Rifrazione fisica e clinica dell'occhio

L'occhio umano è una sorta di dispositivo ottico che consente di percepire le informazioni visive e trasmetterle per il riconoscimento nel cervello. I raggi luminosi, quando rilasciati, vengono rifratti a causa del mezzo ottico dell'occhio (cornea, umidità della camera anteriore, lente, corpo vitreo).

Già nel 1872, la capacità di rifrangere raggi di luce, chiamati potenza ottica o rifrazione, veniva proposta per essere misurata in diottrie (D, dptr). Questa è la rifrazione fisica - l'inverso della lunghezza focale (la distanza dal centro della lente al punto di intersezione dei raggi rifratti da essa). È calcolato dalla formula:
D = 1 / f dove D è il potere rifrattivo dell'obiettivo, dptr; f - lunghezza focale, m.

Pertanto, una diottria è uguale alla potenza ottica di un obiettivo con una lunghezza focale di 1 metro.

Tuttavia, per ottenere un'immagine chiara, è importante per una persona non solo il potere rifrattivo dell'occhio, ma anche la capacità di focalizzare i raggi sulla retina. A tal proposito, in oftalmologia, viene utilizzato il concetto di rifrazione clinica, mediante il quale si comprende la posizione del fuoco principale del sistema ottico dell'occhio in relazione alla retina. Distinguere tra rifrazione statica e dinamica. Sotto il primo implica rifrazione a sistemazione di riposo, cioè, dopo l'instillazione di farmaci che causano la sua paralisi (atropina). Sotto il secondo - la rifrazione che coinvolge alloggio.

Le proprietà ottiche degli occhi sono uniche per ogni persona. Su questa base, è impossibile stabilire indici di rifrazione uniformi dei supporti ottici per tutte le persone. A tale scopo, vengono utilizzati i dati medi ottenuti misurando un gran numero di occhi - il cosiddetto occhio schematico.

Vari ricercatori hanno proposto molte opzioni per questo, ma il più preciso e di successo è l'occhio schematico di Gullstrand. Quindi, la rifrazione media di una cornea umana è 43,05 D, la lente è 19,11 D, e l'intero occhio è 58,64 D. In effetti, questi parametri variano considerevolmente e possono essere per la cornea 38-46D, la lente 15-23D, l'intero occhio - 52-71D. Nella pratica clinica, per la normale rifrazione della cornea, prendere gli indicatori nell'intervallo 42-44 D. Un ruolo significativo è giocato anche dall'età della persona. Il potere rifrattivo medio di un occhio normale (secondo A. I. Dashevsky): in neonati - 77D, in bambini 3-5 anni - 59.9D, 6-8 anni - 60.2D, 9-12 anni - 59.6D e oltre 15 anni - 59.7D.

La rifrazione corneale può anche cambiare nel tempo. Quindi, all'età di 30 anni può diminuire di 0,5 D, e per 70 può aumentare di 1,0 D. Nell'età adulta, la rifrazione della cornea media nel meridiano verticale è di circa 0,5 D in più rispetto al meridiano orizzontale, dovuto alla maggiore frequenza dell'astigmatismo diretto nei giovani. Questa distinzione è livellata di 70 anni. I cambiamenti nell'obiettivo contribuiscono maggiormente allo sviluppo dell'astigmatismo inverso.

Metodi per la valutazione della rifrazione clinica

Esistono metodi soggettivi (selezionando lenti correttive che offrono la massima acuità visiva) e metodi oggettivi (skiascopy, oftalmometria, autorefrattometria, cheratotopografia) per la valutazione della rifrazione. I metodi oggettivi si basano sulla capacità della retina non solo di assorbire, ma anche di riflettere la luce che cade su di essa.

Autore: oftalmologo E. N. Udodov, Minsk, Bielorussia.
Data di pubblicazione (aggiornamento): 17/01/2018

rifrazione

La rifrazione oculare è il processo di rifrazione dei raggi luminosi nel sistema ottico dell'organo della vista. La potenza rifrattiva della luce del sistema ottico dipende dalla curvatura della lente e della cornea, che sono le superfici rifrattive, nonché dalla loro distanza l'una dall'altra.

L'apparato di rifrazione della luce dell'occhio umano è complesso. Consiste di un obiettivo, cornea, umidità della camera, corpo vitreo. Sulla via della retina, un raggio di luce attraversa quattro superfici rifrangenti: le superfici posteriore e anteriore della cornea, così come le superfici posteriori e anteriori della lente. Il potere rifrattivo posseduto dal sistema ottico dell'occhio è in media di 59,92 diottrie. Per la rifrazione dell'occhio, la lunghezza dell'asse dell'occhio è importante, cioè la distanza dalla cornea dell'occhio alla macchia gialla (media 25,3 millimetri). Pertanto, la forza di rifrazione e la lunghezza dell'asse, che caratterizzano l'installazione ottica dell'occhio e la posizione del fuoco principale in relazione alla retina, influenzano la rifrazione degli occhi.

Tipi di rifrazione

La rifrazione oculare è di tre tipi: emmetropia (normale rifrazione dell'occhio), miopia e ipermetropia. Nell'occhio con l'emmetropia, i raggi paralleli che emanano da oggetti situati lontano si intersecano al centro della retina. Un tale occhio è in grado di vedere chiaramente gli oggetti circostanti. Per ottenere un'immagine chiara vicino, l'occhio migliora la propria potenza rifrattiva, aumentando la curvatura della lente (accomodazione).

Disturbi (anomalie) di rifrazione

L'occhio lungimirante ha un potere rifrattivo debole, poiché i raggi di luce che emanano da oggetti distanti si intersecano dietro la retina. Per ottenere un'immagine, un occhio lungimirante aumenta la potenza rifrattiva anche nel caso di oggetti situati a distanza.

L'occhio miope ha un forte potere rifrattivo, poiché i raggi provenienti da oggetti situati a una distanza si intersecano di fronte alla retina.

Più alto è il grado di ipermetropia o miopia, peggiore è la vista, poiché in questi casi l'attenzione non è sulla retina, ma "dietro" o "prima" di esso. L'ipermetropia e la miopia possono essere di tre gradi: deboli (non più di tre diottrie), medie (4-6 diottrie), alte (oltre 6 diottrie). Ci sono occhi miopi con 25-30 diottrie e anche di più.

Determinazione della rifrazione oculare

Per determinare il grado di miopia e ipermetropia, viene usata un'unità di misura per indicare il potere rifrattivo dei vetri ottici. Questa unità di rifrazione è chiamata "Diottro" e la procedura è "Rifrattometria" (per maggiori dettagli vedere la relativa sezione). Nelle diottrie viene calcolato il potere di rifrazione delle lenti convesse, concave, scattering e di raccolta della luce. Gli occhiali ottici possono migliorare la vista per l'ipermetropia e la miopia.

La rifrazione dell'occhio del paziente viene determinata anche utilizzando occhiali ottici o strumenti più precisi (rifrattometri). A volte in un occhio si combinano rifrazioni diverse o gradi diversi di una singola rifrazione. Ad esempio, un occhio in verticale può avere una rifrazione lungimirante, e orizzontalmente un miope. Dipende dalla diversa curvatura acquisita o congenita della cornea in due diversi meridiani. La visione è significativamente ridotta. Il difetto ottico descritto dell'occhio è chiamato astigmatismo, che viene tradotto dal latino come "assenza di un punto focale".

In entrambi gli occhi, anche la rifrazione non è sempre la stessa. Ad esempio, è possibile stabilire la lungimiranza di un occhio e la miopia dell'altro. Questa condizione è chiamata anisometropia. Questa malattia, come l'ipermetropia con miopia, può essere corretta con l'aiuto di occhiali con lenti ottiche, lenti a contatto o interventi chirurgici.

La visione normale di entrambi gli occhi è detta binoculare (stereoscopica), fornendo una chiara percezione degli oggetti circostanti, nonché la corretta determinazione della loro posizione nello spazio.

Qual è la rifrazione oculare, i suoi tipi principali

L'occhio è uno degli organi più complessi del corpo umano. In sostanza, è un obiettivo naturale con caratteristiche ottiche di base. Uno di questi è la rifrazione, che si riferisce al processo di rifrazione della luce durante il passaggio da un mezzo a un altro.

