Metodo di trattamento della retina con coagulazione laser

La visione ti consente di godere appieno della bellezza del mondo circostante, di ricevere piacere estetico, di vedere i tuoi cari, di vivere pienamente. È estremamente spiacevole e offensivo perdere la vista, e questo può portare ad alcune deviazioni nelle condizioni degli occhi.

La malattia oftalmologica più pericolosa è il distacco della retina, che richiede un intervento chirurgico urgente senza garanzie del ripristino della funzione visiva.

La coagulazione laser della retina è un metodo di trattamento e prevenzione delle malattie dell'occhio associate a cambiamenti distrofici dei vasi sanguigni o alle loro rotture. Dopo anestesia locale con gocce, la procedura viene eseguita direttamente, ci vogliono 15-30 minuti.

I pazienti non avvertono sensazioni dolorose, a volte si avverte il contatto diretto della superficie oculare con la lente. L'operazione non richiede l'osservazione stazionaria: una persona può quasi immediatamente tornare a casa.

Dopo la procedura, l'effetto del flash può rimanere per un breve periodo, tuttavia, la luce si spegne entro pochi minuti.

L'essenza del metodo è la seguente: aree con vasi difettosi sono separate da coagulanti laser (coagulati a causa del tessuto ad alta temperatura) e prevengono il loro impatto negativo sulla retina in futuro.

Questo metodo è applicabile anche al distacco retinico piatto già esistente.

Indicazioni per la coagulazione

L'operazione nella maggior parte dei casi viene effettuata per eliminare i difetti vascolari e prevenire malattie oftalmiche gravi e complesse - distacco di retina.

Nominato nei seguenti casi:

  • degenerazione dei vasi della retina;
  • retinopatia ipertensiva e diabetica;
  • cambiamenti vascolari, presenza di tumori;
  • angiomatosi;
  • deterioramento correlato all'età della retina;
  • rottura dei vasi sanguigni, penetrazione del fluido vitreo sotto la retina, che minaccia con il suo distacco.

Caratteristiche dell'uso di lenti a contatto notturne per la correzione della vista con un piccolo grado di miopia.

Guarda i nostri consigli su come raccogliere occhiali da sole sportivi con diottrie.

Se c'è una piccola area di distacco, è possibile delimitare questa area usando la coagulazione laser.

A volte la procedura viene nominata dopo l'operazione per rimuovere il distacco per formare connessioni più affidabili dopo le interruzioni nell'area chirurgica.

I medici consigliano alle donne incinte di condurre un esame approfondito da parte di un oftalmologo (incluso il fondo dell'occhio) alla fine del primo trimestre di gravidanza. Se ci sono prove, il medico prescrive la coagulazione, che può essere effettuata fino a 35 settimane dopo il concepimento.

Parto naturale - stress e un carico enorme su tutto il corpo, quindi rotture o pareti deboli dei vasi sanguigni possono portare a gravi problemi alla vista in futuro. La prevenzione tempestiva è sicura e aiuterà a evitare complicazioni agli occhi.

Fasi dell'operazione

  1. Dopo l'anestesia, una lente a tre specchi viene installata sull'occhio.
  2. Con l'aiuto di un laser che crea una temperatura elevata sulla superficie trattata, i vasi o le formazioni interessati sono saldati o delimitati.

Una lente speciale fornisce piena penetrazione del flusso del laser in qualsiasi area dell'occhio e il laser stesso ha un raggio sottile che consente manipolazioni precise. Il medico controlla la procedura attraverso un microscopio.

I coagulanti che formano "punti" legano saldamente la retina con le membrane oculari adiacenti, che aiuta a ripristinare il normale apporto di sangue agli occhi. La delimitazione della zona a rischio con i coagulanti riduce al minimo il rischio di distacco di retina in quest'area.

  • prevenzione dello sviluppo di malattie che possono portare ad una diminuzione dell'acuità e completa perdita della vista;
  • l'operazione viene eseguita rapidamente e non richiede il ricovero in ospedale;
  • mancanza di perdita di sangue e dolore;
  • grado estremamente basso di infezione dell'occhio (non c'è contatto dei tessuti del bulbo oculare con lo strumento);
  • possibilità di utilizzo a qualsiasi età, oltre che incinta.

Nel diabete, gravi malattie cardiovascolari e in numerosi altri casi in cui non è possibile eseguire operazioni complesse o anestesia generale, la coagulazione laser è l'unico modo per trattare la retina.

Controindicazioni

L'operazione deve essere trasferita o esclusa nei seguenti casi:

  • grave opacizzazione e arrossamento del corpo dell'occhio (alto rischio di esposizione laser nel bulbo oculare);
  • bassa acuità visiva (meno di 0,1 diottrie), la procedura è possibile solo in casi estremamente gravi dopo un esame scrupoloso;
  • ricca di iris di vasi di nuova formazione;
  • fondo con grave emorragia;
  • 3 e 4 gradi di gliosi (annebbiamento del corpo vitreo posteriore).

L'approccio giusto e un esame approfondito ti aiuteranno a scegliere il giusto metodo di trattamento.

Con una significativa opacizzazione del corpo vitreo, viene eseguita la vitrectomia, che consente al paziente di restituire la vista.

Perché i vasi negli occhi scoppiano e come rafforzare i capillari, leggi il nostro articolo.

Possibili complicazioni

La procedura per esporre un laser a una retina può avere le seguenti spiacevoli conseguenze:

  • edema corneale a breve termine (la vista diminuisce per diversi giorni, quindi viene ripristinata la nitidezza);
  • esposizione alla lente, che può portare allo sviluppo della cataratta;
  • infiammazione dell'iride (può influenzare il laser);
  • il deterioramento della visione notturna, l'aspetto nel campo visivo delle macchie scure.

Oltre al primo oggetto (edema corneale), la probabilità di complicanze è trascurabile. Se hai bisogno di una coagulazione estesa per evitare spiacevoli conseguenze, è meglio dividere la procedura in più fasi.

Periodo postoperatorio

L'operazione per eliminare le formazioni vascolari difettose procede rapidamente e non provoca disagio al paziente. Tuttavia, l'intervento laser impone determinati doveri a una persona:

  • sport e carichi pesanti sono controindicati;
  • le lesioni alla testa e in particolare agli occhi sono estremamente indesiderabili;
  • non può sollevare pesi

Gli esperti non consigliano di apparire sotto il sole senza occhiali oscuranti, e anche di astenersi dalla guida con il trasporto, prima della formazione di forti aderenze corioretiniche.

Fino a 2 settimane, i coagulanti sono completamente guariti e cicatrizzati.

