Pterigio 3 gradi

Pterigio (pterigoideo) - la formazione di una forma triangolare, spesso nell'angolo interno della fessura palpebrale, costituita da tessuto degenerato alterato della congiuntiva del bulbo oculare, gradualmente crescendo dal limbus e l'area circostante verso il centro della cornea. Le sue dimensioni variano da piccole, non influenzano la visione, a grandi dimensioni, occupando una parte significativa della cornea; e il flusso può essere protratto o rapidamente progressivo quando il pterygium raggiunge la zona ottica centrale della cornea in breve tempo.

motivi

Oggi, le cause esatte della malattia non sono note. Ma i fattori identificati che aumentano il rischio del suo sviluppo, tra cui il seguente:

1. Radiazione ultravioletta aggressiva. I residenti dei paesi e delle aree meridionali hanno maggiori probabilità di sperimentare questo disturbo.

2. Esposizione dell'occhio alla polvere e ad altre sostanze irritanti.

3. Irritazione degli organi della vista dal vento.

4. predisposizione ereditaria

5. Effetto negativo sugli occhi dei computer.

6. Tendenza all'infiammazione costante della congiuntiva.

Né l'età né il sesso del paziente influenzano lo sviluppo della malattia. La patogenesi dello sviluppo di pterigio è la seguente. Con un effetto sistematico sul bulbo oculare dei suddetti fattori e con un'infiammazione costante della congiuntiva, c'è una tendenza a migliorare il pattern vascolare. Se questo processo si verifica frequentemente e dura a lungo, anche il tessuto epiteliale della membrana esterna dell'occhio subisce cambiamenti. Molti vasi appena formati promuovono la penetrazione dei fibroblasti nella cornea, che iniziano a produrre tessuto connettivo. Il risultato è la crescita di pterigio.

Nel tempo, l'imene pterigoideo aumenta (forma progressiva) o rimane invariato (pterygium stazionario). Il tumore è evidente a occhio nudo, ha l'aspetto di un film grigiastro che ha una forma triangolare. Lo spigolo di questo film è diretto all'allievo. Molto spesso, lo sviluppo della malattia è osservato dal naso. Entrambi gli occhi possono essere colpiti allo stesso tempo.

L'oscuramento della lente dell'occhio causa un collegamento.

gradi

Secondo uno studio di M.E. Konovalov, la classificazione di pterigio include 5 gradi di sviluppo di pterigio, ei primi tre gradi di diffusione della malattia suggeriscono il trattamento della malattia con l'aiuto della chirurgia. Tuttavia, non dovresti essere turbato se improvvisamente hai un epidelio - il trattamento nel tuo caso dovrebbe essere prescritto da un medico esperto che valuterà il grado di sviluppo e diffusione della malattia e ti dirà se la crescita nel prossimo futuro potrebbe danneggiare la vista. Nel caso in cui la crescita non ti infastidisca e non costituisca un grave difetto estetico, è possibile che tu abbia bisogno di un trattamento sintomatico dello pterigio.

È tutt'altra cosa che se il paziente progredisce e cresce nella membrana pterigoidee, vari disturbi appaiono, per esempio, una sensazione di corpo estraneo nell'occhio, una sensazione di secchezza, irritazione agli occhi, che gradualmente si sviluppa in una forma cronica, astigmatismo, aumento della congiuntiva nella zona centrale, ecc.. Quindi la rimozione del pterigio con un metodo chirurgico è l'unica corretta. La pratica mostra che la crescita dovrebbe essere rimossa il prima possibile al fine di evitare ulteriori ricadute che si verificano in circa la metà dei casi.

trattamento

Oggi, lo pterigoideo può essere trattato sia conservativamente che chirurgicamente.

La terapia conservativa è indicata quando:

- l'educazione non influisce sull'allievo;

- l'educazione non porta disagi al paziente;

- L'educazione per determinati motivi non può essere rimossa con metodi chirurgici.

La terapia conservativa prevede la nomina di farmaci lacrime artificiali e farmaci anti-infiammatori. Dopo la rimozione dell'imene pterigoideo, la terapia conservativa è integrata con farmaci antibatterici.

Va notato che lo sviluppo del pterigio deve essere monitorato da vicino, impedendo la crescita dell'imene sulle parti centrali della cornea. In tali casi, è preferibile rimuovere il tumore alla periferia della cornea.

Con la crescita di pterigio alla pupilla, c'è un'alta probabilità che dopo la rimozione della neoplasia delle opacità corneali, che, a sua volta, porterà ad una diminuzione dell'acuità visiva. Quando il pterygium viene rimosso nella periferia, il rischio di opacizzazione corneale è minimo e l'opacità sarà meno evidente.

laser

Il metodo laser di rimozione del pterigio è il seguente: sotto l'azione di un raggio laser, l'afflusso di sangue viene interrotto e la testa del pterigio viene interrotta per ridurre il rischio di recidiva.

operazione

Se si sviluppa la cornea pterygium, l'unico metodo di trattamento efficace è la chirurgia. Se il paziente non è infastidito da un difetto estetico, i pterigeni non progressivi che penetrano leggermente nella cornea non possono essere rimossi. Se il pterygium progredisce, dovrebbe essere rimosso il prima possibile. È meglio rimuovere lo pterigio mentre non ha ancora raggiunto il centro della cornea, poiché dopo la rimozione chirurgica potrebbe esserci un annebbiamento sulla cornea e questo ridurrà significativamente l'acuità visiva.

L'operazione di rimozione del pterigium non può essere considerata una procedura ambulatoriale minore e deve essere trattata come una microchirurgia responsabile e anche in chirurgia refrattiva. Quando la congiuntiva cresce, la cornea dell'occhio si appiattisce, il che porta a aberrazioni (disturbi refrattivi), che a volte non possono essere eliminati né con la chirurgia né con la correzione. L'operazione viene eseguita in anestesia locale, non dura più di mezz'ora.

Dopo la solita escissione della congiuntiva patologicamente espansa dalla cornea, spesso si osservano recidive di pterigio. Ci sono molte tecniche volte a prevenire la recidiva di pterigio. Uno di questi: il chirurgo cuce la congiuntiva con una piega alla guaina sclerale ad una distanza di 2-3mm dalla cornea.

La rimozione chirurgica dello pterigio richiede una successiva terapia antibatterica e antinfiammatoria per diversi giorni.

rimozione

L'intervento viene eseguito in anestesia locale con collirio mediante due incisioni congiuntivali convergenti verso l'angolo interno dell'occhio. L'operazione termina con la sutura della ferita con suture cosmetiche.

Cos'è il pterygium.

Pterigio o pterigio (nella traduzione latina - ala) - la formazione di una forma triangolare, spesso nella regione del canto interiore, consistente in tessuto degenerato alterato della congiuntiva del bulbo oculare. Questa formazione è visibile ad occhio nudo, sembra un film grigiastro, diretto con un bordo acuto alla pupilla. Un processo può catturare uno o entrambi gli occhi allo stesso tempo. E molto spesso lo sviluppo dell'imene pterigoideo è osservato dal naso.

Cause di Pterigio

Il pterygium è abbastanza diffuso. Si verifica in persone di qualsiasi fascia di età, ma più spesso in età adulta. Le ragioni per lo sviluppo della malattia sono: alta frequenza e durata dell'effetto delle radiazioni ultraviolette sulla zona degli occhi, che è inerente ai residenti delle regioni con un clima caldo, lavoro in aree aperte, trascuratezza dei metodi e dei mezzi di protezione degli occhi. Disposizione provata ed ereditaria alla comparsa di segni di pterigio.

Pterygium è sviluppato come segue. Con l'effetto sistematico dei suddetti fattori sul bulbo oculare e con l'infiammazione costante della congiuntiva, c'è una tendenza a migliorare il pattern vascolare. Se questo processo si verifica frequentemente e dura a lungo, anche il tessuto epiteliale della membrana esterna dell'occhio subisce cambiamenti. Un certo numero di nuovi vasi si formano, contribuendo alla penetrazione dei fibroblasti nella cornea, che stanno iniziando a produrre tessuto connettivo. Di conseguenza, il pterigio cresce.