Molti fattori della percezione visiva dipendono da questa caratteristica: dall'acuità visiva alla lunghezza focale della lente dell'occhio. In altre parole, la rifrazione dell'occhio è la proprietà più importante del bulbo oculare, che dipende dallo stato del sistema ottico dell'occhio.

Struttura dell'occhio

La parte del bulbo oculare che è responsabile del processo di rifrazione è chiamata apparato di rifrazione della luce. Include:

  1. La cornea è una parte sporgente trasparente dell'occhio, situata nella parte anteriore.
  2. Umidità della camera - l'area si riempie di una sostanza liquida e si trova tra la cornea e l'iride.
  3. L'obiettivo è una lente naturale situata dietro la pupilla. È direttamente coinvolta nel lavoro ottico del bulbo oculare.
  4. L'umor vitreo è una sostanza gelatinosa gelatinosa situata tra la lente e la retina. Approssimativamente prende il 70% del volume totale dell'occhio.

Il raggio di luce, penetrando attraverso l'apparato di rifrazione, cade sulla retina. I coni di fotoricettori sulla retina catturano questa luce, trasformandola in un flusso di impulsi nervosi, grazie al quale il cervello umano forma un'immagine.

La rifrazione del bulbo oculare è misurata in diottrie. Il potere rifrattivo dell'occhio dipende dai seguenti parametri: il raggio di curvatura della superficie dell'occhio, la distanza tra la lente e la retina. La rifrazione clinica ha un effetto importante sull'acuità visiva. Questa è la posizione del fuoco principale, vale a dire la posizione del punto di intersezione delle linee di luce che passano attraverso la lente rispetto alla retina.

Quando l'attenzione principale è completamente sulla retina, parla di una visione al 100%. Se si trova di fronte alla retina, questo indica la miopia, e quando si trova dietro, significa una malattia come la miopia.

Tipi di rifrazioni

I medici dividono il potere rifrattivo dell'occhio in 6 tipi. Il primo tipo è emmetropia: il livello standard di rifrazione. In questo caso, i raggi di luce rifratti nella lente dell'occhio si concentrano precisamente sulla retina. Una persona con emmetropia può facilmente distinguere tra oggetti vicini a lui e a distanza. Tale visione è considerata esemplare, quando viene valutata dalla tabella Golovin-Sivtsev, gli viene assegnato il valore più alto del 100%.

Il secondo tipo è la miopia (comunemente indicata come miopia). Con questo tipo di rifrazione, l'obiettivo principale è concentrato di fronte alla retina, quindi le persone che soffrono di miopia vedono le cose nelle vicinanze, chiaramente e in lontananza, indistintamente e illeggibili. La miopia è divisa in 3 categorie:

  • debole - a valori fino a 3 diottrie;
  • grado moderato - nell'intervallo da 3 a 6 diottrie;
  • alto - da 6 diottrie e oltre.

Le persone che soffrono di miopia, si consiglia di utilizzare la correzione della vista spettacolo. Se il grado di miopia è superiore al debole, le raccomandazioni diventano una necessità. Con l'acuità visiva di 3 diottrie, il riconoscimento degli oggetti circostanti si trasforma in tortura, una persona deve costantemente strizzare gli occhi e ciò aggrava ulteriormente la malattia.

Il prossimo tipo di rifrazione è l'ipermetropia. In questo caso, l'obiettivo dirige il fuoco dietro la retina. Con lungimiranza, le persone vedono ugualmente male sia vicino che lontano. Nell'ipermetropia, come nella miopia, ci sono 3 gradi:

  1. Debole: la lente dell'occhio può aumentare o indebolire la sua tensione, a causa di ciò la potenza rifrattiva può cambiare. I punti, di regola, con hypermetropia debole non sono richiesti.
  2. La visione media è corretta con gli occhiali. Vengono utilizzati principalmente nell'interazione con oggetti a distanza ravvicinata (maglieria, ricamo, lettura).
  3. Alto - con questo livello di miopia, gli occhiali sono indossati su base permanente, non solo per lavorare vicino, ma anche per la distanza.

Fatto interessante: tutti i neonati nascono con ipermetropia. Ciò è dovuto alla lente insufficientemente sviluppata e alle piccole dimensioni del bulbo oculare. Tale lungimiranza è naturale e, man mano che l'occhio cresce, finisce per nulla.

Presbiopia - riduzione dell'acuità visiva vicina, un analogo dell'ipermetropia. L'unica differenza dall'ipermetropia convenzionale è che la presbiopia si sviluppa nelle persone anziane. Sorge a causa di cambiamenti legati all'età nella lente, quindi perde la sua precedente flessibilità e mobilità e non può regolare il suo livello di curvatura. Di regola, molte persone con più di 40-45 anni hanno questa malattia.

L'anisometropia è una malattia rara in cui l'occhio ha un diverso livello di rifrazione. Per esempio, su un occhio miopia, e sull'altro - ipermetropia. Potrebbe esserci un'altra situazione in cui entrambi gli occhi hanno miopia o ipermetropia, ma il suo grado è diverso. Ad esempio, un occhio -2 diottrie e l'altro -7 diottrie. Questo caso è anche riconosciuto come anisometropia.

L'astigmatismo è una violazione specifica delle funzioni visive in cui l'obiettivo proietta diversi focolai sulla retina. A volte nell'occhio possono essere combinati diversi gradi di una rifrazione o anche di più (miopia e ipermetropia). Tale astigmatismo è chiamato misto. Senza la correzione degli occhiali, è abbastanza difficile condurre una vita familiare.

I principali fattori di violazione della rifrazione

La scienza è ancora sconosciuta esattamente quali cause influenzano lo sviluppo di una persona o altre violazioni della rifrazione. Tuttavia, sono noti fattori la cui presenza è direttamente correlata alla violazione del sistema ottico dell'occhio. Questi includono:

  1. Eredità. Se almeno uno dei genitori ha acuità visiva, allora con una probabilità del 40% questa malattia sarà trasmessa ai bambini.
  2. Affaticamento degli occhi - carichi eccessivi regolari (lettura in condizioni di luce scarsa, stampa di piccole dimensioni, lavoro correlato al computer).
  3. Mancanza di trattamento o correzione in caso di visione compromessa, così come occhiali erroneamente abbinati possono aggravare la situazione.
  4. Struttura anatomica disturbata dell'occhio - cornea ispessita o assottigliata, capacità di rifrazione non standard della lente, a causa della sua eccessiva compattazione o, al contrario, assottigliamento. Questo può essere diagnosticato a causa di cambiamenti legati all'età o lesioni agli occhi.
  5. Nei bambini nati prematuri o con aumento di peso, i disturbi di rifrazione sono molto spesso osservati.
  6. Micro lesioni e danni agli occhi, ad esempio, temperatura o ustioni chimiche, lividi del bulbo oculare, ecc.
  7. Le conseguenze della chirurgia oculare

Metodi per diagnosticare i disturbi refrattivi

La visometria è il modo più semplice per determinare la rifrazione clinica. Consiste nel testare gli occhi con l'aiuto di tabelle speciali, con lettere scritte su di essi. Una persona con una vista perfetta può vedere 10 linee di questo tavolo da una distanza di 5 metri.

Rifrattometria automatica: esame mediante un dispositivo medico specializzato: un rifrattometro automatico. La linea di fondo è questa: il paziente pone la testa in uno speciale approfondimento del dispositivo, fissando il mento in modo fisso, e il rifrattometro, inviando fasci di luce nei suoi occhi, misura il grado di rifrazione.

Cicloplegia - miopia artificiale. Al paziente viene iniettata una soluzione speciale che consente di disabilitare temporaneamente il muscolo accomodativo. Questo muscolo è responsabile della capacità di distinguere altrettanto bene gli oggetti vicini e lontani. Per un breve periodo di tempo, una persona ha falsa miopia, dopo la cessazione del farmaco in una persona sana, tale miopia scompare e se vengono trovati segni residui, questo indica la presenza di vera miopia.

Oftalmometria - un metodo per misurare la rifrazione clinica, è determinare il raggio di curvatura della cornea e il potere di rifrazione della lente dell'occhio.

UZB-scan o biometria a ultrasuoni - una visita oculistica mediante ultrasuoni. Questo studio consente di determinare lo stato della camera anteriore dell'occhio e della lente.