Persone con predisposizione ereditaria alle malattie degli occhi o già sofferenti, dopo aver subito lesioni agli occhi e alla testa, è consigliabile esaminare periodicamente il fondo dell'occhio.
È più opportuno rimuovere il difetto rilevato in modo tempestivo piuttosto che soffrire tutto il tempo o eseguire le operazioni più difficili.

Dopo la coagulazione laser, in particolare nel diabete mellito, sono talvolta possibili ricadute e l'emergere di nuove aree con vasi distrofici o un distacco incipiente.

Pertanto, dopo la procedura, si consiglia vivamente di visitare l'oftalmologo per un'ispezione mensile fino a sei mesi, ridurre gradualmente la frequenza delle visite a 1 volta in 3 mesi, poi 6 mesi e 1 volta all'anno.

La coagulazione laser della retina è un modo abbastanza semplice, non traumatico ed efficace per prevenire il distacco della retina. La percentuale estremamente bassa di complicazioni, la riabilitazione rapida dopo la procedura e la facile trasportabilità giustificano l'uso diffuso di questo metodo in oftalmologia.

Trattamento laser delle malattie retiniche

Nel trattamento laser della patologia retinica, il medico cerca di creare aderenze tra la superficie di questa membrana e la coroide sottostante. A tale scopo vengono utilizzati speciali laser a coagulante, con l'aiuto del quale il chirurgo applica diversi microbi locali. Nella medicina laser moderna, è diventato possibile trattare non solo il diradamento della retina e le sue rotture, ma anche i distacchi piatti che non sono stati trattati prima.

Al fine di mantenere un alto livello di visione, è necessario eseguire il trattamento in tempo. Molto spesso, una rottura della retina può essere rilevata anche prima che si sia verificato il suo completo distacco, il che semplifica enormemente il compito del medico durante il trattamento laser.

Nonostante il successo della chirurgia laser per il distacco della retina, è improbabile che il paziente sia in grado di vivere come prima. Non sarà in grado di condurre la vita come persone sane, perché dovrebbe guardarsi da certe cose, inclusa una forte inclinazione, sollevando oggetti pesanti e interpretazioni. A questo proposito, una procedura molto più vantaggiosa è il rafforzamento profilattico della retina ad alto rischio del suo distacco. Durante questa procedura, un laser viene utilizzato per eseguire la cosiddetta saldatura retinica al bulbo oculare in quei luoghi che sono più vulnerabili.

Nei processi periferici distrofici, il trattamento laser aiuta a limitare l'area interessata e rafforzare quest'area per prevenire un ulteriore distacco. Questa procedura non è complicata. Consiste nel saldare la retina con un raggio laser attraverso gli strati trasparenti del bulbo oculare. L'area d'impatto è limitata ai punti deboli. Dopo questo, la vita del paziente ritorna al corso precedente, poiché il rischio di distacco di retina è ridotto al minimo.

Questo tipo di intervento è sicuro perché la penetrazione di agenti infettivi diventa impossibile con un raggio laser. Il trattamento viene effettuato su base ambulatoriale e richiede poco tempo. In caso di processi distrofici periferici, la retina può essere rinforzata con un laser solo una volta, ma a volte è necessario un intervento ripetuto. Nei pazienti giovani, la retina è molto tesa, quindi non è possibile dire con certezza se ci saranno dei cambiamenti in futuro. L'intera retina di solito non è rinforzata, solo le zone con il maggior rischio di distacco e rottura sono esposte all'esposizione laser.

Indicazioni per la chirurgia

L'intervento laser è utilizzato per:

  • Prevenzione del distacco della retina. In questo caso, l'operazione è denominata coagulazione laser preventiva. In questo caso, il tipo di intervento che il medico distingue tra zone pericolose di processi distrofici, tra cui la distrofia del reticolo e cambiamenti nel tipo di coclea. Per identificare tali cambiamenti dovrebbe esaminare attentamente il fondo, in particolare le sue zone periferiche. L'ispezione viene eseguita dopo la massima espansione della pupilla. L'esame del fondo di pazienti ad alto rischio di distacco di retina è necessario due volte l'anno. A rischio includono pazienti con miopia, con ereditarietà gravata e sottoposti a intervento chirurgico sull'organo della vista.
  • Per delimitare il distacco già compiuto dalla zona. In questo caso, l'intervento è chiamato coagulazione laser barriera o terapeutica. Tipicamente, questo tipo di intervento laser sulla retina viene utilizzato in caso di distacco locale piatto di questa membrana, se l'intervento chirurgico non può essere eseguito, ad esempio, a causa della grave condizione somatica del paziente.
  • Per ulteriore coagulazione dell'area gap dopo trattamento chirurgico di questa patologia.
    Il processo di coagulazione laser della retina viene eseguito utilizzando una soluzione anestetica locale. Una lente a contatto speciale, chiamata lente a tre specchi Goldman, è posizionata sull'occhio. Questo dispositivo mette a fuoco il raggio laser direttamente sull'area interessata.

Coagulazione retinica

Se c'è una lacuna o un distaccamento locale della retina, l'area del danno è delimitata da diverse file di coagulanti. Ci vogliono circa 10-14 giorni per formare un picco denso tra la retina e la coroide. Viene considerata una chirurgia di coagulazione laser di successo se non vi è alcun aumento nell'area di rottura o distacco della retina.

Se la coagulazione era troppo dura ed è stata eseguita su ampie aree della retina, possono verificarsi alcune complicanze:

  • Distacco retinico essudativo, distacco coroideale, che richiede un trattamento aggiuntivo e scompare nel giro di pochi giorni.
  • Maculopatia degenerativa, accompagnata da cambiamenti nell'area maculare.

Se la coagulazione del laser profilattico viene completata con successo, l'oftalmologo deve essere esaminato due volte all'anno per identificare nuove aree di alterazioni degenerative. Lo studio del fondo dell'occhio viene eseguito dopo la massima midriasi medica. Inoltre, quando si esamina il fondo può essere rilevato foci di assottigliamento o rottura del guscio. Se una coagulazione laser preventiva ripetuta di tali aree viene effettuata nel tempo, il rischio di distacco della retina, che a volte porta a una completa perdita della funzione visiva, può essere significativamente ridotto.

Trattamento laser per retinopatia diabetica

La coagulazione retinica può essere utilizzata per aiutare i pazienti con retinopatia diabetica.

Coagulazione laser della retina, che viene eseguita in regime ambulatoriale. È usato in pazienti con edema maculare e retinopatia diabetica abbastanza spesso. È importante capire che lo scopo di tale intervento è fermare la progressione della malattia, poiché è improbabile che migliori la visione in questo modo. La distruzione della retina nel diabete è irreversibile.