Si noti che gli uomini hanno il doppio delle probabilità di soffrire di pterigio rispetto alle donne. Una tale predisposizione a questa malattia può essere il risultato di una maggiore suscettibilità alla loro eccessiva irradiazione ultravioletta dovuta al travaglio e ad altre attività.
Il pterygium è estremamente raro nei pazienti di età inferiore ai 20 anni. Molto spesso, questa malattia viene rilevata all'età di 20-40 anni.

Classificazione Pterygium

Secondo il grado di progressione in oftalmologia, si distinguono pterigio stazionario e progressivo. I seguenti segni distinguono la forma progressiva di pterigio: una testa ispessita sporge dalla superficie della cornea; le navi convolute del sangue intero formano una rete sviluppata nello pterigio.

A seconda dello stato dei vasi episcle, può essere determinata la capacità del pterygium di progredire:
1 grado - il pterygium è trasparente, atrofico, attraverso esso i vasi episclera sono chiaramente visibili; la probabilità di progressione è minima.
Grado 2 - pterigio sporgente, traslucido, vasi episcleri visti parzialmente.
Grado 3 - pterigio altamente attivo, opaco; le navi non sono visibili

Sulla base della prevalenza della crescita, del valore dell'astigmatismo e della riduzione dell'acuità visiva, si distinguono cinque stadi clinici dello pterigio: dall'iniziale alla pronuncia, che porta ad una significativa riduzione della visione:
Sono st. - l'educazione è osservata solo ad un arto, i pazienti non mostrano alcun reclamo.
II st. - la testa del pterigio si trova nel mezzo della distanza tra l'arto e il bordo della pupilla. L'aspetto dell'astigmatismo irregolare della cornea nell'area direttamente davanti alla testa del pterigio è caratteristico e l'astigmatismo corretto di un piccolo grado si rivela nella zona ottica. L'acuità visiva può essere ridotta a 0,9-0,7.
III art. - la testa del pterigio si trova sulla cornea al margine della pupilla, l'astigmatismo dovuto all'ispessimento del meridiano orizzontale della cornea è migliorato, l'acuità visiva può essere ridotta a 0,5.
IV art. - la testa raggiunge il centro della cornea (proiezione del centro della pupilla). Prevale astigmatismo significativamente anormale o corretto (2,5-7,5 diottrie). L'acuità visiva diminuisce a 0,3-0,2.
V Art. - la testa del pterygium si estende oltre il centro della cornea e può estendersi ulteriormente lungo la cornea. La rifrazione non può essere determinata, l'acuità visiva inferiore a 0,1; si possono sviluppare wallores corneali, aderenze della congiuntiva alterata alle palpebre o agli organi lacrimali.

Sintomi di Pterigio

La gravità dei sintomi dipende dallo stadio di pterigio. Nella fase iniziale, una persona non avverte alcun disagio, ma può vedere una leggera condensazione sul bulbo oculare.

Il pterygium nel secondo stadio si manifesta con sintomi come:
la sensazione di un corpo estraneo nell'occhio, che sorge a causa del fatto che la neoplasia agisce sui recettori sulla superficie interna delle palpebre;
secchezza e irritazione della congiuntiva a causa di una violazione della formazione del film lacrimale.

Gli occhi progressivi di pterigio possono portare a una serie di complicazioni, tra cui:
ispessimento della cornea e astigmatismo;
deficit visivo significativo dovuto alla sovrapposizione della pupilla;
infiammazione della congiuntiva, accompagnata da gonfiore, prurito, arrossamento e lacrimazione;
la comparsa di cicatrici sul guscio dell'occhio e sulla cornea;
deformazione delle fibre extraoculari e ridotta mobilità della mela;
diplopia associata a cicatrizzazione del muscolo esterno diretto;
assottigliamento delle singole sezioni della cornea;
degenerazione maligna dei tessuti congiuntivali (in casi molto rari).

Metodi per la diagnosi di pterigio

L'esame da parte di un oftalmologo comprende il controllo dell'acuità visiva e l'ispezione visiva utilizzando una lampada speciale. Se ci sono fenomeni di miopia, astigmatismo, viene nominata cheratotopografia. Il monitoraggio dinamico dei processi in corso ci consente di calcolare il tasso di sviluppo della malattia.

Trattamento di pterigio

Lo pterigoideo è trattato con metodi chirurgici e conservativi. Se il tumore non influenza la pupilla e non arreca gravi disturbi al paziente, non è possibile rimuovere lo pterigio dell'occhio. L'operazione viene eseguita in questo caso esclusivamente su richiesta del paziente al fine di eliminare il difetto estetico. Le lacrime artificiali e la terapia anti-infiammatoria sono indicate al paziente. Dopo la rimozione della formazione chirurgica, viene prescritto l'uso di gocce e unguenti anti-infiammatori e antibatterici per diversi giorni (Levomicetina, Tobradex, ecc.).

Molte tecniche sono state sviluppate per la rimozione di pterigio. La loro base è la rimozione dei tessuti degenerati alterati della congiuntiva. Tuttavia, una semplice escissione nel 50-80% dei casi porta a una ricaduta, ancora più aggressiva rispetto al processo originale. Per prevenire questo, è possibile utilizzare la preparazione citostatica mitomicina C, b-irradiazione, crioagulazione, terapia fotodinamica, ecc. Per sostituire un difetto del tessuto, l'autotrapianto congiuntivale o la membrana amniotica è più spesso usato, che sono attaccati usando suture o colla speciale. In tali casi, il tasso di recidiva è, secondo varie fonti, del 5-15%.
L'intervento viene solitamente eseguito in anestesia locale. Nel periodo postoperatorio vengono prescritti agenti antibatterici topici e gocce o pomate antinfiammatorie.

Le complicazioni della chirurgia possono essere:
1) infezione
2) la risposta del corpo al materiale di sutura
3) diplopia
4) fallimento dell'innesto congiuntivale
5) cicatrici corneali

Molto raramente possono verificarsi perforazioni del bulbo oculare, emoftalmo, distacco della retina. Nel periodo a lungo termine dopo l'uso di? -Radiazione o mitomicina C, possono verificarsi assottigliamento o ectasia della sclera e / o della cornea.

Trattamento dei rimedi popolari pterigio

Il trattamento dei rimedi popolari pterigio è applicabile solo come mezzo per alleviare i sintomi. In particolare, è possibile utilizzare la pulizia degli occhi con un tampone di cotone immerso in una miscela concentrata di tè nero, o lavare gli occhi con un decotto di camomilla per aiutare a ridurre l'infiammazione. Si usano anche gocce di erbe, impacchi di argilla e altri metodi, il loro arsenale è piuttosto ampio.

Tuttavia, va ricordato che con la maggior parte dei disturbi, anche con una malattia come il pterigio, il trattamento con i rimedi popolari non dovrebbe venire alla ribalta. Tuttavia, la consultazione e il trattamento sotto la supervisione dei medici sarebbe l'opzione migliore.

Prevenzione di pterigio

Per prevenire la malattia, è necessario evitare fattori ambientali negativi:
proteggere gli occhi dalle radiazioni ultraviolette con occhiali da sole e cappelli a tesa larga;
evitare che polvere e sostanze chimiche entrino negli occhi;
osserva la modalità di lavoro e riposo quando si lavora al computer.
Se si seguono tutte queste precauzioni, è possibile evitare la comparsa di spiacevoli escrescenze negli occhi.

Al minimo fastidio agli occhi, sarà meglio contattare un oftalmologo per un'assistenza professionale e tempestiva.

Pterigio 3 gradi

Il pterygium (pterigio) è una patologia patologica della congiuntiva che si accumula sulla cornea. Il Pterygium è più suscettibile ai residenti dei paesi meridionali, così come alle persone che trascorrono molto tempo all'aria aperta. La malattia contribuisce alla radiazione solare, polvere, vento, sostanze irritanti chimiche.

sintomi

Di norma, il rilevamento di pterigio avviene nelle fasi avanzate, poiché inizialmente la malattia non causa alcun inconveniente al paziente e non ci sono ragioni per andare da un oculista. Ulteriori possibili manifestazioni di un numero di sintomi:

  • Visione offuscata;
  • Aumento dell'affaticamento degli occhi;
  • L'aspetto di un prurito;
  • Sensazione di secchezza;
  • Sensazione di un oggetto estraneo nella sclera;
  • Aumentare il livello di sensibilità alla luce;
  • Aumento dell'umidità nei canali lacrimali.