La Pachimetria è un esame clinico ecografico della cornea dell'occhio, del suo spessore e della sua forma. L'uso di questo metodo aiuta a trovare malattie della cornea ed è anche una procedura ausiliaria quando si pianifica un intervento chirurgico nella cornea.

La biomicroscopia è un metodo per diagnosticare malattie dell'occhio usando uno strumento che è un microscopio collegato a una lampada. Questo dispositivo consente di identificare molte malattie: congiuntivite, infiammazione dell'iride, edema, anomalie oculari, cataratta e glaucoma.

Oftalmoscopia: un metodo per studiare il fondo del bulbo oculare usando un oftalmoscopio. Questo dispositivo consente di esaminare il fondo della retina, la testa del nervo ottico e i capillari del fondo. Grazie a questo metodo, in una fase iniziale è possibile rilevare patologie come il distacco della retina e prendere le misure necessarie.

Lo studio della cornea utilizzando il computer keratotopografii - il metodo di esame utilizzando un raggio laser. Il cheratotopografo esegue una scansione della cornea, il dispositivo invia tutti i dati a un computer, dove un'immagine a colori con aree problematiche contrassegnate è formata sul monitor.

trattamento

Il processo di trattamento è ridotto alla correzione della vista (con l'aiuto di occhiali o lenti) o all'intervento chirurgico. Analizzeremo più in dettaglio.

La correzione della vista degli occhiali è ridotta a indossare occhiali con lenti appositamente selezionate in base al tipo e al grado di rifrazione. Il processo di indossamento può essere sia permanente che periodico, tutto dipende dalla natura del danno visivo.

Correzione della vista mediante lenti a contatto - l'uso di speciali lenti soft idrogel. L'ordine di indossare le lenti può essere il seguente:

  • Di giorno - il più comune, in cui le lenti vengono utilizzate tutto il giorno e vengono rimosse durante la notte.
  • Flessibile: una speciale modalità di utilizzo. Quando gli obiettivi possono essere indossati senza rimuovere per 1-2 giorni.
  • Estese: le lenti sono utilizzate fino a 1 mese. Pochi produttori producono tali obiettivi, sono molto difficili da produrre e costosi per il consumatore.

L'intervento chirurgico è un grado estremo di trattamento per la rifrazione oculare. Si tratta della correzione laser dell'organo visivo. In tale operazione, lo spessore della cornea (il guscio anteriore esterno del bulbo oculare) viene modificato e, di conseguenza, il grado di rifrazione della luce da parte dell'occhio cambia.

Misure preventive

Per ridurre il rischio di errori di rifrazione, devono essere seguite le seguenti raccomandazioni:

  1. Usa sempre un'illuminazione di alta qualità, leggi e guarda la TV con una buona fonte di luce.
  2. Facciamo un riposo regolare per gli occhi, e in caso di superlavoro (aumento della lacrimazione, arrossamento) - ammiccare, guardare in lontananza, coprire le palpebre e riposare per 10-15 minuti.
  3. Usa la ginnastica oculistica - una serie speciale di esercizi studiati per rafforzare i legamenti e la muscolatura dell'occhio. Si consiglia di praticare tali esercizi 2-3 volte al giorno.
  4. Correzione della visione tempestiva e completa: dovresti indossare solo gli occhiali che corrispondono al tuo grado di rifrazione.
  5. Esercizio fisico: jogging, passeggiate, sci, ciclismo. Escludere il sollevamento pesi, il bodybuilding, le arti marziali.
  6. Equilibra la tua dieta, dovrebbe essere in quantità sufficiente per contenere gli oligoelementi necessari, vitamine e sostanze nutritive.

Come è organizzata la nostra visione: da cui la miopia e l'ipermetropia

La rifrazione dell'occhio è il processo di rifrazione dei raggi luminosi che vengono percepiti dal sistema ottico dell'organo della visione. Il suo livello può essere determinato dalla curvatura della lente e della cornea, nonché dalla distanza con cui questi oggetti di ottica oftalmica sono separati l'uno dall'altro.

La rifrazione dell'occhio è divisa in fisica e clinica. Clinica può essere statica e dinamica.

fisico

La rifrazione fisica del sistema ottico è chiamata potenza rifrattiva, indicata dalle diottrie. Poiché una unità di questo indicatore è presa dalla potenza dell'obiettivo, avendo una lunghezza focale di un metro (questo valore è l'opposto della lunghezza focale). Per il tasso di rifrazione fisica dell'organo umano della visione, viene preso un valore compreso nell'intervallo di valori compreso tra 51,8 e 71,3 diottrie.

Per garantire una percezione accurata dell'immagine da parte dell'organo della vista, la priorità non è la potenza rifrattiva del suo sistema ottico, ma la sua capacità di focalizzare i raggi sull'area della retina. Pertanto, nella pratica oftalmica si riferiscono più spesso al concetto di rifrazione clinica dell'occhio.

clinico

La rifrazione clinica è chiamata il rapporto tra la potenza dell'azione rifrattiva del sistema ottico e la lunghezza dell'asse dell'occhio. Allo stesso tempo, i raggi che entrano nell'occhio, avendo una direzione parallela, sono raccolti esattamente nella regione della retina (emmetropia), di fronte ad essa (miopia) o dietro (ipermetropia) all'alloggio di riposo. L'alloggio è la designazione di un unico sistema funzionante dell'installazione ottica oftalmica a diverse distanze, in cui, interagendo, partecipano i dipartimenti del sistema nervoso autonomo (parasimpatico e simpatico).

Ciascuno dei tipi elencati di rifrazione di tipo clinico può essere caratterizzato dalla sua propria posizione nello spazio, vale a dire il punto più lontano della visione chiara (il punto più lontano dall'organo della vista, i cui raggi si riuniscono nell'area della retina durante il riposo dell'alloggio).

Esistono diverse varietà di rifrazione clinica.

  • Assiale - è caratterizzato da una diminuzione del valore dell'ipermetropia con l'età con la crescita dell'occhio.
  • Ottico: consente di modificare la forza dell'azione rifrattiva del supporto ottico dell'occhio.
  • Misto - ha segni di entrambe le opzioni.

Vale anche la pena evidenziare il tipo statico e dinamico.

statica

Questo tipo di rifrazione è quello di caratterizzare il modo di ottenere l'immagine sulla zona della retina durante il massimo relax dell'alloggio. Questo concetto è artificiale. Serve a riflettere le caratteristiche strutturali dell'organo della visione come una macchina fotografica ottica che forma l'immagine del tipo retinico.

Il tipo statico è in genere determinato dal rapporto tra la posizione del fuoco principale posteriore del sistema ottico oftalmico e l'area della retina. In presenza di emmetropia, la messa a fuoco e la retina coincidono, e con l'ametropia, l'attenzione è sia di fronte (miopia) o dietro (ipermetropia retinica). L'emmetropia è caratterizzata dall'essere in un punto distante di visione chiara all'infinito; in presenza di miopia, si trova di fronte all'organo visivo alla distanza finale; con ipermetropia - dietro.

dinamico

La rifrazione dinamica dell'occhio è la potenza rifrattiva del sistema ottico oftalmico, in relazione alla retina con una sistemazione attiva.

Questa forza recitazione è soggetta a continui cambiamenti nelle condizioni naturali quando si eseguono compiti di attività visiva. Ciò è dovuto al fatto che l'azione non è statica, ma rifrazione dinamica, che è associata alla sistemazione.

Questa varietà esegue una funzione di tracciamento (durante il movimento di un oggetto nella direzione di avanti e indietro) e di stabilizzazione (per fissare l'oggetto senza muoversi).

Durante la completa attenuazione dell'alloggio, la rifrazione dinamica quasi coincide con quella statica e l'occhio è fisso nella regione del punto lontano della visione chiara. Se c'è un aumento nel tipo dinamico di rifrazione nel processo di un aumento della tensione di accomodazione, un punto di visione chiara tende verso l'occhio. Quando il guadagno raggiunge il valore massimo, l'occhio è impostato sul punto più vicino di visione chiara.

La rifrazione oculare viene misurata usando uno strumento speciale: un rifrattometro. Questo dispositivo funziona secondo il principio di trovare un piano che corrisponde a un'installazione ottica oftalmica, grazie al movimento di un'immagine speciale prima dell'allineamento con il piano.