La fotocoagulazione, che è usata per trattare tali cambiamenti, è stata utilizzata negli ultimi trenta anni. L'esperienza clinica accumulata suggerisce che questa tecnica è più utile nel trattamento di pazienti con retinopatia diabetica e aiuta ad affrontare bene l'arresto della patologia. Nel caso di diagnosi precoce della malattia e trattamento efficace della retinopatia diabetica, la maggior parte dei pazienti (oltre l'80%) riesce a mantenere la funzione visiva. Con retinopatia diabetica non proliferante, il decorso della malattia è generalmente più favorevole, quindi non è necessario eseguire immediatamente la coagulazione laser. Ha senso iniziare il trattamento nel caso in cui vi siano segni di progressione della malattia.

Nella fotocoagulazione laser, i vasi sono cauterizzati e quindi le arterie appena formate smettono di funzionare. Questo impedisce gravi complicazioni. A cui include emorragia nella sostanza del corpo vitreo, glaucoma secondario, distacco di retina. Il trattamento può anche interessare aree con aumentata permeabilità della parete vascolare, che si trovano nella zona centrale del fondo (vicino alla macula) e, inoltre, nel caso di grandi aree di danno man mano che la malattia progredisce.

L'essenza del metodo di trattamento laser

La chirurgia laser viene eseguita per:

  • Distruzione di aree avascolari retiniche che possono produrre un fattore di crescita vascolare. Le arterie risultanti sono una fonte di edema della retina ed emorragia nella struttura dell'occhio.
  • Aumenta l'apporto diretto di molecole di ossigeno alle cellule retiniche dalla coroide.
  • Coagulazione termica di vasi patologici di nuova formazione.

Nel caso della retinopatia diabetica, viene eseguita la coagulazione laser retinica. Allo stesso tempo eseguire la coagulazione laser della parte centrale della regione periferica della retina. La cauterizzazione viene eseguita in luoghi non pericolosi adiacenti alla retina, in tre fasi ad intervalli di 1-2 mesi. Con un effetto laser sull'occhio, viene posizionata una lente a contatto per focalizzare meglio i raggi nell'area richiesta. Per fare questo, selezionare quelle aree della retina che hanno segni di ipossia a causa della scarsa afflusso di sangue.

L'esposizione al laser può causare la cauterizzazione di aree in cui i piccoli vasi non funzionano e si accumulano anche composti dannosi. Questi ultimi influenzano così la crescita dei vasi sanguigni, che le arterie di nuova costituzione hanno una struttura patologica. Durante il primo ciclo di trattamento laser, circa 1500, a volte 2000, coagula la forma sulla retina. 3-4 settimane dopo la procedura, il paziente subisce un esame di follow-up. Ciò è dovuto al fatto che l'efficacia di tale trattamento non appare immediatamente. Allo stesso tempo, i meccanismi che modificano la circolazione del sangue nella retina sono gradualmente lanciati. Inoltre, circa un mese dopo, le navi appena formate si svuotano gradualmente. A questo proposito, con un controllo di routine, il medico valuta la situazione e comprende se una singola procedura di coagulazione laser è stata sufficiente.

A volte all'esame di controllo, è possibile rivelare l'assenza di regressione dei vasi appena formati, in alcuni casi compaiono anche nuovi patch di vascolarizzazione patologica. Questa situazione richiede un trattamento aggiuntivo, che consiste in 1 o 2 sessioni laser a tutti gli effetti. Dopo questo controllo viene effettuato in altre 3-4 settimane.

Se si verifica un edema maculare diabetico, la coagulazione laser viene diretta all'area della macula. Questo riduce il gonfiore della retina e l'essudato è soggetto a riassorbimento. Questa manipolazione viene eseguita in una sessione, dopo di che, dopo 4-6 mesi, segue un'ispezione programmata. Se necessario, la sessione di coagulazione laser può essere ripetuta.

Anche se dopo la coagulazione laser non è stato possibile ottenere una regressione completa dei vasi appena formati, il paziente deve essere osservato nel centro del laser.
Nonostante l'efficacia dell'irradiazione laser, in alcuni casi si verificano recidive della malattia e appaiono siti di neovascolarizzazione. Molto spesso ciò è dovuto al deterioramento del decorso della patologia sistemica, ma può essere il risultato di infezioni o operazioni. Con lo sviluppo dell'ipertensione o della nefropatia diabetica, il processo delle lesioni retiniche è più difficile. Se c'è una recidiva, deve essere eseguita una coagulazione laser aggiuntiva della retina. A seconda della gravità dei sintomi e dei cambiamenti, possono essere prescritte 1 o 2 sessioni. Durante i primi sei mesi è necessario venire ogni mese per i controlli. In caso di successo del trattamento, gli esami di follow-up devono essere ripetuti ogni 2-4 mesi, e successivamente ogni sei mesi. Una tattica simile nel trattamento di pazienti con retinopatia diabetica è utilizzata in tutto il mondo.

Tuttavia, l'efficacia della coagulazione laser in questa malattia non è sempre elevata. Nel caso di emorragie di grande volume, che non si sciolgono a lungo, o quando si verifica il distacco della retina, è necessario un intervento chirurgico, la vitreectomia implicita.

Anche nei casi più gravi, il trattamento può iniziare con un effetto laser. Questa tattica è associata al fatto che i dati della letteratura mostrano buoni risultati della coagulazione laser retinica, anche nelle situazioni meno promettenti. Se la coagulazione laser non ha successo, l'efficacia dell'intervento chirurgico dopo questa procedura può essere maggiore.

La coagulazione laser è particolarmente efficace nelle prime fasi dei cambiamenti patologici nella retina, e si deve ricordare che la causa principale di questa condizione (diabete mellito) persiste, pertanto possono verificarsi recidive e complicanze.

Coagulazione laser della retina

Coagulazione laser della retina - chirurgia senza sangue sulla retina, che è la creazione di aderenze tra la retina e la coroide situata al di sotto di essa. In considerazione del basso trauma, l'intervento viene effettuato su base ambulatoriale per i pazienti di qualsiasi età, compresi quelli con patologie cardiovascolari.

procedura

L'essenza dell'intervento è "saldare" la retina ai tessuti sottostanti creando una solida adesione. La retina è "saldata" con speciali laser a coagulante che causano microburn locali.

L'operazione viene eseguita in posizione seduta. La durata dell'intervento è di 15-20 minuti. Passo dopo passo la procedura si presenta così.

  1. Instillazione della soluzione dilatativa della pupilla e goccioline anestetiche.
  2. Installazione di un obiettivo Goldman a tre specchi. Permette di focalizzare il laser sull'area dell'occhio desiderata.
  3. L'impatto sulla retina con due laser: bassa potenza, utilizzata per puntare e alta potenza, creando una saldatura. 3-5 file di aderenze laser sono sufficienti a formare una fusione corioretinica che previene il distacco della retina. La fusione si forma entro 10-14 giorni.