Il pterygium è diviso in acquisito e congenito. Un difetto congenito della sclera può essere una conseguenza di un'infezione virale intrauterina. C'è anche una divisione in forme non progressiste e progressive di pterigio. Con una forma progressiva, un tumore può iniziare sul bordo dell'occhio e successivamente chiuderlo completamente.

Alta chirurgia miopia qui

motivi

Ad oggi, la causa esatta dello sviluppo del pterigio non è stata stabilita. Nel frattempo, sono stati identificati i fattori che nel tempo possono portare allo sviluppo della patologia. Questi fattori includono:

  • la tendenza del paziente a frequenti malattie congiuntivali;
  • impatto negativo sull'organo della visione del computer;
  • predisposizione genetica;
  • irritazione degli occhi dal vento;
  • esposizione agli occhi di varie sostanze irritanti (polvere, agenti chimici, sabbia);
  • effetti aggressivi sull'organo della cura ultravioletta (questo causa la frequente registrazione della malattia tra i residenti dei paesi meridionali).
  • Va notato che lo sviluppo di pterigio non è influenzato dal sesso o dall'età del paziente.

La patogenesi della malattia è la seguente. Un effetto sistematico sulla congiuntiva provoca un aumento del pattern vascolare, che nel tempo porta a cambiamenti nel tessuto epiteliale della membrana esterna dell'occhio. Molte navi istruite contribuiscono all'ingresso di cellule come i fibroblasti, che sono responsabili della produzione di tessuto epiteliale. Di conseguenza, il pterigio cresce.

Nel frattempo, la membrana pterigoideo può aumentare di dimensioni (una forma progressiva della malattia) o rimanere invariata (la forma stazionaria della malattia). Esternamente, il tumore sembra un film grigiastro che ha una forma triangolare. Il lato tagliente del film è diretto verso la pupilla. Nella maggior parte dei casi, la malattia si osserva nella parte del naso, mentre entrambi gli occhi possono essere coinvolti nel processo patologico.

classificazione

La classificazione di pterigio include 5 gradi di sviluppo del pterygium, con i primi tre gradi di diffusione della malattia che suggeriscono il trattamento del disturbo con l'aiuto dell'intervento chirurgico.

Tuttavia, non dovresti essere turbato se improvvisamente hai un epidelio - il trattamento nel tuo caso dovrebbe essere prescritto da un medico esperto che valuterà il grado di sviluppo e diffusione della malattia e ti dirà se la crescita nel prossimo futuro potrebbe danneggiare la vista.

Nel caso in cui la crescita non ti infastidisca e non costituisca un grave difetto estetico, è possibile che tu abbia bisogno di un trattamento sintomatico dello pterigio.

È tutt'altra cosa che se il paziente progredisce e cresce nella membrana pterigoidee, vari disturbi appaiono, per esempio, una sensazione di corpo estraneo nell'occhio, una sensazione di secchezza, irritazione agli occhi, che gradualmente si sviluppa in una forma cronica, astigmatismo, aumento della congiuntiva nella zona centrale, ecc..

Quindi la rimozione del pterigio con un metodo chirurgico è l'unica corretta. La pratica mostra che la crescita dovrebbe essere rimossa il prima possibile al fine di evitare ulteriori ricadute che si verificano in circa la metà dei casi.

trattamento

La malattia progredisce lentamente e nelle fasi iniziali non influisce sull'acuità visiva, senza causare alcun disagio. La rimozione di pterigio in questo caso viene eseguita su richiesta del paziente con uno scopo cosmetico.

Tuttavia, se il pterigio comincia a crescere, ci sono sensazioni spiacevoli quando lampeggia, lacrimazione, la vista può deteriorarsi a causa dell'astigmatismo, che si sviluppa quando il film si sviluppa sulla cornea. In questi casi è necessario un intervento chirurgico urgente.

Di regola, viene eseguito in anestesia locale. Le gocce anestetiche vengono instillate nel paziente e la soluzione anestetica viene iniettata nello pterigio. Il film è asportato con una lama, il difetto della congiuntiva viene suturato. Viene applicato un cerotto asettico. Dopo l'intervento chirurgico, le gocce antinfiammatorie sono prescritte da un medico. Il ricovero non è richiesto. Non c'è bisogno di aderire a un regime speciale dopo l'intervento. Dopo 10-14 giorni, il paziente può iniziare a lavorare.

Nei casi avanzati, quando il pterigio copre completamente la pupilla, la visione oggettiva scompare. La chirurgia diventa tecnicamente più difficile per il chirurgo e più difficile da tollerare dal paziente. Dopo l'operazione, la visione potrebbe non riprendersi al livello precedente allo sviluppo del pterigio, perché cresce stabilmente insieme alla cornea e il suo reparto chirurgico interrompe la sua trasparenza. Ecco perché è importante non perdere il momento in cui l'operazione verrà eseguita rapidamente, in modo efficiente e non porterà delusioni né al medico né al paziente.

Le caratteristiche del periodo postoperatorio sono:

  • forte dolore, perché la cornea, da cui viene rimossa parte del pterigio, è l'involucro più sensibile dell'occhio. Quando è danneggiato, il che è inevitabile durante l'intervento chirurgico, si sviluppa la cosiddetta sindrome corneale, manifestata dal dolore, che impedisce all'occhio di aprirsi per lacrimazione. Non appena la ferita corneale guarisce, il disagio scompare;
  • la possibilità di sanguinamento dai vasi sanguigni della congiuntiva entro poche ore dopo l'intervento chirurgico. Questo non dovrebbe essere spaventato! Basta cambiare la medicazione bagnata con una nuova;
  • arrossamento prolungato dell'occhio. Poiché il pterygium è permeato di vasi sanguigni, quando viene rimosso, il sangue può fluire sotto la congiuntiva con la formazione di emorragia. Si risolve senza trattamento entro 1-2 settimane.
  • dal momento che il difetto congiuntivale viene cucito, la prima volta è possibile percepire una macchia di granello negli occhi. Non ti preoccupare, i punti si dissolveranno da soli in 7-10 giorni;
  • pterigio - malattia ricorrente. Se, dopo la cancellazione, riappare, sarà necessaria un'altra operazione.

Ricorda che non ci sono trattamenti folcloristici e farmacologici attualmente disponibili per il pterygium. Con l'aspetto di questa educazione in te o nei tuoi parenti, dovresti immediatamente contattare un oftalmologo!

Rimozione laser

Diverse tecniche chirurgiche sono utilizzate per rimuovere lo pterygium e la loro scelta dipende dalla decisione del medico. Se la dimensione del pterigio è piccola, l'operazione può essere eseguita in anestesia locale con colliri anestetici. L'operazione dura non più di mezz'ora. Dopo di ciò, il paziente deve indossare una benda sull'occhio speciale per un paio di giorni.

Sfortunatamente, dopo la pronta rimozione del pterigio, può verificarsi la sua recidiva. La probabilità di recidiva di pterigio può raggiungere il 40%. Per prevenire il ripetersi di questa malattia, il medico può orlo o incollare al sito in cui è stato rimosso pterigio, un pezzo di tessuto congiuntivale.

Inoltre, la mitomicina del farmaco, che inibisce lo sviluppo di nuovi tessuti, può essere utilizzata localmente. Dopo la rimozione dello pterigio, vengono prescritte gocce anti-infiammatorie per prevenire la risposta infiammatoria.

operazione

Il trattamento chirurgico (operazione) del pterigio deve essere effettuato nel periodo in cui il film non ha chiuso la zona centrale della cornea. Durante l'escissione del pterigio ricorrente eseguire cheratoplastica stratificata regionale. Dopo la rimozione del pterigio, rimane il persistente appannamento superficiale della cornea.

