui sopra consente di ottenere un'immagine più dettagliata dello stato del bulbo oculare e aumenta l'informatività della diagnosi.
  4. Biomicroscopia ad ultrasuoni. Un tale metodo implica l'elaborazione digitale dei segnali di eco ricevuti dal dispositivo. Di conseguenza, la qualità dell'immagine visualizzata sul monitor aumenta più volte.

Lo studio Doppler dei vasi oculari viene eseguito con i seguenti metodi:

  1. Ecografia tridimensionale Questo metodo di ricerca consente di ottenere un'immagine tridimensionale delle strutture dell'occhio e dei suoi vasi. Alcuni dispositivi moderni consentono di ottenere un'immagine in tempo reale.
  2. Energy Doppler. Grazie a questa tecnica, uno specialista può studiare lo stato dei vasi e valutare i valori di ampiezza e velocità del flusso sanguigno in essi.
  3. Doppler a onda pulsata. Questo metodo di ricerca analizza il rumore derivante dal flusso sanguigno. Di conseguenza, il medico può valutare più accuratamente la sua velocità e direzione.

Quando si esegue la scansione duplex a ultrasuoni, vengono combinate tutte le possibilità sia dell'ecografia convenzionale che della ricerca Doppler. Questo metodo di esame fornisce simultaneamente dati non solo sulla dimensione e sulla struttura dell'occhio, ma anche sullo stato delle sue navi.

testimonianza

L'ecografia oculare può essere prescritta nei seguenti casi:

  • alti gradi di miopia o ipermetropia;
  • cataratta;
  • il glaucoma;
  • gonfiore dell'occhio;
  • distacco della retina;
  • patologia del muscolo oculare;
  • sospetto di un corpo estraneo;
  • malattie del nervo ottico;
  • traumi;
  • malattia dell'occhio vascolare;
  • anomalie congenite della struttura degli organi della visione;
  • Malattie croniche che possono portare a patologie oftalmologiche: diabete mellito, ipertensione, ipertensione della malattia renale;
  • monitorare l'efficacia del trattamento delle patologie oculari oncologiche;
  • monitorare l'efficacia della terapia per i cambiamenti vascolari del bulbo oculare;
  • valutazione dell'efficacia della chirurgia oftalmica.

L'ecografia Doppler dell'occhio è indicata per le seguenti patologie:

  • spasmo o ostruzione dell'arteria retinica;
  • trombosi venosa dell'occhio;
  • restringimento dell'arteria carotide, che porta a compromissione del flusso sanguigno nelle arterie oculari.

L'ecografia dell'occhio può essere assegnata a tutte le categorie di pazienti e non ha limiti di età. Può essere eseguito per bambini di qualsiasi età, anziani, donne durante la gravidanza o l'allattamento e pazienti con gravi comorbidità.

Controindicazioni

L'ecografia degli occhi è una procedura completamente sicura e non ha controindicazioni.

Preparazione del paziente

La conduzione dell'ecografia oftalmica non richiede una preparazione speciale del paziente. Nel suo appuntamento, il medico deve spiegare al paziente l'essenza e la necessità di eseguire questo studio diagnostico. Un'attenzione particolare è dedicata alla preparazione psicologica dei bambini - il bambino dovrebbe sapere che questa procedura non gli farà male e di comportarsi correttamente durante un'ecografia.

Se necessario, utilizzare durante la modalità di studio A prima dell'esame, il medico specifica necessariamente i dati del paziente sulla presenza di una reazione allergica agli anestetici locali e seleziona un farmaco sicuro per il paziente.

Gli ultrasuoni possono essere eseguiti sia in clinica che in ospedale. Il paziente dovrebbe portare con sé un referral per lo studio e i risultati dell'oftalmografia precedentemente eseguita. Le donne non dovrebbero usare il trucco degli occhi prima della procedura, poiché il gel verrà applicato sulla palpebra superiore durante l'esame.

Come viene condotto lo studio?

L'ecografia oftalmica viene eseguita in una stanza appositamente attrezzata come segue:

  1. Il paziente si siede sulla sedia di fronte al medico.
  2. Se la modalità A viene utilizzata per l'esame, allora una soluzione di anestetico locale viene seppellita nell'occhio del paziente. Dopo l'inizio della sua azione, il medico installa con attenzione il sensore del dispositivo direttamente sulla superficie del bulbo oculare e lo sposta se necessario.
  3. Se lo studio viene eseguito in modalità B o la dopplerografia viene eseguita, le gocce di anestetico non vengono applicate. Il paziente chiude gli occhi e un gel viene applicato sulle palpebre superiori. Il medico imposta il sensore sulla palpebra del paziente e svolge lo studio per 10-15 minuti. Dopo questo, il gel viene rimosso dalle palpebre con un tovagliolo.

Dopo la procedura, uno specialista di diagnosi ecografica fa un rapporto e lo distribuisce alle mani del paziente o invia al medico curante.

Indicatori di tasso

La decodifica dei risultati dell'ecografia oftalmica viene eseguita da uno specialista della diagnostica ecografica e dal medico curante del paziente. A tale scopo, i risultati ottenuti vengono confrontati con gli indicatori di norma:

  • il corpo vitreo è trasparente e non ha inclusioni;
  • il volume del corpo vitreo è di circa 4 ml;
  • asse anteriore-posteriore del corpo vitreo - circa 16,5 mm;
  • l'obiettivo è trasparente, invisibile, la sua capsula posteriore è chiaramente visibile;
  • la lunghezza dell'asse dell'occhio è 22,4-27,3 mm;
  • lo spessore dei gusci interni - 0,7-1 mm;
  • la larghezza della struttura ipoecogena del nervo ottico è 2-2,5 mm;
  • il potere rifrangente dell'occhio nell'emmetropia è 52.6-64.21 D.

Quale dottore contattare

L'ecografia dell'occhio può essere prescritta da un oftalmologo. Per alcune malattie croniche che causano cambiamenti nello stato del bulbo oculare e del fondo oculare, questa procedura può essere raccomandata da altre specializzazioni: un medico generico, un neurologo, un nefrologo o un cardiologo.

L'ecografia dell'occhio è una procedura diagnostica altamente informativa, non invasiva, sicura, indolore e facile da eseguire che aiuta a fare la diagnosi corretta in molte patologie oculari. Se necessario, questo studio può essere ripetuto molte volte e non richiede il rispetto di eventuali interruzioni. Per condurre un'ecografia dell'occhio, il paziente non ha bisogno di condurre un addestramento speciale e non ci sono controindicazioni o limiti di età per la nomina di tale esame.