Per quanto riguarda il dolore, sono minimi. I medici avvertono che quando un laser colpisce una certa parte dell'occhio, può verificarsi dolore, ma è più come un formicolio. Ciò è confermato dalle recensioni di pazienti che parlano di disagio, ma non di dolore. Il disagio è causato dalla luce intensa della lampada a fessura, dalla necessità di fissare lo sguardo su un punto e di non fare gesti extra.

Se viene indicata la coagulazione di una grande parte della retina, la procedura viene eseguita in più fasi.

reinserimento

Per evitare complicazioni postoperatorie, è imperativo seguire le raccomandazioni mediche.

Il primo giorno dopo la coagulazione, non sforzare gli occhi, non usare lenti a contatto, occhiali.

Per due settimane:

  • eliminare il sale dalla dieta;
  • smettere di bere;
  • ridurre al minimo la quantità di fluido che si beve;
  • indossare occhiali da sole;
  • Seppellire gli occhi prescritti dal medico gocce.

Durante il mese, sono esclusi tutti i tipi di attività fisica, gli sport associati a movimenti improvvisi, curve. Anche durante questo periodo, è necessario rifiutarsi di visitare le saune e i bagni, la spiaggia.

Dopo la coagulazione, è necessario sottoporsi a un esame da un oftalmologo, prima ogni mese, poi una volta ogni tre mesi, poi ogni sei mesi.

Indicazioni e controindicazioni

  • distrofia retinica (età compresa);
  • patologia vascolare delle vene;
  • distacco della retina;
  • trombosi della vena centrale o rami della retina;
  • angiomatosi (eccessiva proliferazione dei vasi sanguigni);
  • rottura della retina;
  • alta miopia;
  • retinopatia diabetica e patologia causata da ipertensione;
  • tumori della retina (maligni e benigni).

Molti oftalmologi prescrivono la coagulazione laser in pazienti con un alto grado di miopia prima della correzione laser. Inoltre, la procedura viene eseguita per le donne incinte per prevenire complicazioni durante il parto. Il fatto è che sulla scia del rischio di aumenti della rottura della retina. Se esiste una tale possibilità, un oftalmologo può prescrivere la coagulazione della retina di una donna incinta per un massimo di 35-36 settimane. L'operazione richiede il permesso non solo di un oftalmologo, ma anche di un ginecologo.

In caso di opacizzazione del mezzo oculare, gliosi del 3 ° e 4 ° grado, emorragie nel fondo oculare, formazione di nuovi vasi sull'iride, acuità visiva inferiore a 0,1, coagulazione laser è controindicata. È vero, queste controindicazioni non sono assolute. Dopo il trattamento appropriato, è possibile la procedura di coagulazione.

Pro e contro

L'indicatore di rischio / efficacia è il più significativo al momento di decidere sulla fattibilità della coagulazione laser della retina.

Nel 70% dei casi, dopo la "cauterizzazione" laser della retina, la vista migliora e il rischio di distacco della retina diminuisce. Il giorno dopo puoi iniziare a svolgere mansioni lavorative. È necessario, tuttavia, monitorare la pressione sanguigna ed eliminare l'attività fisica per l'intero periodo di crescita di nuovi tessuti e vasi. Solo un medico può giudicare il successo dell'intervento, che durante l'esame della periferia del fondo (ogni 6 mesi) segue la comparsa di nuove aree di degenerazione retinica.

vantaggi

La coagulazione laser presenta diversi vantaggi, tra cui:

  1. metodo di esposizione senza contatto, in cui i rischi di infezioni e altre complicanze sono ridotti a zero;
  2. non è necessario un addestramento speciale e una lunga degenza ospedaliera;
  3. utilizzare durante la coagulazione dell'anestesia locale, evitando molte delle complicazioni che possono insorgere durante l'anestesia generale;
  4. la possibilità di eseguire la procedura per persone di qualsiasi fascia d'età, donne in gravidanza (fino a 35 settimane);
  5. semplicità del periodo di riabilitazione;
  6. indolore.
  • migliorare l'apporto di sangue e la nutrizione della retina;
  • prevenire danni ad esso;
  • migliorare il rilievo del fondo;
  • rimuovere le formazioni tumorali;
  • eliminare la deformità del bulbo oculare.

complicazioni

Ha la coagulazione laser e le sue complicanze. Molto spesso sono minori, sono associati all'esposizione laser, sono temporanei. Ad esempio, l'arrossamento congiuntivale e il gonfiore della cornea, accompagnato da un deterioramento della vista, scompaiono alcuni giorni dopo la procedura e la visione viene ripristinata.

Se si sviluppa un processo infiammatorio postoperatorio, uno specialista prescriverà colliri appropriati (Tobrex e altri). In alcuni pazienti, dopo la coagulazione, si osserva il fenomeno della sindrome dell'occhio secco. Una produzione insufficiente di liquido lacrimale provoca sensazione, secchezza, bruciore e fastidio. I sintomi spiacevoli possono essere rimossi con collirio idratante. In futuro, quando le funzioni delle strutture oculari saranno completamente ripristinate, l'uso di questi strumenti non sarà necessario.

In casi isolati, quando il laser è nelle mani di uno specialista incompetente, possono insorgere problemi più seri. Se viene applicata una punta bruciata nell'area sbagliata, si verificherà una perdita della vista. È anche possibile:

  • infezione da congiuntivite;
  • aumento della pressione intraoculare;
  • sviluppo della cataratta (opacizzazione della lente);
  • cambiando la forma dell'obiettivo e dell'iride;
  • visione offuscata del crepuscolo;
  • curvatura dei contorni della pupilla;
  • la comparsa di macchie scure o luminose, altri difetti del campo visivo;
  • emorragia retinica, nervo ottico alterato, distacco del vitreo (si verifica quando i coagulanti sono applicati in modo improprio durante la procedura);
  • perdita della vista irreversibile.

Recensioni

Feedback da parte di coloro che hanno subito una procedura di coagulazione della retina, per lo più positivi. L'operazione quasi non causa dolore e disagio, complicazioni impreviste. Alcuni pazienti lamentano lieve formicolio, vertigini o nausea durante la procedura, ma questi effetti collaterali sono transitori.

La coagulazione laser è un metodo abbastanza semplice, efficace ea basso impatto per la prevenzione del distacco della retina. E le uniche condizioni per un esito positivo della procedura sono l'alta professionalità del medico e l'attuazione da parte del paziente delle raccomandazioni prescritte nella fase di riabilitazione.