Dopo l'intervento

Dopo aver rimosso la formazione per diversi giorni, si raccomanda di trattare gli occhi con anti-infiammatori

Dopo aver rimosso la formazione per diversi giorni, si raccomanda di trattare gli occhi con gocce e unguenti anti-infiammatori e antibatterici (per esempio, Levomicetina, Tobradex).

In qualsiasi trattamento, specialmente in chirurgia, sono possibili alcune complicanze, ad esempio un innesto non idoneo o una reazione allergica al materiale di sutura, pertanto è necessario consultarlo prima dell'operazione ed eseguirlo solo con specialisti altamente qualificati.

Rimedi popolari

Se hai familiarità con questa parola incomprensibile "pterygium", allora sei una di quelle persone che si trovano ad affrontare questa malattia. Sebbene i segni del pterigio siano visibili ad occhio nudo, è necessario consultare un oftalmologo per diagnosticare la malattia. È molto importante scoprire, insieme al medico, se la malattia è progressiva e quanto è veloce questa procedura.

Ricordare che prima si consulta un medico, maggiore è la probabilità di un esito positivo del trattamento. Non c'erano casi in cui la membrana pterigoide passava da sola o era curata da qualche "rimedio popolare". Il trattamento può essere solo chirurgico. Dopo l'intervento, l'occhio assumerà un aspetto normale.

Tuttavia, a causa del fatto che le principali cause di pterigio sono considerate ereditarietà, malattie non trattate della congiuntiva e maggiore irritazione agli occhi, la membrana pterigoide può riapparire.
Fino a quando la congiuntiva cresce alla pupilla dell'occhio, si può parlare solo di un effetto cosmetico negativo. Tuttavia, la crescita di pterigio sulla pupilla può portare a una notevole perdita della vista anche dopo una operazione riuscita per eliminare questa crescita. Pertanto, in ogni caso, non auto-medicare con l'aiuto di rimedi popolari.

Pterygium (Pterygium)

Il pterygium (pterygium, pterygium) è una piega congiuntivale dell'occhio, che ha una forma triangolare e aumenta orizzontalmente sulla cornea dall'angolo interno o esterno (in casi rari) della fessura palpebrale.

contenuto

Il pterygium è costituito da tessuto fibrovascolare di colore opaco bianco o grigiastro. Può essere piccolo quanto 2-3 mm di larghezza o molto grande in quanto si sovrappone parzialmente alla pupilla, causando una diminuzione o una completa perdita della vista. Il Pterygium è più comune nelle persone di età superiore ai 40-50 anni, così come in coloro che, a causa del loro luogo di residenza o di occupazione, trascorrono molto tempo sotto i raggi diretti del sole.

motivi

Le ragioni esatte per lo sviluppo della pterigy dell'occhio non sono state stabilite. I medici identificano diversi fattori che aumentano il rischio di cambiamenti degenerativi nella congiuntiva. Tra loro ci sono:

  • esposizione a radiazioni ultraviolette, aria secca, vento;
  • contatto visivo con polvere, sabbia, prodotti chimici;
  • lavorare al computer;
  • predisposizione genetica;
  • congiuntivite cronica;
  • microtrauma della sclera e della cornea;
  • disordini metabolici e ormonali.

Tutte queste circostanze, ad eccezione dell'ereditarietà, possono provocare il pterigio a condizione di un'esposizione prolungata. Sotto la loro influenza nella struttura del guscio del bulbo oculare un aumento del numero di vasi sanguigni, così come la loro espansione. Esternamente, si manifesta sotto forma di una griglia capillare rossa.

A causa dell'aumentata circolazione sanguigna, i cheratociti sono significativamente attivati ​​- fibroblasti speciali contenuti nello strato corneo. Secernono elementi di tessuto connettivo. Di conseguenza, parte della congiuntiva si ispessisce e si forma pterigio: il pterigoideo, il cui bordo acuto è diretto verso la pupilla. Può interessare uno o entrambi gli occhi.

A seconda della velocità di crescita, distinguono i ptericoli progressivi e stazionari (immodificati). Una neoplasia allargata può avere un ritmo lento o può verificarsi molto rapidamente.

sintomi

La gravità dei sintomi dipende dallo stadio di pterigio. Nella fase iniziale, una persona non avverte alcun disagio, ma può vedere una leggera condensazione sul bulbo oculare.

Il pterygium nel secondo stadio si manifesta con sintomi come:

  • la sensazione di un corpo estraneo nell'occhio, che sorge a causa del fatto che la neoplasia agisce sui recettori sulla superficie interna delle palpebre;
  • secchezza e irritazione della congiuntiva a causa di una violazione della formazione del film lacrimale.

Gli occhi progressivi di pterigio possono portare a una serie di complicazioni, tra cui:

  • ispessimento della cornea e astigmatismo;
  • deficit visivo significativo dovuto alla sovrapposizione della pupilla;
  • infiammazione della congiuntiva, accompagnata da gonfiore, prurito, arrossamento e lacrimazione;
  • la comparsa di cicatrici sul guscio dell'occhio e sulla cornea;
  • deformazione delle fibre extraoculari e ridotta mobilità della mela;
  • diplopia associata a cicatrizzazione del muscolo esterno diretto;
  • assottigliamento delle singole sezioni della cornea;
  • degenerazione maligna dei tessuti congiuntivali (in casi molto rari).

diagnostica

Il pterigio dell'occhio viene diagnosticato da un oftalmologo sulla base dei reclami dei pazienti e dell'esame visivo - il tumore è visibile a occhio nudo. Per una valutazione più accurata del quadro della malattia, applicare metodi come:

  • oftalmoscopia - consente di determinare il grado di aumento della piega sulla pupilla;
  • la microscopia a fessura consente di esaminare il pterigio (la testa, il collo e il corpo) e anche di stabilire se è progressiva o stazionaria.

Se lo pterigio colpisce una parte significativa della cornea, allora il livello dell'acuità visiva e il grado di astigmatismo sono necessariamente valutati.

trattamento

Il trattamento conservativo di pterigio è possibile se è caratterizzato da piccole dimensioni e non causa disagi. Allo stesso tempo, vengono prescritte gocce idratanti (preparati lacrimali artificiali) e gel. Se si verifica una lieve irritazione della congiuntiva, possono essere usati steroidi anti-infiammatori topici.

Nella fase iniziale dello sviluppo del pterigio, il trattamento con i rimedi popolari è giustificato. È impossibile influenzare la dimensione e il tasso di crescita di una neoplasia con il loro aiuto, ma permettono di alleviare alcune delle manifestazioni - secchezza, infiammazione e così via.

Il pterygium stazionario o a crescita lenta implica un monitoraggio costante da parte di un oftalmologo. Si consiglia di prendere le foto periodiche del pterygium per illustrare le dinamiche. Inoltre, si raccomanda al paziente di indossare occhiali da sole con filtri UV e prevenire malattie agli occhi.

Pterigio progressivo da rimuovere se:

  • attivamente in crescita;
  • provoca disagio;
  • provoca disabilità visive.

L'operazione deve essere eseguita prima che la neoplasia raggiunga il centro della pupilla. Anche in questo caso viene effettuato l'intervento, ma la probabilità di complicazioni, in particolare le opacità corneali, dopo che aumenta molte volte.

La rimozione di pterigio è una complessa procedura microchirurgica. Viene eseguita su base ambulatoriale in anestesia locale - una soluzione speciale viene instillata nel sacco congiuntivale. Quindi il medico esalta la crescita e agisce in tre modi:

  • collega i bordi sani della congiuntiva;
  • sostituisce il pterygium con una membrana amniotica o autotrapianto - una sezione della membrana che viene estratta da sotto la palpebra superiore;
  • cuce la congiuntiva sotto forma di una piega alla sclera, ritirandosi a 2-3 mm dalla cornea.

L'uso di questi ultimi due metodi fornisce un risultato migliore rispetto a una semplice asportazione: meno spesso si verificano recidive e si riduce la probabilità di deterioramento della vista, che è particolarmente importante se il pterigio è notevolmente aumentato.