Impara come preservare la tua visione nel mondo dell'alta tecnologia e degli schermi di grandi dimensioni che esauriscono la nostra visione.

Per una conoscenza più completa delle malattie degli occhi e del loro trattamento - usa la comoda ricerca sul sito o chiedi a uno specialista.

Rifrazione oculare

1. La piccola enciclopedia medica. - M.: Enciclopedia medica. 1991-1996. 2. Primo soccorso. - M.: La grande enciclopedia russa. 1994 3. Dizionario enciclopedico di termini medici. - M.: enciclopedia sovietica. - 1982-1984

Guarda cos'è "eye refraction" in altri dizionari:

rifrazione oculare - (da reticolo tardivo. rifrazione refrattaria), installazione ottica dell'occhio durante la sistemazione di riposo. Esistono 3 tipi principali di emmetropia (normale rifrazione dell'occhio), ipermetropia e miopia. * * * RIFRAZIONE OCCHI DI RIFRAZIONE OCCHI (dal tardo lat....... Dizionario enciclopedico

La rifrazione oculare - (ritardo refrattivo, rifrazione) è la caratteristica del potere rifrattivo del sistema ottico dell'occhio, determinata dalla posizione del suo centro focale posteriore rispetto alla retina. Espresso in diottrie. Se l'obiettivo principale dei rifrattori...... Wikipedia

Rifrazione oculare - (dal latino Refractum - refract). Caratteristica del potere rifrattivo del sistema ottico dell'occhio, determinata dalla posizione del suo centro focale principale rispetto alla retina. Se l'obiettivo principale dei sistemi rifrangenti dell'occhio coincide con la retina... Dizionario enciclopedico su psicologia e pedagogia

RIFRAZIONE OCCHI - (da refractio refractio tardivo), ottica. installazione di un occhio a riposo di alloggio. Ci sono 3 DOS. il suo tipo emmetropia (normale R.), ipermetropia e miopia... Scienze naturali. Dizionario enciclopedico

la rifrazione dell'occhio è commisurata - (r oculi emmetropica) vedi. Rifrazione dell'occhio emmetrope... Ampio dizionario medico

rifrazione dell'occhio emmetrope - (r oculi emmetropica; syn: r oculare proporzionato, emmetropia) R., in cui la posizione del fuoco principale posteriore del sistema ottico dell'occhio coincide con la retina... Ampio dizionario medico

rifrazione oculare clinica - (refractio oculi; lat. da refringo, refractum break, refract) caratteristico del potere rifrattivo del sistema ottico dell'occhio, determinato dalla posizione del fuoco principale posteriore rispetto alla retina... Ampio dizionario medico

rifrazione dell'occhio ametropico - (r oculi ametropica) R., in cui la posizione del fuoco principale posteriore del sistema ottico dell'occhio non coincide con la retina... Ampio dizionario medico

rifrazione fisica dell'occhio - (refractio oculi physicalis) il potere rifrattivo del sistema ottico dell'occhio, espresso in diottrie... Ampio dizionario medico

Rifrazione dell'occhio ipermetropico - (r oculi ipermetropica) vedi Ipermetropia... Grande Dizionario Medico

Rifrazione - che cos'è?

La rifrazione dell'occhio è la capacità di un apparato ottico di rifrare i raggi luminosi. La forza di questo processo dipende direttamente dalla curvatura della lente e dallo strato corneo, nonché dalla posizione relativa di queste parti degli organi visivi. La rifrazione colpisce l'acuità visiva di adulti e bambini. L'assenza delle sue anomalie può ora vantare meno del 40% della popolazione mondiale.

Come funziona il processo di rifrazione?

Gli occhi sono strumenti ottici estremamente complessi. La natura li ha equipaggiati in modo che l'intero sistema abbia funzionato bene e affinato.

Come funziona il processo visivo?

  • La luce passa attraverso i dipartimenti dell'organo della vista (cornea, camera anteriore, cristallino, corpo vitreo) ed entra nella retina, dove viene trasformata in impulsi nervosi.
  • Tali impulsi e creare un'immagine nel cervello.

La rifrazione fisica viene misurata come la potenza di rifrazione delle diottrie, ognuna delle quali corrisponde alla potenza di un obiettivo con una lunghezza focale del misuratore. La rifrazione clinica dell'occhio, cioè l'interposizione del fuoco principale del sistema ottico dell'organo della vista e della retina, è considerata separatamente. Inoltre, gli oftalmologi misurano la rifrazione a riposo dell'alloggio o durante il suo funzionamento. Il primo processo è chiamato statico, il secondo - dinamico.

La qualità della visione negli adulti e nei bambini è determinata dalla rifrazione clinica. La vigilanza ideale è caratterizzata dall'imposizione di un fuoco principale posteriore sulla retina.

Quali sono le deviazioni dalla norma?

La normale rifrazione dell'occhio è chiamata emmetropia. In questo caso, i raggi di oggetti lontani arrivano a un'intersezione esatta al centro della retina. A causa di ciò, la loro immagine viene trasmessa al cervello senza distorsioni. Gli oggetti vicini rimangono chiari grazie al potenziamento del loro potere di rifrazione: la curvatura della lente aumenta a causa delle proprietà dell'alloggio. Emmetropia dice circa il cento percento del livello di vista.

La rifrazione patologica è divisa in tre tipi:

Più forte è il livello di anomalia, peggiore è la visione della persona. Nei neonati, l'ipermetropia è considerata normale, è una fase naturale nello sviluppo dell'occhio. Nella maggior parte dei bambini, scompare con l'età.

Cause e diagnosi dei disturbi

I prerequisiti principali per tali patologie di visione sono:

  1. Predisposizione genetica. Anomalie del sistema ottico e la capacità di rifrangere la luce sono ereditate. Se entrambi i genitori hanno problemi, il rischio di avere figli con difetti simili è superiore al cinquanta per cento.
  2. Tensione eccessiva degli organi della vista. Ad esempio, nei bambini in età scolare con grandi volumi accademici o con un lavoro permanente davanti al monitor.
  3. Correzione errata di patologie visive. Nella scelta di occhiali o lenti è un approccio individuale, inoltre, deve essere fatto in tempo per non aggravare la situazione.
  4. Cambiamenti nella struttura anatomica dell'occhio a causa di invecchiamento, ustioni o lesioni.
  5. Chirurgia non riuscita.

La rifrazione oculare può essere compromessa nei neonati prematuri e nei neonati con una mancanza di peso.

Al fine di effettuare una diagnosi accurata, l'oftalmologo determina il livello di patologia utilizzando varie tecniche:

  • studiare la storia familiare e le lamentele dei pazienti, nonché la presenza di lesioni e interventi chirurgici;
  • determinare l'acuità visiva utilizzando tabelle specifiche (metodo di visometria);
  • testare la vigilanza usando un set di lenti con rifrazione diversa;
  • esami dell'occhio con un dispositivo speciale - un rifrattometro o con l'aiuto di raggi di luce (rifrattometria automatica e skiascopy);
  • misurare i raggi di curvatura della cornea e la sua capacità di rifrazione (oftalmometria), oltre a studiare lo stato del fondo (oftalmoscopia).

La maggior parte delle letture desiderate determina l'ecografia dell'occhio. Nei casi difficili, l'oftalmologo può prescrivere un'ecografia corneale separata, biomicroscopia oculare, esame corneale con un laser.

Qual è la norma e cos'è la rifrazione oculare?

L'occhio umano è una lente naturale complessa. Tutte le caratteristiche che determinano le proprietà di altri sistemi ottici si applicano a questo obiettivo.

Una di queste caratteristiche è la rifrazione, da cui dipendono l'acuità visiva e la distinzione dell'immagine ottenuta negli occhi.

In altre parole, la rifrazione è un processo di rifrazione dei raggi di luce, che è espresso dall'etimologia della parola (refractio - "rifrazione" dal latino).

Per rifrazione si intende il metodo e il grado di cambiamento nella direzione dei raggi che passano attraverso il sistema ottico.

conoscente

Il sistema unificato dell'occhio è costituito da quattro sottosistemi: due lati dell'obiettivo e due lati della cornea. Ognuno di essi ha una sua rifrazione, nella sua totalità formano il livello generale di rifrazione dell'organo della visione.