Trattamento laser

I metodi di trattamento della visione laser sono considerati i più avanzati in oftalmologia. Sono meno traumatici, escludono l'apertura chirurgica, le incisioni, la sutura. Il raggio laser passa attraverso le strutture trasparenti e agisce sul tessuto che necessita di trattamento. Gli elementi rimanenti del bulbo oculare non sono interessati e non sono danneggiati. Ciò fornisce il trattamento più delicato di glaucoma, cataratta, retinopatia, strappo o distacco della retina, ecc.

Gli oftalmologi della clinica Medstandart di Irkutsk utilizzano varie tecniche laser per il trattamento delle malattie degli occhi. Qualsiasi intervento chirurgico al laser in clinica dura non più di 10-15 minuti, è molto ben tollerato dai pazienti e dà il massimo risultato positivo. Dopo mezz'ora dopo la fine dell'esposizione laser, puoi andare a casa. Il periodo di recupero è breve, con restrizioni minime.

Indicazioni per il trattamento laser

Il raggio laser nella clinica può essere usato per trattare le seguenti patologie oculari:

  • retinopatia diabetica e posttrombotica;
  • cataratta secondaria;
  • chiusura dell'angolo e glaucoma secondario;
  • distrofia periferica della retina;
  • distacco o rottura della retina locale;
  • predglaukomu;

Tipi di laser nella clinica "Medstandart"

Il centro oftalmologico è dotato di tre moderne installazioni laser per la correzione della visione laser:

  1. Fotocoagulatore laser "ALOD-01" (argon o laser verde) con una lunghezza d'onda di 532 nm. Questo laser (termico) coagulante viene utilizzato per il trattamento di patologie retiniche mediante cauterizzazione. Viene utilizzato per la coagulazione periferica laser della retina in distrofie, distacchi, rotture e per trabeculoplastica nel glaucoma. L'effetto terapeutico si ottiene rafforzando la retina in modo senza contatto, indolore, senza sangue. Il laser fornisce effetti termici, la coagulazione si verifica con la saldatura della retina con il suo distacco o rottura. Il rischio di infezione con il trattamento laser è praticamente eliminato.
  2. Diodo (rosso) laser. Ha una lunghezza d'onda di 810 nm. Penetra molto più in profondità nella coroide dell'occhio rispetto al verde. A causa della radiazione infrarossa a bassa intensità, non c'è abbagliamento durante l'esposizione.

3. Laser YAG - ALOF MX-01 "Optimum". La sua lunghezza d'onda è 1064 nm. Questo laser distruttivo (distruttivo) fornisce un effetto molto preciso sulle strutture dell'occhio desiderate nel glaucoma secondario e nella cataratta, nel preglaucoma e in altre malattie oftalmologiche.

I benefici del trattamento laser

I metodi laser di trattamento della visione hanno molti vantaggi:

  • Senza contatto senza un bisturi e aprendo il bulbo oculare.
  • Il rischio di infezione o infezione è ridotto a quasi zero.
  • Le operazioni vengono eseguite su base ambulatoriale, molto rapidamente, in anestesia locale - solo gocce anestetiche vengono instillate negli occhi.
  • I metodi di irradiazione laser consentono di lavorare nel modo più accurato e accurato possibile.
  • Il termine di riabilitazione è breve con alcune restrizioni temporanee sull'attività fisica.
  • Grazie alla tecnica senza contatto e non traumatica della chirurgia laser, può essere fatto immediatamente il giorno della diagnosi.

Periodo postoperatorio

Per consolidare il risultato del trattamento laser, segui alcune semplici linee guida.

Il primo giorno dopo la chirurgia laser:

  • Non sfregare, non toccare l'occhio operato, anche se si ha una sensazione di granello. Questo è un fenomeno normale che passerà rapidamente.
  • Quando vai fuori porta gli occhiali con gli occhiali scuri per proteggere gli occhi dalla luce intensa.

Nel prossimo mese:

  • Seppellire regolarmente le gocce prescritte dall'oculista nei tuoi occhi.
  • Rifiutare completamente le bevande contenenti alcol. Sono incompatibili con i farmaci e possono danneggiare non solo i tuoi occhi, ma tutto il corpo.
  • Non andare in bagno turco, sauna, bagno.
  • Non nuotare nello stagno aperto.

Dopo 30 giorni dal ripristino della visione laser, tutte le restrizioni vengono completamente rimosse. Dopo la chirurgia laser, il paziente è sotto la supervisione di un medico. Una visita programmata a un oftalmologo è necessaria 1-3 giorni dopo l'intervento chirurgico, e poi un mese dopo. Ma il paziente può venire prima, se necessario. Per questo non è necessario pagare un extra. Tutte queste attività sono gratuite per i nostri pazienti.

I nostri medici hanno una vasta esperienza nello svolgimento di operazioni laser. Dal 2016, hanno effettuato più di 500 esposizioni laser per ripristinare la vista. Contatta la clinica MedStandard, i nostri oftalmologi ti aiuteranno, in modo sicuro e rapido, con l'aiuto di moderne apparecchiature laser.

Il sito ha un numero di telefono, chiamando su cui è possibile iscriversi per una consulenza con il nostro specialista. Se avete domande sul trattamento laser, scrivetele nel modulo di messaggistica online sul sito Web, il medico consulente vi risponderà prontamente e in dettaglio.

Quando si effettua un appuntamento attraverso il sito, un ulteriore sconto del 10% si applica alla diagnosi completa primaria.

Coagulazione laser della retina: prezzo, periodo post-operatorio, effetti

La coagulazione laser è un trattamento professionale senza contatto della retina. Il metodo consente di ottenere risultati positivi nel diradamento centrale e periferico della retina, delle lesioni vascolari e della presenza di tumori.

La coagulazione laser previene un ulteriore distacco e lacerazione della retina, una buona prevenzione dei possibili cambiamenti patologici nel fondo e nelle neoplasie. Questa procedura è l'unico trattamento per la miopia e la retinopatia diabetica, la distrofia retinica correlata all'età, la trombosi, l'angiomatosi e altri cambiamenti progressivi degenerativi.

Cos'è?

Il rafforzamento della retina viene eseguito utilizzando un apparecchio speciale: un coagulatore laser.

L'uso di un laser consente la manipolazione del sangue senza intoppi e confortevole per il paziente, inoltre esegue l'anestesia locale.

La tecnica di trattamento si basa sulla corretta applicazione di un laser ad argon. La coagulazione si ottiene localmente cauterizzando la coroide della retina usando un fascio di hardware.

Grazie a una lente speciale, la radiazione laser penetra in profondità nel bulbo oculare, raggiungendo aree della retina difficili da raggiungere e limitate.