Per "fissare" i tessuti, viene utilizzato un materiale di sutura o una colla biologica (fornisce un buon effetto cosmetico). Alla fine dell'occhio è chiusa la medicazione asettica. In media, la chirurgia per rimuovere lo pterigio richiede 20-30 minuti. Dopo 2-3 ore, il paziente può lasciare la struttura medica.

reinserimento

Dopo l'intervento chirurgico, si osservano i seguenti sintomi:

  1. Sindrome corneale, manifestata sotto forma di dolore, lacrimazione, difficoltà di apertura / chiusura degli occhi. È collegato al fatto che quando viene rimosso il pterygium, una parte della cornea sensibile è interessata.
  2. Emorragia congiuntivale in poche ore.
  3. Rossore degli occhi. Sorge per la ragione che il pterigio contiene molti vasi sanguigni e quando viene asportato, parte del sangue cade sotto la membrana. Questa condizione può verificarsi 1-2 settimane.
  4. La sensazione di un corpo estraneo negli occhi a causa delle cuciture, il cui riassorbimento richiede 7-10 giorni.

Precauzioni dopo l'intervento chirurgico sugli occhi di pterigio:

  • durante il giorno successivo alla procedura, indossare una medicazione asettica, cambiandola man mano che si sporca;
  • il giorno successivo, è necessario iniziare l'instillazione di idratanti, antibatterici, antinfiammatori e altri farmaci prescritti da un medico, la durata di tale terapia è di circa un mese;
  • se avverti un dolore intenso, puoi assumere un analgesico;
  • almeno 2 settimane devono indossare occhiali con filtri UV;
  • nei primi 7 giorni non puoi bagnare gli occhi;
  • entro 10-14 giorni l'attività fisica è controindicata.

La rimozione di pterigio di solito provoca una visione compromessa. Con un'operazione riuscita, si normalizza entro 3-5 giorni, a volte 4 settimane.

Possibili complicazioni dopo l'intervento chirurgico:

  • infezione del tessuto oculare;
  • allergico al materiale di sutura;
  • rigetto del trapianto congiuntivale;
  • diplopia;
  • sanguinamento grave;
  • la comparsa di cicatrici sulla cornea;
  • perforazione del bulbo oculare;
  • distacco della retina.

Foto 8 (Occhio prima e dopo intervento di pterigio)

Gli occhi di Pterigio dopo chirurgia hanno una tendenza a ricorrere, e la sua ricrescita è più aggressiva. La semplice rimozione porta alla ripresa del processo patologico nel 50-80% dei casi e all'intervento con imposizione implantare e successiva terapia farmacologica - 5-15%.

Per ridurre il rischio di recidiva, vengono utilizzati i seguenti metodi:

  • trattamento del letto in cui si trovava il pterygium, con azoto liquido;
  • terapia fotodinamica;
  • instillazione della mitomicina antibiotica antitumorale entro un mese dall'intervento;
  • β-irradiazione e altro.

prevenzione

La prevenzione del pterigio consiste in:

  • proteggere gli occhi dalle radiazioni ultraviolette, dalla polvere, dal vento e dalle lesioni;
  • trattamento tempestivo delle malattie oftalmologiche;
  • seguendo le regole del lavoro al computer, assumendo la corretta posizione dello schermo e le pause periodiche (ogni ora per diversi minuti);
  • utilizzando gocce idratanti quando si asciuga la congiuntiva.

Il rispetto delle misure preventive è particolarmente importante per le persone ai cui parenti stretti è stato diagnosticato lo pterigio.

Questa spiacevole crescita impedisce la vita? Occhi di pterigio: cos'è, il suo trattamento

Attualmente stai visualizzando la sezione Pterygium.

Pterygium (sinonimo: pterygium) è una piega triangolare di una congiuntiva addensata. Il più delle volte si trova nella zona dell'angolo interno (mediale) della fessura palpebrale.

In alcuni casi, l'aspetto di pterigio è preceduto dall'apparizione sull'occhio di una pingvecula, una macchia giallastra sulla congiuntiva, che può diventare rossa e irritata.

Vero e falso pterigio negli occhi: cos'è?

La classificazione generalmente accettata di pterigio non è definita, i medici usano diversi sistemi per determinare il tipo di malattia.

La seguente suddivisione delle forme è la più comune:

  • vero (primario);
  • falso (secondario).

Primaria (vera). Perché non c'è - non è completamente conosciuto. Ha la tendenza a crescere e a diminuire gradualmente la vista.

Le persone di età matura e anziana si ammalano principalmente; contribuisce a questo rimanere in condizioni avverse, quando la congiuntiva è costantemente esposta al vento, aria secca con impurità nocive, polvere.

Secondario (sinonimi: falso, cicatriciale, pseudopterygium) - formato da tessuto connettivo. Si sviluppa a seguito di esposizione traumatica, ustioni, interventi chirurgici, processi infiammatori. Non è incline a progredire ed è sempre fisso nella sua forma originale. A differenza del pterygium primario, la sua localizzazione dipende direttamente dal sito di esposizione a un fattore avverso.

Cause della malattia oculare

La causa esatta, che è fondamentale per lo sviluppo del pterigio, non è stata stabilita. Tra i fattori che aumentano il rischio di malattia, ci sono:

  • Irritazione congiuntivale a seguito di esposizione al vento (per le persone impiegate nel settore agricolo che sono costantemente in aree aperte).
  • Predisposizione ereditaria (i pazienti con una storia familiare gravata si ammalano relativamente spesso).
  • Maggiore sensibilità alle radiazioni ultraviolette (un fattore particolarmente pericoloso per i residenti delle regioni meridionali, dove la radiazione solare è più pronunciata).
  • Influenza di composti chimici (per lavoratori di impianti chimici e imprese).
  • Soggiorno costante in stanze polverose (con agricoltori).
  • Aumento della tensione nei muscoli degli occhi (principalmente a causa del costante lavoro davanti al monitor).
  • Infiammazione frequente del bulbo oculare

Aiuto. Sono soprattutto gli anziani che si ammalano e molto raramente si verifica pterigio negli adulti e nei giovani che non sono esposti a fattori di rischio.

Il meccanismo di influenza di questi fattori è il seguente: con la loro azione costante sulla superficie del bulbo oculare e con frequenti processi infiammatori della congiuntiva, vi è un aumento della rete vascolare.

Il lungo corso di questo processo porta a cambiamenti nell'epitelio della membrana esterna dell'occhio.

Un gran numero di vasi di nuova formazione causa l'uscita della cornea dei fibroblasti - cellule che sono la fonte dello sviluppo del tessuto connettivo (che si manifesta con la crescita di pterigio).

sintomi

I precursori dello pterigio sono il rossore e la leggera condensazione nell'angolo interno dell'occhio. Poi appare uno speck nebbioso, crescente verso la pupilla. A volte il processo di crescita della pula non è accompagnato da alcun sintomo, ma la maggior parte dei pazienti presenta i seguenti segni della malattia:

  • arrossamento dell'occhio;
  • sensazione di "sabbia" nell'occhio, ruvidità del bulbo oculare;
  • sensazione della presenza di un oggetto estraneo. Ciò è spiegato da un certo sollievo della crescita, che colpisce la superficie interna della palpebra quando lampeggia;
  • prurito agli occhi;
  • mancanza di liquido lacrimale;
  • riduzione della chiarezza della visione;
  • oscuramento dei singoli campi di vista.

Estensione della malattia

Secondo l'attività di crescita, viene emessa una stazionaria (nel tempo, la crescita non cambia di dimensioni) e il pterigio progressivo (il picco pterigoideo aumenta).

Foto 1. Pterygium sull'occhio. L'accumulo nel quarto stadio di sviluppo, la patologia si è diffusa all'alunno.

Come i vasi della sclera determinano la probabilità della sua progressione:

  • 1 grado - il pterygium è definito come una formazione trasparente con fenomeni di atrofia, attraverso i quali il modello vascolare della sclera è chiaramente visibile; la possibilità di progressione è bassa;
  • 2 gradi - viene rilevata una crescita traslucida crescente, attraverso la quale i vasi episclera sono parzialmente visibili; con un corso sfavorevole e senza trattamento, c'è una possibilità di progressione;
  • Fase 3: il processo di crescita è molto attivo, il pterigio è opaco; le navi non sono visibili Il rischio di progressione è molto alto.