Il medico diagnostico delle radiazioni Ginzburg L. Z. parla dell'ecografia degli occhi:

Ultrasuoni degli occhi

La funzione degli organi della visione è una componente importante dei sistemi sensoriali umani. L'acuità visiva ridotta influisce in modo significativo sulla qualità della vita, quindi è necessario prestare particolare attenzione quando si presentano sintomi o sospetti di qualsiasi processo patologico.

Il primo passo è chiedere consiglio ad un oftalmologo. Dopo l'esame, lo specialista può assegnare un elenco di ulteriori metodi di esame per chiarire i dati e la diagnosi. Uno di questi metodi è l'ecografia oculare.

L'esame ecografico dell'occhio (ecografia) è una manipolazione che si basa sulla penetrazione e riflessione di onde ad alta frequenza provenienti da vari tessuti del corpo, seguita dalla cattura di segnali da parte dell'apparato sensore. La procedura ha guadagnato popolarità grazie al fatto che è altamente informativo, sicuro e indolore.

Inoltre, il metodo non richiede molto tempo e una preparazione preliminare speciale. L'ecografia offre l'opportunità di studiare le caratteristiche strutturali dei muscoli oculari, della retina, cristallini, delle condizioni generali del fondo e del tessuto oculare. Spesso, la procedura è prescritta prima e dopo interventi chirurgici, così come per fare una diagnosi finale e monitorare le dinamiche del decorso della malattia.

Indicazioni per l'ecografia del fondo, dell'orbita e dell'orbita

Ci sono indicazioni per le quali è necessaria un'ecografia.

  • miopia (miopia) e ipermetropia (ipermetropia) di gravità variabile;
  • cataratta;
  • il glaucoma;
  • distacco della retina;
  • lesioni di diversa origine e gravità;
  • patologie del fondo e della retina;
  • neoplasie benigne e maligne;
  • malattie associate alla patologia dei muscoli oculari, dei vasi sanguigni e dei nervi, in particolare con il nervo ottico;
  • storia di ipertensione, diabete, nefropatia e così via.

In aggiunta a quanto sopra, l'ecografia degli occhi del bambino viene eseguita anche con anomalie congenite nello sviluppo di cavità oculari e bulbi oculari. Poiché il metodo ha molte qualità positive, non ci sono rischi per la salute del bambino.

La diagnosi ecografica è indispensabile in caso di opacità (opacizzazione) dei media oculari, poiché in questa situazione diventa impossibile studiare il fondo oculare con altri metodi diagnostici. In questo caso, il medico può condurre un'ecografia del fondo e valutare le condizioni delle strutture.

Vale la pena notare che l'ecografia del bulbo oculare non ha controindicazioni. Questa manipolazione diagnostica può essere eseguita per assolutamente tutte le persone, comprese donne in gravidanza e bambini. Nella pratica oftalmica, per studiare le strutture dell'occhio, l'ecografia è semplicemente una procedura necessaria. Ma ci sono alcune situazioni in cui si raccomanda di astenersi da questo tipo di esame.

Le difficoltà possono sorgere solo nel caso di alcuni tipi di lesioni traumatiche dell'occhio (ferite aperte del bulbo oculare e delle palpebre, sanguinamento), in cui lo studio diventa semplicemente impossibile.

Com'è fatta un'ecografia agli occhi

Il paziente in direzione dell'oftalmologo viene inviato per la manipolazione. La preparazione preliminare non è necessaria. Si consiglia ai pazienti di rimuovere il trucco dalla zona degli occhi prima dell'ecografia, in quanto il sensore verrà posizionato sulla palpebra superiore. Esistono diversi tipi di ultrasuoni del bulbo oculare, a seconda dei dati che devono essere chiariti.

Tecnica ad ultrasuoni oculari

La diagnosi ecografica si basa sull'ecolocalizzazione, eseguita in diverse modalità speciali. Il primo è utilizzato per misurare la dimensione dell'orbita, la profondità della camera anteriore, lo spessore della lente, la lunghezza dell'asse ottico. La seconda modalità è necessaria per visualizzare le strutture del bulbo oculare. Spesso, insieme all'ecografia ad ultrasuoni, viene eseguita anche la dopplerografia: un esame ecografico dei vasi oculari.

Durante la manipolazione, il paziente è seduto o sdraiato su un divano con gli occhi chiusi. Quindi il medico applica uno speciale gel ipoallergenico per la diagnosi ecografica sulla palpebra superiore e installa il sensore del dispositivo. Per meglio dettagliare le diverse strutture del bulbo oculare e dell'orbita, il medico può chiedere al paziente di eseguire alcuni test funzionali - movimenti oculari in direzioni diverse durante lo studio.

L'ecografia del bulbo oculare dura circa 20-30 minuti. Dopo aver condotto l'esame e aver registrato i risultati, il sonologo compila uno speciale protocollo di studio e fornisce una conclusione al paziente. Va sottolineato che solo un medico specialista della categoria in questione può decifrare i dati degli ultrasuoni.

Interpretazione dei risultati dell'esame ecografico dell'occhio

Dopo l'esame, il medico confronta ed esamina i dati. Inoltre, in base ai risultati dell'esame, una norma o patologia viene posta in conclusione. Per verificare i risultati dello studio, c'è una tabella di valori normali:

  • l'obiettivo è trasparente;
  • capsula del cristallino posteriore visibile;
  • il corpo vitreo è trasparente;
  • lunghezza dell'asse dell'occhio 22,4-27,3 mm;
  • il potere rifrattivo dell'occhio è di 52,6-64,21 diottrie;
  • la larghezza della struttura ipoecogena del nervo ottico è 2-2,5 mm.
  • spessore del guscio interno 0,7-1 mm;
  • volume del corpo vitreo 4 cm3;
  • la dimensione dell'asse anteroposteriore del corpo vitreo è 16,5 mm.

Dove fare un'ecografia degli occhi

Ad oggi, ci sono un gran numero di cliniche oftalmologiche private multi-campo e private dove è possibile fare ecografia delle orbite oculari. Il costo della procedura dipende dal livello dell'istituto medico, dall'apparato e dalle qualifiche dello specialista. Pertanto, prima di condurre uno studio, vale la pena di adottare un approccio responsabile alla scelta di un oftalmologo, così come la clinica in cui il paziente sarà osservato.

Ultrasuoni del bulbo oculare - come viene eseguita la procedura e cosa mostra?