La qualità del risultato dipende in gran parte dalla professionalità del chirurgo che esegue tutte le manipolazioni necessarie.

Descrizione della procedura

La coagulazione laser della retina viene eseguita su base ambulatoriale utilizzando anestesia locale a goccia sulla pupilla dilatata.

La procedura dura 20-30 minuti, durante i quali la retina oculare viene trattata con i raggi di un laser medicale a bassa frequenza. Le sensazioni dolorose sono escluse, il paziente sente solo un tocco dell'obiettivo e vede lampi di luce.

L'aumento dei tessuti danneggiati è ottenuto dall'aumento della temperatura locale sulla retina. I posti di rotture retiniche sono collegati da enzimi speciali. Dopo la coagulazione, si consiglia al paziente di rimanere sotto controllo medico per qualche tempo.

Il costo della procedura di coagulazione laser dipende dal grado di disturbi circolatori e dalla natura dei cambiamenti sulla retina.

Il prezzo medio a Mosca varia da 5.000 a 30.000 rubli, a seconda del livello della clinica e della qualità delle attrezzature utilizzate.

Le recensioni di coloro che hanno subito una coagulazione con un laser puntano al raggiungimento di un risultato positivo stabile anche nelle situazioni più difficili - con ampio distacco di retina, grave retinopatia e ipovisione. Questa tecnica ha aiutato molti durante la gravidanza - dopo la procedura, alle donne è stato permesso di parto naturale.

Vantaggi del metodo

Per ottenere un'elevata efficienza della coagulazione laser dell'occhio, il medico deve condurre uno studio approfondito della storia clinica del paziente e dello stato attuale della sua vista. Nel periodo postoperatorio, la retina è sensibile allo stress, quindi è necessario dargli il tempo di rigenerare e ripristinare completamente.

Foto prima e dopo la procedura

Vantaggi della coagulazione laser della retina:

  1. Efficienza. La procedura è semplice e rapida nel tempo, non richiede una preparazione preliminare.
  2. Disponibilità. Molte cliniche acquisiscono coagulanti laser di alta qualità, con i quali i chirurghi oftalmologici trattano.
  3. Minimi effetti collaterali. Secondo le statistiche, il 90% delle coagulazioni viene eseguito con il massimo successo ed efficienza.

Il paziente trascorre in ospedale solo un giorno, dopo di che può tornare a casa. Durante il periodo postoperatorio di recupero, è fondamentale osservare le regole e le raccomandazioni del medico.

Effetti collaterali

Gli effetti negativi della coagulazione possono verificarsi quando non vengono seguite numerose controindicazioni alla procedura laser.

  • il processo di crescita anormale dei vasi sanguigni nell'iride dell'occhio - rubeosi retinica;
  • vasta attività emorragica del fondo;
  • scarsa trasparenza dei supporti durante la manipolazione laser;
  • alto grado di distacco della retina oculare;
  • ridotta acuità visiva inferiore a 0,1 diottrie;
  • lyoses gradi 3 e 4.

Per la corretta nomina della coagulazione laser, è obbligatoria la consultazione preventiva di un retinologo qualificato. Lo specialista esamina attentamente il paziente - conduce uno studio hardware del fondo, valuta la profondità e la dimensione delle aree delle lesioni vascolari. I pazienti a rischio dovrebbero regolarmente sottoporsi a monitoraggio oftalmologico della retina.

Periodo postoperatorio

Dopo l'operazione, per diversi giorni il paziente può essere disturbato dal disagio degli occhi - sensazione di bruciore e sabbia, lacrimazione e fotofobia, visione offuscata e altri.

Il periodo di recupero dura circa 10-14 giorni, durante i quali si raccomanda l'uso di terapia anti-infiammatoria sintomatica.

  • consentire la luce solare diretta negli occhi;
  • guardare la tv;
  • lavorare al computer;
  • indossare lenti e occhiali;
  • andare in sauna;
  • fare una doccia calda;
  • succede sulla spiaggia.

Durante il periodo postoperatorio, nessuna attività fisica è vietata, durante questo periodo è necessario rilassarsi di più e monitorare la pressione. Si consiglia ai pazienti di indossare occhiali da sole scuri, mangiare bene, consumare meno liquidi e sale, smettere di bere e fumare.

La perdita della vista è una diagnosi terribile e metodi tecnologicamente avanzati e convenienti ti aiuteranno a evitare questo, uno dei quali è la coagulazione dell'occhio.

Metodo di coagulazione laser della retina

Importante sapere! Se la visione ha cominciato a fallire, aggiungi immediatamente questo professionista alla tua dieta. Leggi di più >>

La coagulazione laser della retina è un intervento oftalmologico minimamente invasivo, che viene eseguito su base ambulatoriale e richiede poco tempo. In molti casi, questa procedura è l'unico modo per ridurre il rischio o evitare completamente il distacco della retina, nonché il successivo intervento chirurgico per ripristinare la vista. Lei ha controindicazioni. Alcune raccomandazioni dovrebbero essere seguite prima e dopo la coagulazione.

La retina consente a una persona di percepire gli oggetti visivi, la loro forma e il loro colore. Le sue patologie influenzano significativamente la visione. La coagulazione laser è il trattamento principale per le malattie retiniche nella moderna oftalmologia. In presenza di danni al laser "attacca" i bordi della zona staccata, provocando una serie di scottature microscopiche. Ciò impedisce la penetrazione del liquido oculare sotto la retina e lo sviluppo di una tale patologia come il suo distacco, dopo il quale è quasi impossibile ripristinare la vista.

Per il trattamento vengono utilizzati laser a stato solido, argon, kripton e diodo. Le tecniche standard di coagulazione laser della retina forniscono un'applicazione coerente di microburn in una singola modalità. Ci sono anche installazioni "multifocali" più moderne, che consentono di eseguire un effetto a impulsi con una doppia frequenza. Questa tecnologia viene utilizzata per eseguire un trattamento laser massiccio nella retinopatia diabetica o post-trombotica. In 2-3 sessioni di trattamento, è possibile applicare fino a 2500 micro-bruciature sulla retina, la cui dimensione media è di 0,2-0,5 mm. Per 1 secondo vengono eseguite contemporaneamente 90 ustioni laser, riducendo il tempo della procedura e il suo dolore per il paziente. Le moderne impostazioni di coagulazione consentono di "programmare" la posizione dei coaguli e visualizzarli sullo schermo del dispositivo.

A seconda della gravità della malattia, può essere necessario più di una sessione della procedura, che può essere mantenuta tra 1 e alcune settimane tra di loro. I coagulanti vengono applicati nei seguenti modi:

  • sul bordo della macula in diverse file;
  • lungo il confine del distacco di retina;
  • localmente in quelle aree in cui la sostanza fluorescente è traslucida dopo la sua iniezione preliminare;
  • su tutta l'area della retina.