Fasi di sviluppo

In base alla prevalenza della crescita, al livello di astigmatismo e al deterioramento dell'acuità visiva, il pterigio si divide in cinque fasi cliniche:

  • Fase I - localizzazione dell'istruzione esclusivamente al limbus. In questa fase, i pazienti di solito non rilevano alcun sintomo.
  • Fase II - la testa del pterigio in questa fase è determinata nel mezzo della distanza tra il bordo della pupilla e il limbo. Rivela una leggera diminuzione dell'acuità visiva (a 0,9-0,7).
  • Stadio III - la testa si trova sulla cornea ai margini della pupilla, l'astigmatismo aumenta, l'acuità visiva scende a 0,5.
  • Stadio IV - la testa in questo stadio raggiunge già il centro della cornea (cioè il centro della pupilla). L'astigmatismo è abbastanza pronunciato. L'acuità visiva diminuisce a 0,3-0,2.
  • V Art. - la testa corrisponde al centro della cornea e può spostarsi ulteriormente lungo la cornea. Acuità visiva inferiore a 0,1; l'aspetto di un portafoglio di cornea è possibile, la congiuntiva cresce insieme alle strutture circostanti - lacrime agli organi o alle palpebre.

diagnostica

Il principale metodo diagnostico è la biomicroscopia che utilizza una lampada a fessura. Grazie a questa tecnica, l'oftalmologo determinerà visivamente le dimensioni del pterigio e il grado della sua prevalenza.

L'oftalmoscopia, la visometria e la rifrattometria sono i principali metodi diagnostici per determinare lo stadio della malattia.

Ulteriori metodi diagnostici includono procedure moderne per uno studio approfondito del pterigio, ad esempio lo studio del rilascio lacrimale con cristallografia a liquido lacrimale (determinando così la probabilità di un'ulteriore crescita e prevedendo la possibilità di recidiva nel periodo postoperatorio), cheratotopografia (stabilire l'estensione e la forma della malattia).

Inoltre effettuato uno studio morfologico del substrato pterigio (per valutare la proliferazione della componente vascolare), angiografia fluorescente (definizione dei cambiamenti vascolari).

Attenzione! Se si verificano sintomi agli occhi, consultare un oftalmologo.

Trattamento e prognosi di pterigio

Tutti i trattamenti possono essere suddivisi in conservatori e chirurgici.

Foto 2. Rappresentazione schematica di un intervento chirurgico di rimozione di pterigio. Un'eruzione viene tagliata da un bisturi speciale.

Nel caso in cui la crescita non si estenda alla pupilla e non causi alcun disagio al paziente, il pterigio non richiede un intervento chirurgico. Come terapia farmacologica, al paziente vengono prescritte lacrime artificiali e farmaci antinfiammatori. Il trattamento chirurgico viene effettuato in questo caso solo su richiesta del paziente per eliminare il difetto estetico.

È importante! La progressione di pterigio deve essere attentamente monitorata, evitando che si diffonda alla cornea centrale in modo tempestivo.

Rimuovere l'istruzione in crescita principalmente nella periferia della cornea (potrebbe esserci torbidità, che sarà invisibile, in contrasto con l'escissione dell'istruzione nel centro). Nel periodo postoperatorio, le complicanze si sviluppano raramente.

In alcuni casi, è possibile la guarigione ritardata della ferita.

In media, ci vogliono 5-6 giorni, ma a volte possono essere necessarie fino a 2 settimane. Lo pterigio remoto tende a ripetersi. Per evitare questo fenomeno al resto, orna la congiuntiva, che blocca la sua ulteriore crescita.

Il pterygium può essere rimosso con il metodo laser. Questo viene fatto cauterizzando con un laser e rimuovendo la testa pterigoide.

L'ultima tecnologia è in grado di proteggere il paziente durante l'operazione e mettere in guardia contro le complicazioni.

È il metodo laser di rimozione dell'istruzione considerato il più efficace e meno traumatico. Dopo l'intervento chirurgico, è imperativo impedire la penetrazione delle radiazioni ultraviolette negli occhi con l'aiuto di occhiali da sole.

Attenzione! In casi avanzati, trascurati, può verificarsi la chiusura completa della pupilla, con conseguente perdita della vista. Più tempo iniziava il trattamento, più difficile era l'operazione e più alto il rischio di complicanze postoperatorie.

Video utile

Guarda il video, che racconta di cosa sia il pterygium, le ragioni del suo verificarsi.

prevenzione

Come misura preventiva principale per prevenire lo sviluppo di pterigio, si dovrebbe ridurre il tempo trascorso in luoghi con tutti i tipi di fattori dannosi e irritanti.

È necessario utilizzare la protezione per gli occhi contro gli effetti avversi di polvere, radiazioni ultraviolette, vento secco, sostanze chimiche.

Con lo sviluppo dei sintomi del processo infiammatorio richiede la consultazione di un oftalmologo, seguito da un trattamento tempestivo e appropriato.

Durante il lavoro a lungo termine al computer, è importante interrompere ogni 30-40 minuti e seppellire le gocce idratanti ai primi sintomi di disagio agli occhi.

Occhi di pterigio - difetto estetico o malattia pericolosa?

Pterigio: una brutta crescita sulla cornea dell'occhio, che provoca disagio. Molte persone non prestano attenzione a questa malattia, considerandola un difetto estetico che non richiede un trattamento speciale. Ma è davvero?

Che cosa sono gli occhi di pterigio

Il pterygium è una malattia della congiuntiva (membrana mucosa) dell'occhio, in cui vi è un cambiamento nei suoi tessuti e nella crescita della cornea. Tale crescita di solito avviene dall'angolo mediale (interno) dell'organo della vista. Nella maggior parte dei casi, entrambi gli occhi sono interessati. Gli specialisti di Pterygium sono anche chiamati pterygium o pterygium. L'educazione ha una forma triangolare, crescendo gradualmente nella direzione della pupilla.

Il pterigio è una formazione di pterigio.

Oltre a un difetto estetico, lo pterigoideo provoca disagio e riduce in definitiva l'acuità visiva.

La malattia è più suscettibile agli anziani, ai residenti delle latitudini settentrionali e meridionali, così come alle persone i cui occhi sono costantemente esposti a vari stimoli.

Pterygium: video

Classificazione della malattia: pterygium falso e vero

Il Pterygium è classificato in base alla sua origine, progressione e sviluppo clinico.

Ci sono pterigio primario (vero) e secondario (falso). Il vero si verifica principalmente nelle persone anziane a causa dell'esposizione a fattori nocivi sulla membrana mucosa dell'occhio. Il secondario, che è anche chiamato pseudopterygium, si sviluppa a causa di cambiamenti cicatriziali della congiuntiva a causa di varie lesioni, operazioni, ustioni, infiammazioni. Il falso pterygia differisce dal vero in quanto non progredisce e può essere localizzato in qualsiasi parte dell'occhio.

A seconda della propensione alla progressione, ci sono:

  • tipo stazionario - chaff non cambia le sue dimensioni;
  • tipo progressivo - il pterigoideo cresce gradualmente.

Dal punto di vista clinico, il pterygium è diviso in cinque stadi a seconda del deficit visivo, della profondità della crescita e dell'astigmatismo sviluppato.

Perché si verifica la patologia: fattori di sviluppo

Il presupposto istologico per lo sviluppo del pterigio è una singola origine dello strato corneo e dei tessuti congiuntivali. La predisposizione ereditaria gioca un ruolo significativo nell'insorgenza della malattia.

Le cause esatte che causano patologia, gli esperti non possono nominare. Ci sono fattori che provocano l'emergenza e la progressione del pterigio:

  • gli effetti nocivi della radiazione solare - malati più spesso residenti nei paesi meridionali;
  • irritazione oculare con vento, polvere, aria secca, sabbia, sostanze chimiche - ci sono microtraumi della congiuntiva e dello strato corneo;
  • malattie infiammatorie croniche - congiuntivite, sclerite;
  • sforzo prolungato per gli occhi mentre si lavora al computer;
  • disordini metabolici e ormonali.