L'esame ecografico dell'occhio è un metodo diagnostico avanzato basato sul principio dell'ecolocalizzazione.

La procedura viene utilizzata per chiarire la diagnosi in caso di rilevamento di patologie oftalmiche e determinare i loro valori quantitativi.

Cos'è un occhio ad ultrasuoni?

L'ecografia del bulbo oculare e delle orbite dell'occhio consente di determinare le aree di localizzazione dei processi patologici, che possono essere determinate riflettendo tali onde ad alta frequenza da tali aree.

Il metodo è caratterizzato da un'esecuzione rapida e semplice e dalla quasi totale mancanza di preparazione preliminare.

In questo caso, l'oftalmologo riceve l'immagine più completa dello stato dei tessuti dell'occhio e del fondo dell'occhio e può anche valutare la struttura dei muscoli dell'occhio e vedere le violazioni nella struttura della retina.

Questa non è solo una diagnosi, ma anche una procedura profilattica, che nella maggior parte dei casi viene eseguita sia dopo l'intervento chirurgico che prima di loro al fine di valutare i rischi e designare il trattamento ottimale.

Indicazioni per l'applicazione di questo metodo

  • torbidità di natura diversa;
  • la presenza negli organi visivi di corpi estranei con la capacità di determinare la loro esatta dimensione e posizione;
  • neoplasie e tumori di vario tipo;
  • ipermetropia e miopia;
  • cataratta;
  • il glaucoma;
  • dislocazione della lente;
  • patologia del nervo ottico;
  • distacco della retina;
  • aderenze nei tessuti del corpo vitreo e violazioni nella sua struttura;
  • lesioni con la capacità di determinare la loro gravità e natura;
  • disturbi dei muscoli dell'occhio;
  • eventuali anomalie ereditarie, acquisite e congenite della struttura del bulbo oculare;
  • emorragia negli occhi

Inoltre, l'ecografia consente di determinare i cambiamenti nelle caratteristiche del supporto ottico dell'occhio e stimare la dimensione dell'orbita.

Così come gli ultrasuoni aiutano a fare misurazioni dello spessore del tessuto adiposo e della loro composizione, che è informazione necessaria nella differenziazione delle forme di esoftalmo ("occhio").

Controindicazioni

  • lesioni aperte del bulbo oculare in violazione dell'integrità della sua superficie;
  • emorragie nella regione retrobulbare;
  • qualsiasi danno alla zona degli occhi (comprese le lesioni palpebrali).

Cosa fa un'ecografia dell'occhio: quali patologie possono essere identificate

Gli ultrasuoni dell'occhio mostrano molte malattie oftalmiche, in particolare è possibile diagnosticare malattie come i disturbi refrattivi (ipermetropia, miopia, astigmatismo), il glaucoma, la cataratta, le patologie del nervo ottico, i processi degenerativi della retina, la presenza di tumori e tumori.

Inoltre, eseguendo la procedura, è possibile controllare la condizione delle patologie nel corso del trattamento, nonché qualsiasi processo infiammatorio oftalmico e alterazioni patologiche nel tessuto della lente.

Come viene eseguita l'ecografia oculare?

Nella moderna pratica oftalmica, ci sono diversi tipi di ultrasuoni, ognuno dei quali è progettato per svolgere determinati compiti e viene fatto utilizzando le proprie caratteristiche tecniche:

  1. Modalità monodimensionale (modalità A).
    Viene utilizzato utilizzando l'asse verticale (riflette la forza e l'ampiezza del segnale inviato) e l'asse orizzontale (riflette la distanza percorsa dall'onda verso una determinata struttura dell'occhio per unità di tempo, dopo di che il segnale è ritornato ed è stato registrato dal sensore).
    Viene principalmente utilizzato per ottenere informazioni sulle caratteristiche dei tessuti oculari e sulle misurazioni di vari parametri e caratteristiche, che consente di ottenere le informazioni necessarie prima di eseguire operazioni oftalmologiche.
    Il metodo è aggiuntivo e sulla base del quale è difficile creare un'immagine completa, pertanto oltre agli ultrasuoni in modalità A vengono anche prescritti altri metodi diagnostici.
  2. Modalità bidimensionale (modalità B).
    Consente di ottenere un'immagine bidimensionale degli organi visivi quando si visualizza l'ampiezza del segnale inviato come immagine a colori che riflette la struttura dei tessuti e delle strutture dell'occhio.
  3. Modalità combinata (A e B). Combina le funzioni di due modalità contemporaneamente.
  4. Echooftalmografia tridimensionale.
    Serve a formare un'immagine tridimensionale, che mostra non solo tutte le caratteristiche strutturali dell'organo visivo, ma anche la posizione del sistema vascolare, che si trova a diverse profondità e su tutti gli strati dell'occhio.
  5. Scansione a colori duplex.
    Dà un'idea della struttura dell'occhio, mentre riflette il flusso sanguigno in tempo reale, coprendo i vasi di diverse dimensioni.

In B-mode, l'anestesia non è necessaria, poiché lo specialista guida il sensore attraverso la palpebra dell'occhio chiuso e per garantire la normale procedura, è sufficiente lubrificare la palpebra con un gel speciale, che faciliterà questo scorrimento.

La norma di indicatori di un occhio sano con ultrasuono

Dopo la procedura a ultrasuoni, lo specialista trasmette la scheda paziente completata al medico curante, che decifra le prove.

Le normali indicazioni durante la procedura sono:

  • l'assenza di monitor durante la lente a ultrasuoni.
    Nello stato normale, questo corpo è trasparente e le onde non vengono riflesse da esso, ma quando si formano le opacità dell'obiettivo, il dispositivo "le nota");
  • per le stesse ragioni: mancanza di vitreo sul monitor;
  • il potere rifrattivo dell'occhio è compreso tra 52,6 e 64,21 diottrie;
  • la lunghezza dell'asse del corpo vitreo è compresa tra 16,5 millimetri;
  • il volume dell'asse del corpo vitreo - 4 millilitri;
  • la lunghezza dell'asse dell'occhio è 22,4-27,3 millimetri;
  • i gusci interni devono avere uno spessore non inferiore a 0,7 e non superiore a 1 millimetro;
  • larghezza del nervo ottico nella gamma di 2-2,5 millimetri.

Video utile

Questo video mostra un'ecografia degli occhi:

Deviazioni minori di queste caratteristiche sono ammissibili, ma se i valori vanno ben oltre questi indicatori, è un'occasione per sottoporsi a ulteriori esami per confermare la malattia e assegnare al paziente un trattamento adeguato.