Le indicazioni per la chirurgia sono le seguenti patologie:

  • distrofia maculare;
  • retinopatia della prematurità;
  • Malattia di Ilsa (infiammazione dei vasi della retina con emorragie ricorrenti);
  • retinopatia diabetica;
  • malattie della retina a causa di anomalie dell'ostruzione della vena centrale;
  • lesioni delle macule di varie origini;
  • neovascolarizzazione (proliferazione patologica dei vasi sanguigni) della testa del nervo ottico e della retina;
  • distacco e rottura della retina locale;
  • distrofia periferica vitreo-ortoretinica (danno alla retina, alla coroide e al corpo vitreo).

Poiché il distacco della retina è una controindicazione per il parto naturale nelle donne in gravidanza, la coagulazione laser può rafforzarla ed evitare il taglio cesareo.

Tutti i pazienti con miopia moderata e alta sono sottoposti a regolare esame da un oftalmologo e controllando lo stato della retina per i cambiamenti distrofici. Per prevenire il suo distacco, viene eseguita la coagulazione laser retinica profilattica della retina (PPLC, o coagulazione laser restrittiva, rafforzamento della retina con un laser), il cui principio non è diverso da quello medico. Le ustioni sono applicate in questo caso lungo il bordo della distrofia o area di rottura.

10-14 giorni dopo la procedura, si forma una saldatura retinica, fissandola saldamente ai tessuti circostanti. Dopo questo è necessario fare un'ispezione all'oftalmologo Se il grado di adesione è insufficiente, viene eseguita una sessione PPLK aggiuntiva. Con alta miopia, più della metà dei pazienti ha bisogno di una PPLK prima della correzione della visione laser. Questa procedura è prescritta solo per quei pazienti con distrofia o rotture retiniche. Tale rafforzamento può essere effettuato durante la gravidanza, ma non è consigliabile eseguire PPLC prima della 12a settimana e oltre il 35.

La coagulazione laser ha le seguenti controindicazioni:

  • emorragie nel fondo;
  • la crescita del tessuto fibroso lungo la superficie posteriore del corpo vitreo;
  • ridotta trasparenza dell'occhio (distruzione del corpo vitreo, cataratta, annebbiamento della cornea).

Le relative controindicazioni includono l'acuità visiva inferiore a 0,1.

La coagulazione laser viene eseguita dopo una diagnosi accurata. Immediatamente prima dell'operazione, i midriatici vengono instillati negli occhi - medicinali destinati all'espansione della pupilla e all'anestesia. Il paziente viene messo su una sedia di fronte al laser, il mento e la fronte sono applicati al telaio del dispositivo.

Un'attrezzatura speciale produce un impulso fotonico di una certa frequenza e intensità, che sono selezionati individualmente. Il medico con una lente spessa applicata all'occhio del paziente, lo dirige verso l'area danneggiata del tessuto. Quando viene applicato un raggio laser alla retina, l'energia viene convertita in calore, che causa la cauterizzazione locale e l'aspetto dei coaguli laser che impediscono la diffusione della patologia.

Durante l'operazione non può lampeggiare e fare altri movimenti. Il medico spiega in che direzione cercare il miglior accesso alle varie parti della retina e avverte l'inizio della fornitura di impulsi laser agli occhi. La coagulazione laser può causare disagio, dolore lieve e lampi di luce verde. Se le terminazioni nervose si trovano vicino alla superficie della retina, il paziente avverte sensazioni di formicolio. Il dolore dipende dalla sensibilità individuale della persona. Il numero di impulsi è determinato dal grado di danno all'occhio.

  • vista

La durata della procedura è di 5-15 minuti. Viene eseguito in anestesia locale negli adulti e in anestesia generale nei neonati. Dal momento che dopo l'operazione, può verificarsi un danno visivo, è meglio venire con un accompagnatore. Dopo la coagulazione, il paziente può procedere immediatamente alla sua attività quotidiana.

A pochi giorni prima dell'operazione, così come dopo di esso dovrebbe essere seguito le seguenti raccomandazioni:

  • evitare pesanti sforzi fisici, saltare;
  • non piegare la testa bruscamente;
  • non appendere a testa in giù;
  • non sollevare oggetti più pesanti di 5 kg;
  • tieni la testa lontana dai colpi;
  • evitare lo stress.

Le conseguenze dopo la coagulazione laser nella maggior parte dei pazienti sono le seguenti:

  • sensazione di accecamento dalla luce intensa subito dopo l'operazione (dura alcuni minuti);
  • deterioramento dell'acuità visiva nei primi giorni dopo la coagulazione laser;
  • aumento della lacrimazione;
  • sensazioni sgradevoli agli occhi, affaticamento dovuto alla pressione della lente durante la procedura;
  • mal di testa;
  • distorsioni percettive di colore che passano in pochi minuti;
  • arrossamento degli occhi.

In rari casi, sorgono complicazioni:

  • infiammazione congiuntivale;
  • edema corneale;
  • dolore severo con massicci interventi laser;
  • deterioramento dell'acuità visiva o sua completa perdita;
  • disturbi circolatori nella testa del nervo ottico;
  • deformità della pupilla;
  • aumento della pressione intraoculare;
  • emorragie nella retina e nel corpo vitreo;
  • cicatrici, che porta alla perdita della zona centrale di visione (nell'8% dei casi di complicanze);
  • visione offuscata di notte;
  • comparsa di difetti del campo visivo.

Per evitarli, è necessario seguire le raccomandazioni postin vigore del medico generico essente presente:

  • se possibile, trascorri qualche giorno a casa;
  • utilizzare gocce oculari antibiotiche per 2 settimane per prevenire lo sviluppo di processi infiammatori (Tobrex, Tobi, Bramitob e altri);
  • limitare il carico visivo per 7-10 giorni;
  • usare occhiali da sole;
  • Limitare i trattamenti dell'acqua, la vasca idromassaggio e la sauna sono controindicati.

Successivamente, è necessario almeno una volta all'anno sottoporsi a un esame da un oftalmologo.

E un po 'sui segreti.

Hai mai sofferto di problemi con EYES? A giudicare dal fatto che stai leggendo questo articolo, la vittoria non è stata dalla tua parte. E ovviamente stai ancora cercando un buon modo per ripristinare la vista!

Poi leggi cosa ne dice Elena Malysheva nella sua intervista sui modi efficaci per ripristinare la vista.