Inoltre, la rifrazione dipende dalla lunghezza dell'asse dell'occhio, questa caratteristica determina se i raggi sulla retina convergono ad una data potenza di rifrazione, o se la distanza assiale è troppo grande o piccola per questo.

Nella pratica medica, ci sono due approcci per misurare la rifrazione: fisica e clinica. Il primo metodo valuta il sistema della cornea e della lente stessa, al di fuori della sua connessione con altri sottosistemi biologici dell'occhio.

Qui, le caratteristiche degli occhi sono valutate per analogia con tutti gli altri tipi di lenti fisiche senza tenere conto delle specificità della visione umana. Si misura la rifrazione fisica in diottrie.

Diopter è una misura della potenza ottica di un obiettivo. Questo valore è inverso alla lunghezza focale dell'obiettivo (F) - la distanza alla quale i raggi rifratti da esso convergono in un punto.

Ciò significa che a una distanza focale di un metro, la potenza di rifrazione sarà pari a una diottria e che la lunghezza focale di 0,1 metri (10 cm) corrisponde alla potenza di rifrazione di 10 diottrie (1 / 0,1).

Il grado medio di rifrazione di un occhio umano sano è di 60 diottrie (F = 17 mm).

Ma questa caratteristica da sola non è sufficiente per una diagnosi completa dell'acuità visiva. Con il potere rifrattivo ottimale della lente oftalmica, una persona potrebbe non vedere ancora un'immagine chiara. Ciò è dovuto al fatto che un grande ruolo è giocato dalla struttura dell'occhio.

Se è sbagliato, i raggi di luce non cadranno sulla retina anche alla normale lunghezza focale. Per questo, in oftalmologia, viene utilizzato un parametro complesso - rifrazione clinica (statistica), che esprime la relazione di rifrazione fisica con la lunghezza dell'asse dell'occhio e la posizione della retina.

emmetropi

La rifrazione emmetrope si riferisce a tale rifrazione dei raggi, in cui la lunghezza dell'asse dell'occhio e la lunghezza focale sono uguali, quindi i raggi di luce convergono esattamente sulla retina e le informazioni su un'immagine chiara entrano nel cervello.

Il punto di visione chiara (la distanza da cui i raggi possono concentrarsi sulla retina) qui è diretto verso l'infinito, cioè una persona può facilmente vedere oggetti situati lontano, la possibilità di ottenere un'immagine è limitata solo dalla loro dimensione.

L'emmetropia è considerata una caratteristica intrinseca di un occhio sano e la misurazione dell'acuità visiva secondo la tabella Sitsev con tale rifrazione darà il risultato 1.0.

È facile per l'occhio emmetrope e la considerazione degli oggetti vicini, migliorando la rifrazione della lente dall'alloggiamento, ma nella vecchiaia c'è un deterioramento nella visione da vicino a causa dell'indebolimento dei muscoli ciliari e della perdita di elasticità della lente.

amenotropic

L'opposto dell'emmetropia è l'ametropia. Questo è il nome comune per tutte le deviazioni dalla norma della rifrazione statistica. L'ametropia è suddivisa in

Tali anomalie possono essere causate da una forma irregolare del bulbo oculare, da una violazione della rifrazione fisica o da entrambi.

L'ametropia viene misurata in diottrie, ma qui non è la rifrazione fisica dell'occhio stesso espressa da questa quantità, ma il grado di rifrazione della lente esterna che è necessario per portare l'acutezza visiva a uno stato normale.

Se la rifrazione della luce da parte dell'occhio è superflua, è necessaria una lente di dispersione, che riduce il numero totale di diottrie nel sistema ottico, in questo caso il grado di ametropia è espresso da un numero negativo di diottrie. Con una rifrazione insufficiente, è necessario un obiettivo di amplificazione, quindi il numero di diottrie sarà positivo.

miopia

La miopia o la miopia sono un disturbo refrattivo in cui il punto di visione chiara è a una distanza ravvicinata e si avvicina man mano che la patologia progredisce.

Una persona senza occhiali può vedere solo oggetti vicini, e la considerazione di oggetti più distanti è possibile solo con una tensione molto forte di sistemazione, e negli stadi successivi è inutile.

La ragione più comune è questa violazione della forma dell'occhio, che allunga il suo asse centrale, motivo per cui il fuoco dei raggi di luce non raggiunge la retina.

Per correggere la miopia, sono necessarie lenti diffuse, quindi il grado di miopia è espresso da un numero negativo di diottrie. La malattia ha tre fasi: debole (fino a -3 dptr), media (da -3 a -6 dptr), grave (-6 dptr e più)

ipermetropia

Nell'ipermetropia (ipermetropia), la rifrazione dell'occhio è troppo debole, i raggi vengono rifratti in modo che si concentrino solo sulla retina. Ciò può essere causato da un asse dell'occhio troppo corto, da una curvatura insufficiente dell'obiettivo e dalla debolezza dei muscoli dell'alloggiamento.

Quest'ultima ragione il più delle volte causa ipermetropia senile e non è direttamente correlata alla rifrazione, poiché in questo caso il potere rifrattivo dell'occhio in uno stato calmo non viene disturbato.

Contrariamente al suo nome, la lungimiranza non implica una posizione lontana del punto di sguardo chiaro, inoltre, è generalmente immaginaria, cioè assente.

La grande semplicità di considerare oggetti distanti nell'ipermetropia non è associata alla rifrazione ottimale dei raggi che emanano da essi, ma alla relativa semplicità della loro sistemazione rispetto alla sistemazione dei raggi di luce da oggetti vicini.

Poiché l'ipermetropia richiede lenti di rinforzo, la gravità della violazione è espressa in valori diottrici positivi. Stadi della malattia: precoce (fino a +3 dptr), media (da +3 a +8 dptr), grave (più di +8 dptr).

astigmatismo

L'astigmatismo è caratterizzato da diversi indici di rifrazione sui meridiani dell'occhio, cioè un diverso grado di rifrazione in ciascuna delle parti dell'organo della vista. Sono possibili diverse combinazioni: miopia su alcuni meridiani ed emmetropia su altri, diversi stadi di miopia o ipermetropia su ciascun meridiano, e così via.

Le manifestazioni di tutte le forme di astigmatismo sono caratteristiche - la chiarezza della visione è disturbata quando si considerano oggetti di qualsiasi distanza. Il grado di patologia è determinato dalla differenza delle diottrie di rifrazione massima e minima sui meridiani.

diagnostica

Al fine di diagnosticare le capacità di rifrazione, è importante ridurre al minimo l'accomodamento, che può nascondere i disturbi di rifrazione nelle prime fasi. Questo è particolarmente vero quando si diagnostica la lungimiranza.

Il modo più affidabile per disattivare l'alloggio è la cicloplegia, che consiste nell'instillazione di soluzioni di atropina o scopolamina negli occhi e nei test successivi dell'acuità visiva utilizzando tabelle standard.

Se una persona non è in grado di esaminare in modo indipendente un'immagine, le verranno fornite varie lenti fino a quando non verrà trovata una lente che fornisca un'immagine chiara. In base al grado di rifrazione di questo obiettivo, viene determinata la rifrazione statistica dell'occhio.

A volte (ad esempio, per testare la presbiopia) diventa necessario diagnosticare la rifrazione per quanto riguarda l'accomodazione, tale rifrazione si chiamerà dinamica.

I metodi soggettivi hanno uno svantaggio: la capacità di esaminare chiaramente l'immagine dipende non solo dalla rifrazione, ma anche da una serie di altri fattori. Le tabelle di Sitsev sono memorizzate da molte persone in virtù della frequenza dei controlli eseguiti su di esse, e anche con una vista insufficiente possono facilmente nominare la riga inferiore di lettere, poiché il cervello finirà di costruire la loro forma dalla memoria.

I metodi oggettivi minimizzano il fattore soggettivo e analizzano la rifrazione degli occhi basandosi unicamente sulla loro struttura interna. L'alta efficienza tra questi metodi ha la misurazione della rifrazione della luce da parte degli organi visivi utilizzando un rifrattometro. Questo dispositivo invia segnali infrarossi sicuri all'occhio e determina la loro rifrazione nell'ambiente ottico.