Come fanno gli occhi ad ultrasuoni per i bambini e quali indicatori sono normali

L'ecografia dell'occhio del bambino viene eseguita quando l'esame di una lampada a fessura non è sufficiente. Il metodo è assolutamente sicuro per il bambino e informativo per l'oftalmologo. Grazie al sondaggio, è possibile identificare molte patologie in una fase iniziale di sviluppo, dalla miopia pediatrica ai tumori maligni dell'occhio.

Cos'è gli occhi ad ultrasuoni

L'esame ecografico dell'occhio è un metodo diagnostico che consente di rilevare una varietà di patologie oftalmiche. È completamente sicuro, informativo e talvolta indispensabile.

Il metodo consente di valutare il movimento nel bulbo oculare, la struttura dei muscoli, il nervo ottico, per identificare le formazioni patologiche nell'occhio.

Gli ultrasuoni si basano sul principio di ecolocalizzazione. Questo è un modo che ti permette di vedere la posizione dell'oggetto a causa delle onde riflesse da esso. Pertanto, il trasmettitore a ultrasuoni produce onde sonore ad alta frequenza, che vengono riflesse dalle strutture studiate dell'occhio e trasmettono informazioni al monitor del dispositivo.

Spesso, insieme alla dopplerografia ad ultrasuoni viene eseguita, che consente di conoscere le condizioni dei vasi del bulbo oculare, la loro pervietà, il volume e la velocità del flusso sanguigno.

Indicazioni per un'ecografia del bulbo oculare

Le principali indicazioni per l'ecografia nei bambini:

  • annebbiamento di supporti ottici;
  • sintomi di danno al nervo ottico o agli occhi;
  • segni di distacco del tratto uveale o retina nell'ipertensione;
  • sospetto di occlusione o trombosi delle arterie oftalmiche;
  • determinazione di corpi estranei, crescita degli occhi e orbite;
  • valutazione della dimensione dell'occhio per prevenire la miopia;
  • controllo del trattamento, prevenzione delle complicanze dopo il trattamento;
  • conferma o esclusione di patologie oftalmiche (dacriocistiti, ambliopia, miopia, ipermetropia, strabismo, astigmatismo e altri);
  • sospetti per anomalie congenite dell'orbita.

Inoltre, il metodo viene utilizzato per misurare le membrane interne dell'occhio, il corpo vitreo, la lente e l'occhio nel suo complesso. Permette di determinare la dimensione e la posizione dei tumori, per tracciare le dinamiche del loro sviluppo.

Esame ecografico dell'occhio: cos'è e a cosa serve

L'ecografia oculare è un metodo di ricerca utilizzato in oftalmologia per identificare una vasta gamma di patologie oculari. È sicuro, informativo e talvolta assolutamente indispensabile.

Soprattutto riguarda casi quando la diagnostica di malattie intraoculari o le anormalità di una struttura è effettuata a ambienti completamente o parzialmente fangosi di un occhio.

Il metodo degli ultrasuoni consente di studiare i movimenti del bulbo oculare, valutare la struttura dei muscoli oculari e del nervo ottico, per ottenere dati accurati sui parametri di componenti normali e patologici (tumori, stenosi, effusione) dell'occhio.

Lo studio Doppler, che è quasi sempre eseguito in parallelo con lo studio di base delle strutture dell'occhio, ci permette di stimare la velocità del flusso sanguigno, il volume e la pervietà dei vasi oculari. Determina anche la patologia della circolazione sanguigna dell'occhio nelle fasi iniziali.
[contenuto h2 h3]

Chi ha bisogno di sottoporsi ad ecografia oculare

Le indicazioni per l'ecografia del bulbo oculare sono le seguenti:

  • misurazione dei parametri ottici del bulbo oculare
  • Stima della dimensione dell'orbita - vaso osseo del bulbo oculare
  • diagnosi e monitoraggio del trattamento dei tumori intraoculari e intraoculari
  • media ottica offuscata dell'occhio
  • lesioni agli occhi
  • corpo estraneo all'interno dell'occhio: sua definizione, posizione, posizione relativa alle strutture dell'occhio, mobilità, capacità di essere magnetizzato.
  • miopia e ipermetropia
  • glaucoma
  • cataratta
  • dislocazione della lente
  • Distacco retinico: l'ecografia del fondo aiuterà a identificare non solo il tipo di distacco, ma anche lo stadio di sviluppo della malattia, anche se gli occhi sono diventati torbidi per qualsiasi motivo
  • malattia del nervo ottico
  • distruzione vetrosa
  • il metodo permette di distinguere l'effusione nel vitreo dalle emorragie, dalla nuvolosità del suo
  • aderenze vetrose
  • Misurazione dello spessore e delle proprietà del tessuto adiposo dietro il bulbo oculare, che è indispensabile per differenziare varie forme di esoftalmo - "smalto occhi"
  • patologia dei muscoli oculari
  • diagnostica e controllo sull'efficacia del trattamento delle patologie oculari vascolari
  • anomalie congenite della struttura e afflusso di sangue agli occhi.
  • condizione dopo l'intervento chirurgico sul bulbo oculare: è particolarmente importante valutare la posizione dell'obiettivo che ha sostituito l'obiettivo, la sua dislocazione, la possibilità di fusione con strutture vicine
  • diabete mellito
  • malattia ipertonica
  • malattia renale, in cui aumenta la pressione sanguigna e si desidera valutare le condizioni del fondo.

L'ecografia Doppler del fondo consente di identificare e monitorare la dinamica di:

  1. spasmo o ostruzione dell'arteria retinica centrale
  2. neuroopticopia ischemica anteriore
  3. trombosi: vena orbitale superiore, vena centrale della retina, seno cavernoso
  4. restringimento dell'arteria carotide interna, che può influenzare la direzione e la velocità del flusso sanguigno nelle arterie che alimentano l'occhio.

Preparazione per lo studio

Prima di eseguire un'ecografia dell'occhio, non è necessario seguire una dieta specifica o condurre altri corsi di formazione.

Lo studio stesso non lascia la sua impronta sul solito modo di vivere di una persona.

L'unica caratteristica: le donne prima dello studio non dovrebbero truccarsi sulle palpebre e sulle ciglia, poiché per la procedura sarà necessario applicare il gel sulla palpebra superiore.