Centro di microchirurgia dell'occhio. | STATO DI LLC

Sconti, promozioni ed eventi
Days of Sight - Promozioni del centro di microchirurgia dell'occhio. Test di visione gratuito.
L'oftalmologo rinomato di Rostov condusse una complessa operazione dal vivo
Trattamento presso la clinica
diagnostica
Trattamento della cataratta
Correzione della visione laser
Trattamento della miopia
Ipermetropia (ipermetropia)
Trattamento del glaucoma

GIORNI DI VISTA

  • Home |
  • Trattamento
  • Rafforzamento della retina con una coagulazione laser - laser

Rafforzamento della retina con una coagulazione laser - laser

Qual è la retina? Questo è il guscio sensibile interno dell'occhio, che copre la sua intera cavità. È responsabile della percezione dei segnali di luce e colore da parte degli organi visivi, per la loro elaborazione iniziale e ulteriore trasformazione in impulsi nervosi che entrano nel cervello.

Una retina sana è adiacente alla coroide ed è parzialmente attaccata ai suoi tessuti nell'area della testa del nervo ottico e della linea dentata. Un'altra parte di questa membrana sensibile è sostenuta dalla pressione del corpo vitreo, così come per mezzo di legami sottili dell'epitelio pigmentato.

Nel caso di una lesione retinica, il fluido che si trova all'interno del bulbo oculare agisce sulla membrana retinica e ne promuove il distacco.

Cos'è il pericoloso distacco della retina?

Questa malattia oftalmologica, non identificata e non eliminata nel tempo, progredirà rapidamente. Si riferisce a gravi complicanze della miopia, nonché a cambiamenti legati all'età negli organi della vista, poiché spesso aggrava la qualità della visione per completare la cecità.

Il distacco che parte dalla periferia colpisce nel tempo il centro della retina, e questo è irto di pericolosi disturbi della visione centrale.

Con una diminuzione della vista, è necessario consultare un medico il più presto possibile al fine di stabilire la natura della patologia. Il distacco della retina richiede un intervento chirurgico immediato. Il fatto è che i casi trascurati di questa malattia non sono sempre suscettibili di un completo recupero.

Tuttavia, accade anche che rotture e buchi legati all'età minori nel rivestimento interno dell'occhio non conducano al distacco. Riducono solo la vista, senza minacciarla.

È molto importante riconoscere i primi sintomi della malattia, in tempo per prendere provvedimenti per eliminarli.

Segni di distacco della retina

  • La comparsa di fotopati - "lampeggia", "scintille", "lampo" davanti ai tuoi occhi
  • Sfarfallio davanti agli occhi di "mosche", "punti", "fili" - va notato che questo sintomo non è sempre associato al distacco della retina
  • L'anello di Weiss è una zona di nuvole arrotondate che appare in vista. Questo stesso sintomo non è ansioso, ma in combinazione con i "mirini" indica il distacco della retina
  • La perdita di parte del campo visivo è l'apparenza di un velo davanti ai tuoi occhi. In questo caso, il distacco della retina avviene nella zona opposta all'aspetto del "velo"
  • Diminuzione dell'acuità visiva
  • Distorsione dei contorni e delle dimensioni degli oggetti
  • Curvatura lineare - Metamorfica

Questi sono i sintomi del tipo più comune di distacco della retina - rematogeno. Il distacco retinico da trazione è pericoloso perché è asintomatico.

Pertanto, è importante visitare regolarmente un oftalmologo per scopi preventivi - per prevenire o diagnosticare questa grave malattia nel tempo.

I moderni metodi di ricerca aiuteranno a fare una diagnosi accurata e ad adottare le misure appropriate nel tempo. In caso di gravi violazioni, il medico le consiglierà di condurre la coagulazione laser della retina.

Rafforzamento della retina con una coagulazione laser - laser: indicazioni e controindicazioni

Oggi questa procedura è l'unico trattamento efficace per la patologia retinica. È usato per:

  • Distrofia periferica e centrale del rivestimento interno dell'occhio
  • Distacco della retina
  • Vari tumori
  • Cambiamenti vascolari
  • Trombosi della vena centrale

Con l'aiuto della coagulazione laser, è possibile prevenire l'insorgenza e l'ulteriore sviluppo di distrofie, per fermare il processo di distacco della retina. Tale operazione è anche una prevenzione dei cambiamenti progressivi del fondo.

La coagulazione laser è controindicata in una serie di condizioni patologiche dell'organismo quando il rischio di possibili complicazioni è eccessivo o nel caso in cui, per qualche motivo, le manipolazioni necessarie siano impossibili. Questi includono:

  • Processi emorragici
  • Supporti ottici insufficientemente trasparenti.
  • rubeosis
  • gliosis
  • L'acuità visiva inferiore a 0,1 è una controindicazione per

Individualmente, il medico prende in considerazione i periodi di gravidanza e allattamento nelle donne con miopia ad alto e medio grado.

Come si coagula il laser della retina?

L'attrezzatura moderna consente tali operazioni a livello ambulatoriale, in anestesia locale a goccia. Questo tipo di anestesia è sicuro perché non carica gli organi interni. Né il paziente sente alcun dolore.

La coagulazione laser dura non più di mezz'ora. Una lente speciale viene indossata sul bulbo oculare per facilitare la penetrazione precisa del raggio laser. Quindi lo specialista agisce con l'aiuto di un laser e uno stereomicroscopio sulla zona interessata dell'occhio.

Il forte aumento della temperatura causato dall'azione dei raggi, rotola il tessuto e, quindi, giuntura saldamente la retina e la coroide. La velocità del processo di coagulazione - la coagulazione dei tessuti - assicura l'assenza di emorragie.

Dopo la fine del potenziamento della retina laser, il paziente riposa ed è esaminato da un oftalmologo, per poi tornare a casa. Notevole è il fatto che una persona sottoposta a coagulazione laser non dovrebbe cambiare il suo solito modo di vivere. Il medico gli impone solo alcuni limiti di tempo.

Cosa non dovrebbe essere fatto dopo la coagulazione laser?

Il risultato finale richiesto dopo questa operazione arriva dopo 8-10 giorni dalla sua implementazione. In modo che non ci siano complicazioni e gli occhi guariti rapidamente, in questi giorni il paziente non è raccomandato:

  • Per visitare la sauna, bagno, piscina, spiaggia
  • Prendi l'alcol
  • Mangiare cibi salati
  • Solleva e trasporta la gravità
  • Limita lo sforzo fisico
  • Piegarsi

La coagulazione laser è una procedura moderna, sicura ed efficace che consente di prevenire lo sviluppo di una malattia oftalmica così grave, come il distacco della retina, in breve tempo e senza speciali restrizioni postoperatorie.

Google+ Linkedin Pinterest