Un metodo oggettivo più semplice è la skiascopy, con un oftalmologo che dirige raggi di luce nell'occhio con l'aiuto di specchi e monitorando il loro lancio di ombre. Per questa ombra e si conclude la rifrazione statistica.

Le procedure più accurate e costose sono l'ecografia e la cheratopografia, utilizzando questi metodi, è possibile esaminare in dettaglio la rifrazione su ciascuno dei meridiani, determinare la lunghezza dell'asse oculare ed esaminare la superficie della retina.

Trattamento e prevenzione

Il trattamento più basilare e necessario è la selezione di lenti correttive esterne.

Ciò è necessario in tutti i casi, ad eccezione di una diminuzione a breve termine della gravità a causa di sovratensione, ci sono sufficienti misure preventive generali.

A seconda delle preferenze estetiche, puoi scegliere occhiali o lenti a contatto.

Trattamenti più radicali sono la correzione laser. Soprattutto, la miopia è soggetta a correzione chirurgica, ma le prime fasi di ipermetropia e astigmatismo possono anche essere curate da questa correzione.

Il trattamento farmacologico è efficace come terapia di mantenimento quando si utilizzano tecniche chirurgiche.

La prevenzione delle menomazioni acute visive è quella di organizzare adeguatamente il luogo di lavoro, fornire un'illuminazione ottimale, osservare il regime giornaliero e lavorativo e prevenire l'affaticamento. L'esercizio regolare per gli occhi è di grande beneficio, che li rilassa e dà loro un tono. È importante fornire al corpo tutte le vitamine e i minerali necessari.

Per molti aspetti, il loro sovraccarico costante influenza la salute degli occhi. Questo può essere evitato eseguendo ginnastica ed esercizi speciali:

risultati

La rifrazione è la rifrazione dei raggi da parte di un sistema ottico. Per valutare il sistema ottico dell'occhio umano, vengono utilizzati approcci fisici e clinici per misurare la rifrazione. L'approccio fisico misura il potere di rifrazione dell'occhio indipendentemente dal suo rapporto con la struttura interna del corpo.

L'approccio clinico completa il fisico e valuta il rapporto tra il potere rifrattivo e la lunghezza dell'asse dell'occhio e la struttura della retina. La potenza della rifrazione della luce viene misurata in diottrie. Esistono tre tipi di rifrazione: emmetropia, miopia e ipermetropia. Si distingue anche l'astigmatismo, che è caratterizzato da un diverso grado di rifrazione in ciascuna delle parti dell'occhio.

video

Vi presentiamo alla vostra attenzione il seguente video:

L'articolo ha aiutato? Forse aiuterà anche i tuoi amici! Si prega di cliccare su uno dei pulsanti:

Gamma di rifrazioni di cosa si tratta

Per anomalie di rifrazione si intende una violazione della rifrazione della luce nell'occhio come nel sistema ottico.

Rifrazione o rifrazione (dal latino - refrattario - rifrazione) - è un termine ottico. L'occhio è un sistema di lenti. Ogni obiettivo ha una lunghezza focale, vale a dire la distanza alla quale si forma un'immagine chiara, con la rifrazione dei raggi di luce da oggetti infinitamente distanti in essa. Questo è un valore costante che dipende dal raggio di curvatura di un dato obiettivo. In un occhio normale, la lunghezza focale della cornea è di circa 23,5 mm ed è a questa distanza che si trova la retina (dalle informazioni sulla retina circa gli oggetti visti sotto forma di impulsi lungo il nervo ottico vengono trasmessi alle aree cerebrali responsabili della visione). Un tale occhio vede un'immagine chiara dell'oggetto (se, naturalmente, non ha altre malattie dell'occhio). Occhio sano (visione normale) - l'immagine degli oggetti si forma esattamente sulla retina.

Perché sceglierci?

  1. Clinic Medicine, la prima clinica in Russia accreditata dagli standard internazionali Joint Commission International (JCI)
  2. L'unico laser ad eccimeri a Mosca della nuova generazione Amaris dell'azienda tedesca SCHWIND.
  3. Funzionamento della tecnologia LASIK.
  4. Tutte le azioni del laser ad eccimeri sono controllate da un programma per computer in cui i parametri individuali dell'occhio del paziente sono pre-incorporati, il che elimina completamente l'errore medico.
  5. Il periodo di riabilitazione dopo l'intervento chirurgico - 2-3 ore. Quindi puoi guidare, leggere, guardare la TV, lavorare sul computer.
  6. Il costo della correzione laser è di 60.000 rubli (entrambi gli occhi).

Registra per telefono - (495) 506-61-01

Le anomalie (patologie) della rifrazione sono la causa principale della scarsa visione.

I disturbi dell'occhio refrattivo sono abbastanza comuni. Circa il 30% delle persone moderne soffre di alcuni errori di rifrazione. Nella patologia della rifrazione, la rifrazione della luce nell'occhio viene disturbata e, di conseguenza, l'immagine NON si focalizza esattamente sulla retina dell'occhio. Ciò significa che una persona con una refrazione compromessa non può vedere chiaramente e chiaramente gli oggetti circostanti e necessita di alcuni metodi di correzione della vista.

Il corso dei raggi in vari tipi di rifrazione clinica dell'occhio
a -emetropia (normale)
b - miopia (miopia)
c - ipermetropia (ipermetropia)
d - astigmatismo

I principali tipi di patologie di rifrazione includono:

  • Miopia (miopia): con la miopia, l'immagine degli oggetti si forma PRIMA della retina. Nelle persone con miopia, o la lunghezza dell'occhio è aumentata - miopia assiale, o la cornea ha un grande potere rifrattivo, che provoca una piccola lunghezza focale - miopia refrattiva. Di norma, c'è una combinazione di questi due momenti.
  • Ipermetropia (ipermetropia) - nell'ipermetropia, l'immagine degli oggetti si forma dietro la retina, cioè o l'asse dell'occhio è molto corto (meno di 23,5 mm.), o la cornea di debole potere rifrattivo.
  • Astigmatismo: con l'atigmatismo, la sfericità della cornea si rompe, cioè in diversi meridiani, un diverso potere di rifrazione e l'immagine di un oggetto durante il passaggio dei raggi di luce attraverso una tale cornea si ottiene non come un punto, ma come una linea retta. Una persona allo stesso tempo vede gli oggetti distorti, in cui alcune linee sono chiare, altre sono sfocate.
  • Presbiopia (età iperopia) - all'incirca all'età di 40 anni, una persona ha cambiamenti sclerotici nella lente, che porta alla compattazione del suo nucleo, e allo stesso tempo la capacità dell'occhio di adattarsi è compromessa. C'è bisogno di correzione della vista.

Rifrazione di cosa si tratta

Rifrazione oculare

La rifrazione è la rifrazione della luce in un sistema ottico. L'occhio appartiene al complesso sistema ottico, cioè costituito da diversi mezzi di riflessione: la cornea, l'umidità della camera anteriore, la lente e il corpo vitreo. In generale, l'una o l'altra rifrazione oculare è formata da due mezzi: la cornea e la lente, che hanno il massimo potere rifrattivo (in media, 40 e 20 diottrie, rispettivamente).

Il sistema ottico dell'occhio è caratterizzato da una serie di indicatori.

L'asse ottico principale è una linea che passa attraverso i centri di curvatura di tutti i mezzi di rifrazione. L'obiettivo principale del sistema ottico è un punto sull'asse ottico principale dell'occhio, in cui, dopo la rifrazione, i raggi paralleli si riuniscono nel sistema ottico dell'occhio. La lunghezza focale principale è la distanza dal piano principale al fuoco principale. È inversamente correlato al potere rifrattivo ed è espresso dalla formula di Snellen:

Stai attento

Recentemente, le operazioni di restauro della vista hanno riscosso un enorme successo, ma non tutto è così fluido.

Queste operazioni portano con sé grandi complicazioni, inoltre, nel 70% dei casi, in media un anno dopo l'operazione, la visione ricomincia a cadere.

Il pericolo è che gli occhiali e le lenti non agiscano sugli occhi operati, vale a dire una persona inizia a vedere sempre peggio, ma non può farci niente.

Cosa fanno le persone con ipovedenti? In effetti, nell'era dei computer e dei gadget, la visione al 100% è quasi impossibile, a meno che, naturalmente, non siate geneticamente dotati.