L'emergenza di pterigio provoca irritazione cronica degli occhi con sostanze nocive.

L'influenza costante dei fattori nocivi sugli occhi provoca l'infiammazione della congiuntiva, un cambiamento nello strato epiteliale del rivestimento esterno dell'occhio e la proliferazione di piccoli vasi sanguigni. A causa dell'aumento della circolazione sanguigna nella membrana oculare, i cheratociti della cornea, cellule appartenenti ai fibroblasti (i "mattoni" del tessuto connettivo del corpo), vengono attivati. Causano la proliferazione del tessuto connettivo, da cui si forma il pterygium.

Sintomi di pterigio: grado e stadio di perdita

All'inizio, la malattia non si manifesta con nessun sintomo spiacevole. Il primo segno di pterigio è l'annebbiamento di una piccola porzione del bordo della cornea, quindi una piccola formazione appare in questo punto, che cresce gradualmente.

Con un aumento della pula del paziente, la sensazione di una pallottola negli occhi, il fastidio persistente comincia a disturbare. Questi sintomi spiacevoli si verificano a causa dell'irritazione delle terminazioni nervose sulla superficie interna della palpebra. Costante secchezza e sensazione di bruciore causata da una violazione della formazione di un film idratante fisiologico sull'occhio. Più il pterigio cresce, più i sintomi diventano forti. Quando la formazione cresce sulla parte centrale della cornea, l'acuità visiva diminuisce. A volte il pterigoideo infiammato si infiamma e quindi si verifica l'edema congiuntivale, arrossamento della sclera, prurito e lacrimazione.

Pterigio occhi stadio 3

Il pterygium ha tre parti: il corpo, la testa e il cappello. Il bordo piatto anteriore o cappuccio è la punta della pula, è costituito da fibroblasti che fanno germogliare e distruggere la membrana della cornea. Dietro un berretto la testa con la rete sviluppata di piccole navi che densamente cresce insieme con una cornea di un occhio è situata. Il corpo dell'imene è la più grande parte mobile del pterygium.

La forma progressiva della malattia è caratterizzata da una testa ispessita che sporge sopra la superficie della cornea, sviluppata vascolarizzazione del sangue. Come le navi dei medici dell'imene determinano la sua capacità di crescere:

  • Grado 1: atrofico, trasparente, pula: i vasi possono essere ben considerati - la probabilità che il progresso della malattia sia basso;
  • 2 gradi: la pula sporge sopra la cornea, traslucida, i vasi sono poco visibili - il pterygium è in grado di progredire;
  • Grado 3: la pula è densa, opaca, i vasi non sono visibili - un alto rischio di progressione.

Nello sviluppo della malattia ci sono cinque fasi cliniche:

  • Fase 1 Una leggera educazione al limbus (il bordo estremo della cornea), il paziente non ha lamentele;
  • Fase 2 Il cappuccio si trova nel mezzo tra l'arto e il bordo della pupilla. La visione è in qualche modo ridotta;
  • Fase 3 La parte superiore del pterigio si trova proprio sul bordo della pupilla. L'acuità visiva è significativamente ridotta;
  • Fase 4. Il nocciolo del cappello raggiunse il centro della pupilla. La disabilità visiva è molto pronunciata;
  • Fase 5 Il bordo del pterygium cresce oltre il centro della cornea e oltre. La vista è gravemente compromessa, potrebbe esserci una spina, uno strabismo convergente, una fusione congiuntivale con i tessuti della palpebra (simblefaron) e altre strutture dell'occhio, per esempio, organi lacrimali.

Diagnosi dello pterigio

È abbastanza semplice diagnosticare un pterigio per un oftalmologo, poiché la pula è ben definita visivamente. Di solito, un medico esegue una oftalmoscopia, biomicroscopia utilizzando una lampada a fessura e cheratotopografia (scansione della superficie della cornea). Questi metodi di esame consentono allo specialista di determinare lo stato del fondo, il livello di astigmatismo causato dalla malattia, nonché di valutare la lesione e il grado di fusione dell'imene con lo strato corneo.

Galleria fotografica: esame del paziente

Diagnostica differenziale

Pterigio dovrebbe essere differenziato da tali malattie dell'occhio:

  • un tumore congiuntivale è un'educazione gelatinosa, bianca, sollevata, germogliata da vasi, che non ha una forma pterigoide;
  • dermoide - formazione bianca congenita vicino al limbus;
  • Pannus - la germinazione dei vasi sanguigni nello strato corneo, spesso si verifica a causa di blefarite, rosolia, irritazione degli occhi con lenti a contatto, trachoma, lesioni alla cornea, cheratite erpetica.

Trattamento della malattia: i rimedi popolari sono efficaci?

L'unico trattamento completo di pterigio è chirurgico. Il trattamento farmacologico e i rimedi più popolari del problema non possono alleviare completamente.

Uso di farmaci

Il trattamento conservativo è prescritto per alleviare i sintomi e rallentare la crescita dello pterigoideo.

Il Pterygium deve essere misurato periodicamente per determinare il tasso di crescita della formazione: prima ogni 3 mesi, poi una volta all'anno.

Per ridurre l'irritazione agli occhi, sono prescritte lacrime artificiali: gocce Oksial, Ipromelose, Ipotesi, Slezin, Hilo-Komod, Vizin, Eye Gel - Oftagegel, Vidisik, Sistain-gel.

Quando l'infiammazione del pterigio è moderata o grave, vengono prescritti blandi preparativi locali di steroidi: soluzione di fluorometanolo, soluzione di loteprendolo, gocce di desametasone. Applicare farmaci anti-infiammatori non steroidei: gocce Diclofenac, Nevanak, Broksinak.

In alcuni casi, il desametasone è prescritto come iniezione nel corpo della pula da un doppio ciclo di 10 colpi con una pausa mensile. Di conseguenza, l'appiattimento e l'atrofia del corpo del pteirium, si osserva una violazione del suo apporto di sangue. Questa terapia è indicata per il trattamento della malattia di grado 1.

Per rallentare la crescita della plezione pterigoide, viene utilizzato il farmaco Emoksipin (Lakamoks) - un antiossidante sintetico. Con lo stesso scopo, si raccomandano i preparati vitaminici - colina, riboflavina con instillazione negli occhi. Questi fondi, migliorando i processi metabolici nella cornea, rallentano la crescita di pterigio. Iniezioni di ialuronidasi inibiscono lo sviluppo del tessuto connettivo, contribuendo così a fermare la crescita dell'imene. Tale terapia è efficace solo per il grado 1-2 della malattia, in caso di gravità severa di pterigio, può servire solo in aggiunta al trattamento chirurgico.

Galleria fotografica: farmaci per il trattamento sintomatico dello pterigio

Trattamento chirurgico: metodi di rimozione del pterigio

Il trattamento chirurgico viene effettuato sia a scopo cosmetico, sia, se necessario, se il cenno invaso ha raggiunto la sezione ottica della cornea, a causa della quale la vista è in costante declino, e il paziente manifesta grave disagio.

Controindicazioni per l'intervento chirurgico per rimuovere l'imene pterigoideo:

  • processo infiammatorio in qualsiasi parte dell'occhio;
  • malattie sistemiche e infettive;
  • tumori maligni;
  • violazione della coagulazione del sangue;
  • diabete mellito;
  • malattie sessualmente trasmissibili;
  • gravidanza e allattamento.

L'oftalmologia chirurgica moderna può offrire molti metodi per la rimozione di pterigio. Tutti loro sono finalizzati all'asportazione dell'istruzione. Tuttavia, lo pterigio è incline alle recidive e più aggressivo rispetto al caso primario, quindi la normale rimozione del tessuto è inefficace.

Chirurgia per rimuovere lo pterigio usando cheratoplastica a barriera stratificata

Spesso viene utilizzata una tecnica di escissione tissutale di pterigio, seguita dalla chiusura del sito di pterigio con un autotrapianto congiuntivale (una sezione di una congiuntiva sana estratta da sotto la palpebra superiore) o una membrana amniotica. Per fissare il materiale sulla ferita usando cuciture o colla biologica speciale.