Controindicazioni all'ecografia oftalmica

Il fondatore del metodo Friedman F.E. credeva che non ci fossero controindicazioni allo studio. Per eseguire un'ecografia dell'occhio possono essere sia donne in gravidanza che in allattamento; le malattie oncologiche ed ematologiche non rappresentano una controindicazione alla procedura.

Tipi di ecografia dell'occhio

A-mode (o monodimensionale)

In questo caso, il medico vede un grafico in cui:

  • l'asse orizzontale indica la distanza da una struttura che l'ultrasuono percorre per unità di tempo e ritorna al sensore
  • l'asse verticale è l'ampiezza e la forza del segnale di eco.

Questo metodo è indispensabile per la caratterizzazione del tessuto oculare, può essere utilizzato per effettuare varie misurazioni dell'occhio (che è particolarmente importante prima dell'operazione), sebbene sia usato raramente come metodo indipendente.

B-mode

Riproduce l'immagine bidimensionale del bulbo oculare e l'ampiezza del segnale eco viene visualizzata sotto forma di punti di diversa luminosità. Questa scansione è necessaria per avere un'idea della struttura interna dell'occhio.

Combinato metodo A + B

Combina i vantaggi della scansione mono e bidimensionale.

Echoophthalmography tridimensionale

Con l'aiuto di programmi informatici ha ottenuto l'immagine tridimensionale tridimensionale dell'occhio e del suo sistema vascolare; Il programma analizza non solo le dimensioni statiche, ma anche un cambiamento di curvatura in base al movimento del piano di scansione.

Scansione a colori duplex

Valutazione dell'immagine bidimensionale dell'occhio, insieme alla misurazione della velocità e della natura del flusso sanguigno in tutti i vasi di piccole, medie e piccole dimensioni vicine.

Come esaminare gli occhi sugli ultrasuoni

Come viene eseguita l'ecografia oculare in modalità A? Il paziente si siede su una sedia a sinistra del medico, un anestetico viene instillato nell'occhio per assicurare che l'occhio sia fermo e indolore. Il sensore sterile porta direttamente sull'occhio, non coperto dalla palpebra.

La B-scan e le varie opzioni per l'ecografia Doppler vengono eseguite attraverso una palpebra chiusa con un sensore speciale, quindi non è richiesto l'intervento dell'occhio. Un gel speciale verrà applicato sulla palpebra, che può essere facilmente cancellata con un tovagliolo dopo l'esame. La procedura richiede 10-15 minuti.

Valutazione dei risultati della ricerca

La decodifica viene eseguita dal medico curante sulla base dei dati di misurazione, nonché della conclusione, effettuata dal sonologo. Quindi, nella norma:

  1. l'obiettivo non dovrebbe essere visibile, poiché è trasparente, ma la sua capsula posteriore deve essere visualizzata
  2. anche il corpo vitreo dovrebbe essere trasparente
  3. la lunghezza dell'asse dell'occhio nella visione normale è 22,4-27,3 mm
  4. potere rifrattivo dell'occhio con emmetropia: 52,6-64,21 D
  5. il nervo ottico deve essere rappresentato da una struttura ipoecogena larga 2-2,5 mm
  6. lo spessore dei gusci interni varia da 0,7-1 mm
  7. l'asse anteroposteriore del corpo vitreo è di circa 16,5 mm e il suo volume è di circa 4 ml.

Raccomandazioni per la procedura


Dove fare il miglior ecografo oculare è la tua scelta.

Ora in ogni città più grande ci sono diversi centri diagnostici, sia multi-campo che oftalmologici, in cui viene eseguita questa procedura.

La ricerca deve essere effettuata dopo la consultazione preliminare dell'oculista.

Il prezzo medio di un'ecografia delle orbite degli occhi è di circa 1.300 rubli. La fascia di prezzo va da 900 a 5000 rubli.

Recensioni della procedura

I pazienti sottoposti a questo studio hanno valutato positivamente il contenuto informativo del metodo, la velocità di ottenimento del risultato, la breve durata dello studio stesso e l'assenza della necessità di una preparazione preliminare. L'unico "ma" per alcuni di essi è che il medico che conduce lo studio non interpreta i risultati e non stabilisce appuntamenti, il che richiede una visita aggiuntiva all'oftalmologo.

Pertanto, l'ecografia oculare è un metodo altamente informativo che consente la diagnosi e il controllo del trattamento di un gran numero di malattie intraoculari e intraorbitali. Il metodo consente di determinare la patologia vascolare nelle fasi iniziali. Non richiede particolari costi finanziari e di tempo, nessun addestramento, quasi nessuna controindicazione. Tuttavia, dovrebbe essere nominato e trattato solo da un oculista qualificato.

Ultrasuoni agli occhi, indicazioni per l'uso

L'ecografia oculare è una procedura medica speciale che è prescritta in oftalmologia per il rilevamento più accurato e tempestivo di varie malattie e processi patologici. L'ecografia del bulbo oculare è una procedura completamente sicura. In alcuni casi, tale diagnosi è semplicemente indispensabile, soprattutto in presenza di gravi processi patologici e nei casi in cui altri metodi di ricerca non forniscono le informazioni più accurate sulla salute del fondo.

Ultrasuoni offre un'eccellente opportunità:

  • Esaminare in dettaglio tutti i processi nel bulbo oculare.
  • Valutare completamente le condizioni del nervo ottico e dei muscoli oculomotori.
  • Gli ultrasuoni con alta precisione determinano e valutano la salute generale dell'occhio.
  • Identifica i processi patologici esistenti che si verificano nel fondo.

Praticamente è sempre condotto uno studio Doppler parallelo, che valuta lo stato e il volume del flusso sanguigno e la pervietà di tutti i vasi oculari. Tali studi consentono al medico di rilevare prontamente eventuali anomalie e processi patologici e di prescrivere il trattamento più appropriato nel tempo.