Ma c'è una via d'uscita. Il Centro di Ricerca Oftalmologica dell'Accademia Russa delle Scienze Mediche è riuscito a sviluppare un farmaco che ripristina completamente la vista senza chirurgia (miopia, ipermetropia, astigmatismo e cataratta).

Attualmente è in corso il programma federale "Healthy Nation", in base al quale ogni residente della Federazione Russa e della CSI riceve questo farmaco ad un prezzo preferenziale di 1 rublo. Informazioni dettagliate, guarda il sito ufficiale del Ministero della Salute.

de D è la potenza rifrattiva e f è la lunghezza focale.

I piani principali del sistema ottico dell'occhio sono tali piani, quando passano attraverso i quali la luce non rifrange. Nell'occhio ci sono due piani principali situati nella camera anteriore dell'occhio.

La rifrazione è misurata in diottrie. Per una diottria prendere il potere rifrattivo dell'obiettivo con una lunghezza focale di 1 metro.

Ci sono rifrazioni cliniche e fisiche. La rifrazione fisica è il potere rifrattivo del sistema ottico, che fluttua negli adulti da 53 a 72 diottrie. La rifrazione clinica è caratterizzata dalla posizione del focus principale rispetto alla retina. A seconda di questo, ci sono tre tipi principali di rifrazione clinica:

1. Emmetropia. L'obiettivo principale è situato sulla retina. Con l'emmetropia, il potere rifrattivo e la lunghezza dell'occhio sono in perfetto equilibrio, il che determina la posizione del fuoco principale sulla retina. L'emmetropia è considerata una rifrazione ideale. Gli emmetropi hanno una buona visione sia in lontananza che vicino. Un altro punto di chiara visione, cioè un punto in cui l'occhio è posto a riposo, si trova all'infinito.

2. Miopia o miopia - l'obiettivo principale è di fronte alla retina, poiché i myopi hanno occhi più lunghi e il potere di rifrazione è maggiore di quello di emmetropus (forte rifrazione). Un ulteriore punto di visione chiara è ad una distanza finita davanti all'occhio. Myopi hanno una visione scarsa e sono buoni per vicino.

Per molti anni ho studiato il problema della visione povera, cioè miopia, ipermetropia, astigmatismo e cataratta. Fino ad ora, era solo possibile affrontare queste malattie con la chirurgia. Ma le operazioni di restauro della vista sono costose e non sempre efficaci.

Mi affretto ad informare la buona notizia: il Centro scientifico oftalmologico dell'Accademia russa delle scienze mediche è riuscito a sviluppare una medicina che ripristina completamente la visione SENZA OPERARE. Al momento, l'efficacia di questo farmaco si avvicina al 100%!

Un'altra buona notizia: il Ministero della Salute ha fatto l'adozione di un programma speciale che compensa quasi l'intero costo del farmaco. In Russia e nei paesi della CSI prima che questo farmaco possa essere acquistato, solo per 1 rublo!

Ci sono tre gradi di miopia: (. A 3,0 diottrie) scarso, media e alta occhi miopi hanno alcune caratteristiche anatomiche (3,25-6,0 D.) (Più di 6,0 diottrie.): L'allungamento dell'occhio più ampia di emmetropus, la pupilla. Quest'ultimo fattore provoca la miopia che lampeggia, riducendo artificialmente il diametro della pupilla e migliorare la qualità della visione.

In miopia eventuali variazioni del fondo oculare in forma di coni (a bassa o moderata miopia), e con un alto grado di miopia - stafilom miope, macchie Fuchs (distrofici cambiamenti nella macula), emorragie nella retina e il corpo vitreo, cambiamenti degenerativi della retina e del suo distacco.

L'alto grado di miopia con alterazioni distrofiche nel fondo del fondo è anche chiamato miopia o miopatia ad alta complicanza.

Se la lunghezza dell'asse antero-posteriore dell'occhio è in costante aumento, il che è confermato dai dati degli ultrasuoni, allora tale miopia si chiama progressiva. La miopia ad alta progressione è una delle tre principali cause del distacco retinico regmatogeno, che è una delle complicanze più gravi.

In linea di principio, la miopia lieve a moderata - una rifrazione clinica oscillazioni normali che si trova all'interno di curva di distribuzione binomiale di rifrazione (curva binomiale - è una curva che mostra le normali vibrazioni di un tratto di persone in una data popolazione). L'alta miopia si trova al di fuori di questa curva, che è una patologia. In effetti, la miopia di alto livello è una delle principali cause di disabilità visiva. Pertanto, presenta un problema clinico significativo, soprattutto in termini di comparsa del distacco di retina.

Per origine, la miopia può essere congenita e acquisita.

La miopia è un errore refrattivo molto comune (riscontrato nel 30% della popolazione). Negli ultimi decenni, in tutti i paesi sviluppati del mondo, c'è stata una tendenza ad un aumento della frequenza della miopia, che è associata alla prima educazione dei bambini, all'informatizzazione universale, allo stress visivo significativo, al deterioramento della situazione ecologica. Più di 100 anni fa, gli igienisti russi Kohn ed Erisman hanno dimostrato che la frequenza della miopia è direttamente proporzionale all'esperienza scolastica.

Alla domanda per cui si verifica la miopia, non esiste ancora una risposta definitiva. Uno dei possibili fattori è ereditario, che non è negato da nessuno. Nei paesi post-sovietici, molte teorie che spiegano il meccanismo per lo sviluppo della miopia sono popolari.

Storie dei nostri lettori

Visione restaurata al 100% a casa. È passato un mese da quando ho dimenticato gli occhiali. Oh, come soffrivo, sorridevo costantemente, per poter vedere almeno qualcosa, timida di portare gli occhiali, ma non potevo indossare le lenti. La chirurgia di correzione laser è costosa, e dicono che la visione poi cade ancora dopo un po '. Non ci credo, ma ho trovato un modo per ripristinare completamente la visione al 100% a casa. Avevo la miopia -5,5 e letteralmente dopo 2 settimane ho iniziato a vedere il 100%. Chiunque abbia una vista scarsa, sii sicuro di leggere!

Leggi l'articolo completo >>>

La teoria accomodativo-convergente-idrodinamica del prof. AI Dashevskiy - la base per lo sviluppo di miopia è spasmo di alloggio, che finisce per uno spasmo di convergenza, deformazione della sclera nel polo posteriore dell'occhio, e, di conseguenza, l'allungamento assiale dell'occhio e lo sviluppo di una vera, miopia assiale.

Sotto lo spasmo di accomodazione capisco l'aumento patologico e persistente del tono del muscolo ciliare, che porta alla comparsa della rifrazione miopica. La lunghezza dell'occhio non è aumentata. Gli spasmi degli alloggi si verificano a causa di una serie di motivi: carico visivo significativo, libri scolastici di scarsa qualità, illuminazione insufficiente, incoerenze dell'altezza di un bambino a scuola, uso a lungo termine di alcuni farmaci (pilocarpina 1%), infezioni, intossicazione, distonia vegetativa-vascolare, abuso di computer, ecc. Il quadro clinico dello spasmo da alloggio è stato descritto già nel 19 ° secolo dal professor Adamyuk: visione ridotta in lontananza, che è migliorata da lenti meno, fluttuazioni dell'acuità visiva durante dopo 24 ore al buio, la scomparsa della rifrazione miope degli occhi dopo l'instillazione di atropina (la caratteristica diagnostica più importante).

Per la vera miopia, a differenza dello spasmo di accomodazione, dell'allungamento dell'occhio, della stessa rifrazione prima e dopo la cicloplegia, e l'aspetto del cono sclerale nella testa del nervo ottico è tipico.

Lo spasmo di alloggio può essere temporaneo o persistente. In quest'ultimo caso, porta alla comparsa della vera miopia.

Se la miopia compare sullo sfondo di uno spasmo di alloggio, è molto importante in questa fase, strappare un circolo vizioso che porta allo sviluppo di una vera miopia. trattamento completo di spasmo del sistema ricettivo a suo tempo è stato sviluppato e messo in pratica attivamente da parte dei dipendenti del Dipartimento di Oftalmologia GU "DMA" professori A.I.Dashevskim, E.I.Kuzinoy, A.A.Vatchenko e dei loro seguaci. Essa comprende aree come trattamento ortottica (mikrozatumanivanie lontano, ottici, mescolato, esercizio alloggio di riserva, dezakkomodatsiya divergenti), farmaci (instillazione epinefrina mezatona), riflessologia (thermopuncture, goniopuncture, iglopunktura, laserpuntura), fisioterapia, ecc..