Rimozione di pterigio con autotrapianto

C'è una tecnica interessante per prevenire la ricorrenza di un petrigium. L'erba cipollina viene asportata, un film speciale viene applicato sull'area "nuda" della sclera, che contiene Mitomicina-c (antibiotico antitumorale) o 5-Fluorouracile (antimetabolita), è fissa, e il resto della ferita viene chiuso con una congiuntiva sana. Una settimana dopo l'intervento, il film viene rimosso. Questo metodo consente non solo di evitare ricadute, ma anche di dare un buon effetto cosmetico grazie alla completa epitelizzazione della ferita.

Appliques del 20% di etanolo vengono applicate anche al corpo dello pterygium prima della rimozione e alla sclera dopo l'escissione. Questo metodo è comparabile in termini di efficacia con l'uso di Mitomicina e la guarigione della cornea è ancora più veloce.

L'operazione stessa viene eseguita su base ambulatoriale, in anestesia locale e dura circa mezz'ora. 2 ore dopo la procedura, il paziente può già tornare a casa. La durata dell'ospedale è determinata individualmente.

Chirurgia per rimuovere lo pterigio con la placca congiuntivale Alloplant: video

Periodo postoperatorio: precauzioni

Dopo l'intervento, il paziente viene bendato, che deve essere indossato fino al giorno successivo e può essere cambiato non appena si sporca. Dopo la sua rimozione, è necessario seppellire le medicine prescritte dal medico secondo un determinato schema nell'occhio operato. Prescrivere antinfiammatori, antibatterici e antimetaboliti:

  • Floksal;
  • tsiprolet;
  • Tobradeks;
  • Broksinak;
  • Korneregel e altri.

La durata totale della terapia postoperatoria è di circa 30 giorni.

Durante la settimana non puoi bagnare l'occhio operato. Si consiglia di indossare occhiali con filtri protettivi UV per due settimane dopo l'intervento. Per lo stesso periodo sono vietati gli esercizi fisici.

Dopo l'intervento, il paziente è solitamente preoccupato per la disabilità visiva. Se la procedura ha esito positivo, questa funzione viene ripristinata entro 5-7 giorni, a volte questo periodo dura un mese.

Oltre alla disabilità visiva, in un paziente dopo l'intervento si osserva una sindrome corneale:

  • dolore (puoi prendere antidolorifici);
  • lacrimazione;
  • difficoltà a lampeggiare;
  • la sensazione di un corpo estraneo negli occhi (emerge dalle cuciture, passa dopo 7-10 giorni).

Possibile sanguinamento dalla congiuntiva (immediatamente dopo l'intervento chirurgico), edema dell'occhio operato, arrossamento del bulbo oculare (scompare in 1-2 settimane).

Dopo 7 giorni, il medico esegue un esame obiettivo e può iniziare a lavorare 10-14 giorni dopo l'intervento.

Dopo l'operazione, è necessario seppellire gli occhi con i mezzi prescritti dal medico secondo un certo schema.

Oltre alla chirurgia tradizionale per rimuovere il pterygium, i medici usano il trattamento laser. Con esso, la testa del pterygoide è cauterizzata. Questo metodo si distingue per un basso trauma e una maggiore sicurezza per l'occhio del paziente. Il periodo di recupero dopo l'intervento chirurgico con un laser è più breve e ci sono meno complicazioni.

Prognosi e complicanze del trattamento

Le complicanze più frequenti del pterigio progressivo possono essere:

  • visione offuscata;
  • irritazione oculare persistente.

Meno comuni sono i seguenti stati:

  • cambiamenti cicatriziali dello strato corneo e congiuntiva;
  • strabismo, se i muscoli oculari sono coinvolti nel processo;
  • degenerazione maligna di una congiuntiva alterata.

Pertanto, è necessario rimuovere lo pterigoideo.

Possibili complicazioni dopo l'intervento chirurgico:

  • recidiva;
  • infezione della ferita;
  • reazione allergica al materiale di sutura;
  • non innesto dell'innesto;
  • sanguinamento grave;
  • cambiamenti cicatriziali sulla cornea;
  • distacco della retina;
  • perforazione (violazione dell'integrità) del bulbo oculare.

Da complicanze remote dopo l'uso di citostatici o radioterapia, si può verificare assottigliamento o ectasia (protrusione dell'area) della cornea o della sclera.

Prevenzione della patologia: come prevenire le ricadute

Le moderne tecniche consentono di ridurre al minimo la frequenza delle recidive dopo la rimozione chirurgica dello pterigoideo:

  • il sito postoperatorio è trattato con azoto liquido;
  • utilizzare la terapia fotodinamica (trattamento laser);
  • radiazioni beta somministrate;
  • uso di antimetaboliti (farmaci antitumorali) sotto forma di gocce o gel;
  • inibitori dell'angiogenesi nelle iniezioni, per esempio, Lucentis.

Prevenzione generale delle malattie:

  • evitare locali con sostanze irritanti per gli occhi - polvere, fumo, fumi chimici;
  • utilizzare dispositivi di protezione - maschere e occhiali speciali;
  • trattare tempestivamente le malattie infiammatorie dell'occhio presso l'oftalmologo;
  • Si consiglia agli anziani di indossare occhiali da sole con filtro UV;

Quando lavori al computer, non dovresti sovraccaricare gli occhi e periodicamente dar loro riposo.

Recensioni di pazienti sottoposti a intervento chirurgico

I pazienti sottoposti a chirurgia spesso lamentano recidive di pterigio e complicanze postoperatorie.

3 anni fa, i medici diagnosticarono: pterigio. Operazione assegnata. Dopo l'intervento chirurgico, dopo 2-3 settimane, ci fu una ricaduta. È venuto di nuovo nella stessa clinica. Un'operazione è stata prescritta di nuovo... E così 3 volte... La ricaduta è avvenuta in un mese e mezzo... L'ultima operazione è stata eseguita in una costosa clinica privata, usando costosi trattamenti antitumorali che rallentano la crescita cellulare... Ma la ricaduta è nuovamente avvenuta. Ora non so cosa fare. Riposare sul tavolo operatorio ancora una volta non vedo il punto.

erba

http://proglaza.ru/forum/molchanova-aa/pterigium-t573.html#p1927

Ho 40 anni. Paul - mogli Una settimana fa, ho rimosso il pterygium, coprendo solo le proteine. Dopo l'operazione, il medico ha prescritto l'unguento Toradex per 10 giorni a 3 pg / g. Già il 4 ° giorno, come l'occhio ha cominciato a sembrare cattivo, come se ci fosse una sorta di velo. Il medico che ha operato, ha detto che questo intervento non ha effetto sulla vista, ma sento che qualcosa non va. Al telefono, un altro dottore ha detto che forse l'infiammazione della cornea è iniziata e ho bisogno di aggiungere l'unguento Floxal, lo uso per 2 giorni - non ci sono risultati.

Elena Popova

https://health.mail.ru/consultation/840817/

Ho avuto un'operazione per rimuovere lo pterigio 2 settimane fa. Pterigio era un piccolo 2 mm, dopo una settimana la cucitura è stata rimossa, l'occhio non è più rosso, non sento alcun disagio. Dimmi, per favore, quando posso iniziare a fare esercizi fisici e fitness?

Victor Krasutsky, oftalmurgiologo risponde: Restrizioni sugli sport sono necessarie solo per 2 settimane dopo l'operazione per rimuovere lo pterigio.

anonimo

https://health.mail.ru/consultation/698038/

A marzo, il pterygium fu rimosso, il terzo giorno la cucitura fu rotta, riaperta e cucita. Dopo di ciò, la vascolarizzazione è iniziata, l'occhio era molto rosso per circa due settimane. L'operazione è stata eseguita con la lucidatura laser della cornea. Un mese dopo essere tornata a casa, notò che un film fangoso aveva ricominciato a crescere sulla cornea.

Ekaterina999

http://proglaza.ru/forum/kolomoyceva-em/pterigium-glaza-t367.html

Il pterygium non è solo un difetto estetico e un disagio. La malattia può affrontare complicazioni gravi, inclusa la perdita della vista, se non trattata correttamente. Col tempo, consulta un oftalmologo e sii sano!

Google+ Linkedin Pinterest