Indicazioni per ultrasuoni

Le indicazioni per l'ecografia dell'occhio sono molte:

  1. Eventuali cambiamenti patologici nei parametri dello stato ottico dell'ambiente del bulbo oculare.
  2. La necessità di una valutazione più accurata delle dimensioni dell'orbita e della dimensione del fondo.
  3. La necessità per l'attuazione di studi di controllo del fondo per poter prescrivere tempestivamente e il trattamento più appropriato delle malattie rilevate.
  4. Con un appannamento significativo del mezzo ottico dell'occhio.
  5. Qualsiasi lesione agli occhi
  6. Glaucoma.
  7. Cataratta.
  8. Spostamento o dislocazione dell'obiettivo.
  9. Distacco della retina. Nel distacco della retina, tale studio consente di identificare il grado di distacco e lo stadio della malattia rilevata. Il fondo ecografico può identificare il problema nel modo più accurato possibile, anche se la sostanza dell'occhio è torbida.
  10. La presenza di eventuali malattie del nervo ottico.
  11. Rilevazione della distruzione nel corpo vitreo.
  12. L'esame ecografico consente di rilevare l'effusione nella regione vitreale e di distinguerla dall'emorragia e dalle opacità che si sono verificate.
  13. Per il rilevamento di processi adesivi nel corpo vitreo.
  14. Qualsiasi cambiamento nelle proprietà e nello spessore del tessuto adiposo, che si trova sul retro del bulbo oculare. È obbligatorio per differenziazione di vari stadi di esoftalmo, nella gente comune - beoglasia.
  15. Rilevare possibili patologie nei muscoli che permettono all'occhio di muoversi completamente.
  16. Effettuare la diagnostica e il controllo necessari nel processo di trattamento di qualsiasi patologia vascolare dell'occhio.
  17. Identificare anomalie congenite e anomalie della struttura del fondo e del suo apporto di sangue.
  18. Per monitorare la condizione dopo aver eseguito qualsiasi intervento chirurgico sul bulbo oculare. Soprattutto riguarda i momenti in cui è necessario valutare appieno la posizione delle lenti utilizzate, che vengono utilizzate in sostituzione dell'obiettivo. Dislocazione precisa della lente e rilevamento di qualsiasi possibile contrazione nelle strutture vicine dell'occhio.
  19. Diabete in qualsiasi stadio (angiopatia diabetica della retina).
  20. Pazienti ipertesi
  21. In presenza di eventuali patologie e malattie dei reni, in cui la pressione sanguigna aumenta in modo significativo. Lo studio consente di valutare appieno la salute del fondo.

La conduzione del fondo ecografico Doppler consente di condurre tempestivamente il monitoraggio necessario delle dinamiche nei casi in cui:

  1. Uno spasmo e un'ostruzione sono stati trovati nella regione della retina centrale, o meglio, nelle sue arterie.
  2. Con necropatia ischemica nella parte anteriore del bulbo oculare.
  3. In caso di rilevamento di trombosi nella regione della vena oculare superiore e nella regione della vena centrale situata vicino alla retina.
  4. Per la rilevazione di sinusite cavernosa.
  5. In caso di restringimento dell'arteria interna, che può avere un effetto negativo sulla velocità e sulla direzione del flusso sanguigno nelle arterie che alimentano l'occhio.

Tipi di ultrasuoni

Tale procedura come un'ecografia dell'occhio non richiede un allenamento speciale. L'unica condizione per gli specialisti è che le donne non dovrebbero applicare il trucco sull'area delle palpebre e delle palpebre, poiché il processo di condurre uno studio implica l'applicazione di un gel speciale alla palpebra chiusa, che migliora la penetrazione dei raggi ultrasonici durante lo studio. Vale la pena notare che non ci sono controindicazioni per gli ultrasuoni oculari.

Esistono diversi tipi di ultrasuoni:

  • Vista monodimensionale, gli esperti chiamano la modalità A.

Con questo studio, il medico può visualizzare completamente il programma emesso dal dispositivo. Nel grafico, l'asse orizzontale indica la distanza esatta di una certa struttura dell'occhio, che di solito passa l'ultrasuono per l'unità di tempo corrispondente. Dopo di che l'ecografia ritorna al sensore.

L'asse verticale nella tabella indica l'esatta ampiezza e forza del segnale eco stesso.

Con questo studio, il dispositivo ricrea l'intera immagine dello stato del bulbo oculare. In genere, l'ampiezza e il livello dell'eco vengono visualizzati sul display sotto forma di punti di diversa luminosità. Questo tipo di studio viene utilizzato per valutare la struttura interna e la salute dell'intero occhio nel suo insieme.

Questo tipo di ultrasuoni combina tutti i vantaggi di entrambi i tipi di scansione.

  • Vista tridimensionale dell'eco-scan.

Utilizzando speciali programmi per computer, un'immagine completa tridimensionale è disponibile per il medico per intero. I programmi utilizzati sono in grado di analizzare il più accuratamente possibile tutte le dimensioni statistiche e le patologie disponibili.

  • Duplex, modalità scansione a colori.

Grazie a questo tipo di ricerca, è possibile ottenere un'immagine bidimensionale dello stato del fondo. Di norma, l'immagine viene data al monitor insieme a tutti i dati relativi alle variazioni del flusso sanguigno e alla sua velocità. Per valutare il flusso di sangue nelle navi può essere assolutamente in tutti i vasi degli occhi: sia grandi che piccoli.

partecipazione ad ultrasuoni

Quando si esegue l'ecografia in modalità A, di regola, il paziente è seduto su una sedia speciale sul lato sinistro del medico. Nell'occhio su cui è pianificata un'ecografia, il medico scava uno speciale agente anestetico che garantisce la completa immobilità dell'occhio esaminato e l'assoluta assenza di dolore della procedura eseguita. Il sensore, che conduce lo studio, deve essere necessariamente sterile e la palpebra ben chiusa sull'occhio.

La modalità di diagnosi B prevede la scansione degli occhi solo attraverso una palpebra ben chiusa. Gli anestetici non sono usati per lo studio. Sulla palpebra, il medico applica una piccola quantità di un gel speciale che, dopo il completamento della procedura, il paziente può pulire con un normale tovagliolo. Nella maggior parte dei casi, lo studio non dura più di 20 minuti.

Decodifica risultati

Decifrare tutti i dati, di regola, conduce il medico generico essente presente. I risultati dello studio servono come dati per trarre conclusioni sullo stato di salute del fondo. Normalmente, non ci dovrebbero essere tali indicatori:

  • L'obiettivo non dovrebbe essere visualizzato, poiché il suo corpo è trasparente. Solo la capsula, che si trova sul retro, dovrebbe essere visualizzata.
  • L'umor vitreo dovrebbe essere completamente trasparente. La torbidità o l'oscuramento sono considerati una deviazione.
  • Se la visione è normale, la lunghezza dell'asse dell'occhio esaminato non deve superare i valori da 22,4 a 27,3 unità.
  • Il livello di potere rifrattivo dovrebbe variare da 52,6 a 64,21 unità diottriche.
  • Lo stato del nervo ottico dovrebbe essere rappresentato come una struttura ipoecogena con una larghezza non superiore a 2,5 millimetri.
  • Lo spessore del guscio interno dell'occhio dovrebbe essere compreso tra 0,7 e 1 millimetro, non di più.
  • Gli assi anteriore e posteriore del corpo vitreo non devono essere superiori a 16,5 millimetri e il volume non deve superare i 4 millimetri.

Di norma, l'ecografia viene eseguita dopo un esame preliminare da un oculista e se vengono rilevate alcune anomalie. La scelta della clinica in cui il passaggio previsto di questo studio, è necessario trattare con particolare attenzione e responsabilità. Perché in base ai risultati del risultato, il medico raccomanderà il trattamento necessario.

Ecografia oculare: come è fatta e cosa mostra

L'ecografia oftalmica è un metodo di ricerca utilizzato nella pratica oftalmica per la diagnosi di un gran numero di malattie e patologie. In alcuni casi, l'ecografia è indispensabile, in particolare, quando si esaminano pazienti con anomalie strutturali o malattie accompagnate da una diminuzione totale o parziale della trasparenza dei media. Tuttavia, questo metodo è sicuro e informativo.

L'ecografia dell'occhio consente di studiare la struttura dei muscoli oculari, il nervo ottico, ottenere dati sui movimenti nel bulbo oculare, misurare le dimensioni e valutare la struttura delle componenti normali e anormali (stenosi, tumori, effusione) dell'occhio.

Con la dopplerografia aggiuntiva, che è spesso parte integrante dell'ecografia oftalmologica, è possibile misurare la velocità del flusso sanguigno e valutare la pervietà dei vasi del bulbo oculare. Questa tecnica consente di identificare i cambiamenti patologici nella rete vascolare nelle primissime fasi della malattia.

testimonianza

Le indicazioni per l'esecuzione di un'ecografia dell'occhio sono:

  • misura della dimensione dell'orbita, che è una parte del cranio, all'interno del quale si trova il bulbo oculare;
  • valutazione di parametri di vari supporti ottici;
  • monitorare l'efficacia del trattamento e della diagnosi nelle neoplasie tumorali di quest'area;
  • annebbiamento di vari media ottici del bulbo oculare;
  • lesioni traumatiche agli occhi;
  • il sospetto di un corpo estraneo dell'occhio, al fine di determinare il fatto della sua presenza, misurare la dimensione, la localizzazione e la relazione con i tessuti circostanti, nonché valutare la capacità di magnetizzare e muoversi;
  • miopia e ipermetropia;
  • il glaucoma;
  • dislocazione della lente e suo annebbiamento (cataratta);
  • in caso di distacco della rete, l'ecografia oftalmica aiuta a determinare il tipo di distacco e lo stadio di sviluppo del processo patologico anche con una diminuzione della trasparenza dei media;
  • malattie del nervo ottico;
  • cambiamenti distruttivi nel corpo vitreo;
  • versamento nel corpo vitreo;
  • opacità intravitreali ed emorragie;
  • aderenze nella regione vitreale;
  • esoftalmo, associato a cambiamenti nello spessore o nella struttura del tessuto adiposo dietro il bulbo oculare stesso;
  • patologia dei muscoli oculomotori;
  • monitorare l'efficacia della terapia e la diagnosi dei cambiamenti vascolari nel bulbo oculare;
  • anomalie congenite nella struttura dell'occhio e dei suoi vasi;
  • il periodo postoperatorio per valutare la localizzazione della lente intraoculare, il suo possibile spostamento o la formazione di aderenze con i tessuti circostanti;
  • ipertensione e diabete mellito per stabilire lo stato della retina e della coroide;
  • patologia del rene, accompagnata da ipertensione e cambiamenti nel fondo.

Preparazione per lo studio

La preparazione specifica prima di effettuare l'ultrasonography di un bulbo oculare non è richiesta. Lo stesso studio non influenza il solito ritmo di vita del paziente.

Va notato che prima di eseguire l'oftalmologia, tutti i cosmetici devono essere rimossi da questa area del viso, perché durante la procedura viene applicato un gel speciale sulla palpebra superiore.

Controindicazioni

Controindicazioni all'ecografia oftalmica non esiste. Questa tecnica è sicura anche durante la gravidanza o l'allattamento, nei pazienti oncologici e nei pazienti con grave comorbilità.

classificazione

Esistono diversi tipi di scansione del bulbo oculare con gli ultrasuoni:

1. Unidimensionale (modalità A) è ottimale per caratterizzare i vari tessuti oculari. Con esso, effettua le misurazioni principali. Poiché una tecnica indipendente viene usata molto raramente.
2. La modalità bidimensionale (modalità B) consente di ricreare l'immagine su due piani. L'ampiezza del segnale è presentata sotto forma di diversi punti di luminosità. Questa modalità è adatta per studiare la struttura dell'occhio.
3. La combinazione А + В-mode combina entrambi i metodi presentati sopra.
4. La modalità tridimensionale è stata resa possibile dai moderni programmi per computer. A causa di ciò, è possibile ottenere un'immagine tridimensionale dell'occhio stesso e di tutte le strutture interne.
5. La scansione fronte-retro a colori include un'immagine bidimensionale e caratteristiche di velocità del flusso sanguigno attraverso i vasi dell'occhio, presentate a colori.

Com'è fatta un'ecografia agli occhi

Nel processo di esecuzione di un'ecografia in modalità A, il paziente è seduto su una sedia speciale a sinistra del medico. Successivamente, viene eseguita l'anestesia superficiale al fine di ottenere l'immobilità dell'occhio esaminato e garantire una manipolazione indolore. Un sensore sterile viene posizionato direttamente sulla superficie del bulbo oculare. Le palpebre del paziente sono aperte.

B-scan e Doppler vengono eseguiti attraverso la palpebra chiusa. In questo caso, l'anestesia oculare non viene eseguita e sulla pelle viene applicato un gel speciale. Dopo lo studio, che dura circa un quarto d'ora, il gel viene rimosso usando una salvietta normale.

Video sul metodo dell'ecografia del bulbo oculare

Cosa fa un esame ecografico dell'occhio

L'ecografia del bulbo oculare fornisce ampie informazioni all'oculista non solo sulla dimensione e posizione delle strutture dell'organo visivo, ma anche sui corpi estranei del bulbo oculare, sul distacco della retina, sulla lussazione o sublussazione della lente, sulle nuove formazioni dell'occhio e sull'orbita. Questo studio consente di misurare la dimensione antero-posteriore, che è importante per valutare la dinamica della miopia o la selezione di una lente artificiale (IOL) quando si pianifica un intervento chirurgico di cataratta.

Come viene eseguita e decodificata la diagnostica ecografica dell'occhio e del bulbo oculare?

Per la diagnosi di varie patologie oculari spesso usate ecografie. Gode ​​di grande popolarità grazie alla sua semplicità, sicurezza e alto contenuto informativo. Grazie alla procedura, il medico può valutare completamente le condizioni del fondo, della lente e dei muscoli degli occhi. Spesso, una procedura simile viene prescritta dopo che il paziente ha subito un intervento chirurgico sugli occhi.

Ultrasuoni: un modo sicuro e indolore per studiare gli occhi

Tale diagnostica può non solo rivelare varie malattie dell'occhio nelle fasi iniziali, ma anche monitorarne lo sviluppo e la dinamica.

Indicazioni per lo studio

Ecografia oculare è prescritto nel caso di:

  • la presenza di miopia o ipermetropia in misura elevata;
  • distacco della retina;
  • cataratta e glaucoma;
  • se il paziente ha un gonfiore dell'occhio;
  • se c'è qualche patologia dei muscoli oculari;
  • lesioni agli occhi;
  • la presenza nel bulbo oculare di un corpo estraneo;
  • malattie delle orbite oculari associate alle navi;
  • malattie del nervo ottico;
  • se il paziente ha una malattia cronica, per esempio, il diabete e altri.

L'ecografia Doppler dell'occhio viene spesso prescritta con gli ultrasuoni. È necessario studiare lo stato delle navi dell'occhio. È con questo metodo che il problema con la circolazione sanguigna degli occhi viene rilevato nelle fasi iniziali.

Controindicazioni e preparazione per gli ultrasuoni

Chiunque può fare un'ecografia del bulbo oculare, non ci sono controindicazioni. La tecnica è assolutamente sicura anche per le donne incinte e le donne che allattano. L'unico ostacolo alla procedura può essere una ferita aperta all'occhio, quindi la procedura stessa sarà difficile.

Non ci sarà una preparazione speciale. Inoltre, l'ecografia stessa non influenzerà la vita abituale del paziente. Prima di andare all'ecografia, si consiglia di rimuovere tutti i cosmetici dal viso. Tutto perché, a seconda del metodo, verrà applicato un gel speciale sulla palpebra superiore.

Procedura d'esame

La modalità di esecuzione della diagnostica dipende direttamente dal metodo che verrà scelto:

  • Metodo A o ecografia monodimensionale. Applica questo metodo per determinare con precisione le dimensioni dell'occhio, ad esempio, se è necessaria un'operazione. Inoltre, considerare la struttura delle orbite dell'occhio. Il paziente è il primo anestetico che viene instillato, agisce come antidolorifico e non consente all'occhio di muoversi. Lo specialista prende il sensore e inizia a guidarlo dolcemente sull'occhio. Alla fine dello studio, appare un grafico su cui sono annotati tutti i parametri importanti dell'occhio. E lo specialista sta già decifrando i dati.
  • Metodo B o ecografia bidimensionale. Utilizzato per esplorare la struttura interna del fondo, mentre si riceve un'immagine bidimensionale. Uno specialista sul monitor sta visualizzando un numero elevato di punti luminosi con luminosità diversa. Non è necessaria alcuna preparazione oculistica aggiuntiva per questo metodo. Ultrasuoni eseguiti attraverso la palpebra chiusa. La durata della procedura è di circa 15 minuti. Un gel speciale viene applicato sulla palpebra del paziente. Dopo la procedura, può essere facilmente rimosso con un tovagliolo.
  • Una combinazione di metodi A e B. Queste sono combinazioni di entrambi i metodi per ottenere la diagnosi più accurata dell'occhio.
  • Biomicroscopia ad ultrasuoni. La base di questo metodo risiede nell'elaborazione digitale degli echi. Ciò aiuta a migliorare più volte la qualità dell'immagine in uscita sul monitor. Successivamente, l'immagine risultante viene inviata per decrittografare.
  • Ecografia tridimensionale Questo metodo viene utilizzato per ottenere un'immagine tridimensionale dell'occhio, il fondo dell'occhio. Puoi anche considerare la struttura delle orbite e le loro navi. A seconda di come viene utilizzata l'attrezzatura moderna, l'immagine può essere visualizzata in tempo reale.
  • Energy Doppler. Il metodo viene utilizzato per analizzare la velocità e l'ampiezza nel flusso sanguigno, che consente di ottenere un quadro completo dello stato delle navi.
  • Doppler a onda pulsata. Questo metodo è l'analisi del rumore. E questo, a sua volta, è necessario per determinare con maggiore precisione la direzione del flusso sanguigno, la sua velocità nei vasi delle orbite dell'occhio.
  • Esame duplex a ultrasuoni. Questo metodo combina i benefici di tutti i metodi degli occhi ad ultrasuoni che esistono al momento. La scansione duplex consente di valutare simultaneamente la dimensione delle orbite oculari, nonché di analizzare la loro struttura ed esaminare lo stato del sistema vascolare.

Decodifica risultati

Valuta i risultati dello specialista della ricerca. È impegnato nella decodifica dei dati degli ultrasuoni dell'occhio, cioè confronta gli indicatori finiti con i parametri della norma.

Il medico valuta le prestazioni delle strutture principali del bulbo oculare

Ci sono valori delle misure, per eliminare la presenza di eventuali patologie dell'occhio. Nella decodifica degli ultrasuoni del bulbo oculare, compaiono i seguenti parametri:

  • Lente trasparente dell'occhio, deve essere completamente invisibile. Questo non si applica solo alla capsula posteriore, che dovrebbe essere visibile.
  • Il corpo vitreo è trasparente e ha un volume di circa 4 ml.
  • La lunghezza dell'asse dell'occhio è compresa tra 22,4 e 27,3 mm.
  • I gusci interni dovrebbero avere uno spessore di 0,7-1 mm.

Il metodo ha un alto grado di informatività e con il suo aiuto molte malattie sono identificate nelle primissime fasi dello sviluppo. Con l'aiuto dell'ecografia si esaminano le strutture profonde del bulbo oculare, consentendo di creare un quadro completo della salute delle orbite del paziente e assegnargli il trattamento necessario.

È possibile diagnosticare le orbite oculari, come prescritto da un medico, o come misura preventiva, per prevenire l'insorgenza o lo sviluppo di molte malattie.

Google+ Linkedin Pinterest