La scelta del metodo di trattamento dipende dalla causa dello spasmo accomodante, ma è necessario sottolineare che in alcuni casi il trattamento non ha un effetto duraturo: lo spasmo accomodante può essere facilmente eliminato, ma può anche facilmente ripetersi. Pertanto, la sua terapia non dovrebbe essere una tantum, ma lunga e complessa.

Secondo teoria del prof. E.S.Avetisova. Il meccanismo di innesco nel verificarsi della miopia è la debolezza congenita o acquisita dell'alloggio, che porta in modo riflessivo all'allungamento dell'occhio. Di grande importanza è anche una debole sclera e un carico visivo significativo.

C'è anche La teoria di Steiger. secondo cui l'una o l'altra rifrazione appare come risultato di combinazioni casuali di un certo potere rifrattivo e lunghezza dell'occhio.

Uno sguardo particolare alla miopia ha un debole grado di prof. VV Volkov, che considera la miopia in 3-4 diottrie. variante biologica della norma e la considera come una reazione naturale dell'occhio a un carico visivo significativo. Anzi, con miopia in 3-4 diottrie. Non c'è praticamente tensione di alloggio quando si lavora nelle vicinanze.

Trattamento della miopia In caso di miopia stazionaria non complicata, viene eseguita solo la correzione della vista con occhiali, lenti a contatto o chirurgia corneale (chirurgia laser ad eccimeri, cheratotomia).

Quando complicato miopia prescritto trattamento conservativo volto a migliorare membrane nutrizione occhio (vasodilatatori, vitamine, vit. A, E, C, biostimolanti, retinoprotektory et al.) Quando le variazioni del fondo oculare, che può portare a distacco di retina, eseguite coagulazione laser preventiva della retina. Con la rapida progressione della miopia, a volte viene eseguita un'operazione chirurgica per rafforzare il polo posteriore dell'occhio (scleroplastica).

Va ricordato che le operazioni per migliorare l'acuità visiva senza correzione (cheratotomia radiale anteriore, chirurgia laser ad eccimeri) controindicato prima della fine della crescita umana e con miopia progressiva.

3. Ipermetropia o ipermetropia - caratterizzata dalla posizione del fuoco principale dietro la retina dell'occhio. occhio ipermetrope ha una potenza inferiore rifrazione di supporti ottici (basso rifrazione), il più breve l'asse antero-posteriore, una camera anteriore profonda, pupilla stretto e più lungo rispetto alla lente del emmetropico dell'occhio. Queste ultime caratteristiche sono importanti nel verificarsi del glaucoma ad angolo chiuso, che è confermato dalla pratica clinica.

Ci sono tre gradi di ipermetropia: (. Più di 5.0 diottrie) debole (. Fino a 2,0 diottrie), (. Diottrie 2,25-5,0) medio e ad alto contenuto bambini piccoli, il grado di ipermetropia può essere ridotta con la crescita dell'occhio.

Non c'è vera hyperopes ulteriore punto di visione chiara, perché nel resto della struttura sulla retina dell'occhio ipermetrope poteva passare solo i raggi aventi una direzione convergente. non esistono questi raggi - ci sono solo raggi relativamente paralleli provenienti da oggetti molto distanti, o divergenti - su oggetti vicini. Abbiamo un falso hyperopes ulteriore punto di visione chiara, situato dietro l'occhio, e la cui posizione indica che il necessario grado di convergenza dei raggi, in cui si può convergere sulla retina. Con sistemazione in lungimiranza non corretta, ipermetropia mantiene costantemente l'obiettivo principale sulla retina, con conseguente sforzo sulla struttura e lo sviluppo di utomleniyahozhdeniyaazernyeiz visivo. Negli ipermetropi, la presbiopia si sviluppa prima.

Con un alto grado di ipermetropia, a volte si osserva pseudoneurite del nervo ottico: il disco del nervo ottico è iperemico, i suoi bordi sono sfocati, come nella vera neurite, ma le funzioni visive non sono influenzate. Questa condizione non richiede alcun trattamento.

A seconda del tipo e del grado di ipermetropia, l'ipermetrop può essere visto anche a distanza ravvicinata (con ipermetropia di grado debole e moderato) o scarsamente (con elevata ipermetropia o con qualsiasi grado di rifrazione nella vecchiaia).

Oltre ai tre tipi principali di rifrazione, ci sono varietà che includono l'astigmatismo.

L'astigmatismo è una combinazione di diversi tipi di rifrazione o gradi diversi dello stesso tipo nello stesso occhio. L'astigmatismo può essere congenito (il più delle volte) e acquisito, oltre che fisiologico e patologico. L'astigmatismo fisiologico esiste nel 99% delle persone. Di regola non supera 0,5-1,0 diottrie. e non porta a una diminuzione dell'acuità visiva e allo sviluppo dell'affaticamento visivo. Astigmatismo patologico, da 1,0 diottrie. e sopra, provoca una diminuzione della visione.

L'astigmatismo acquisito appare quando l'occhio è ferito, dopo un intervento chirurgico agli occhi, con lo sviluppo del cheratocono. In quest'ultimo caso, è una manifestazione precoce di questa malattia.

Esistono tipi di astigmatismo: semplice (combinazione di emmetropia con miopia o ipermetropia), complesso (combinazione di miopia o ipermetropia di gradi diversi in diversi meridiani di un occhio) e misto (quando vi sono sia miopia che ipermetropia in un occhio in diversi meridiani).

Nell'occhio astigmatico ci sono due meridiani principali: uno con il più grande, l'altro con il potere di rifrazione più debole. Si trovano ad angolo retto l'uno rispetto all'altro. Per questo motivo, nell'occhio astigmatico ci sono due focus principali, che portano ad un significativo deterioramento della qualità dell'immagine. A seconda della posizione dei meridiani principali, si distinguono questi tipi di astigmatismo: una linea retta (il meridiano con la massima potenza rifrattiva si trova verticalmente), una inversa (verticalmente c'è un meridiano con la più piccola potenza rifrattiva) e con gli assi obliqui (quando i meridiani principali sono spostati rispetto alla verticale e orizzontale a 30 gradi) ).

Nel processo di crescita degli occhi, la forma dell'astigmatismo può cambiare, ma non scompare da nessuna parte.

La rifrazione clinica può cambiare nel corso della vita. Nei neonati, la refrazione fisiologica è di 3-4 diottrie ipermetropia. All'aumentare dell'occhio, l'ipermetropia diminuisce e in 3-5 anni di vita, quando l'occhio termina sostanzialmente la sua crescita, la rifrazione aumenta fino all'emmetropico (o può rimanere debole ipermetropico, che è anche normale). Inoltre, a seguito dell'azione di vari fattori avversi, la rifrazione può trasformarsi in miopico. Possibili variazioni temporanee della rifrazione nella direzione della miopia con cataratta iniziale, miopia transitoria possono essere in pazienti con diabete mellito, uno spostamento di rifrazione verso l'ipermetropia è possibile con edema della fossa centrale della retina (corioretinopatia sierosa centrale), ecc.

Considerando il problema della rifrazione, va notato che l'occhio come sistema ottico presenta diversi svantaggi che influiscono sulla qualità della visione. I principali sono le aberrazioni sferiche e cromatiche, la diffrazione, l'astigmatismo. L'aberrazione sferica è caratterizzata dal fatto che il centro e la periferia della lente rifrangono la luce in modi diversi, il che porta all'emergere di un sistema ottico a più focalizzazione; aberrazione cromatica - dal fatto che i raggi con diverse lunghezze d'onda rifrangono anche l'occhio in modi diversi. La parte a onda lunga dello spettro (rosso) è leggermente rifratta, l'onda corta (blu) è fortemente rifratta, l'onda media (giallo-verde) ha una rifrazione intermedia tra di loro. Porta anche all'emergere di un sistema ottico multifocale dell'occhio e ad un deterioramento della qualità dell'immagine. La diffrazione è caratterizzata dal fatto che, passando attraverso la pupilla dell'occhio, un raggio parallelo di luce dietro la pupilla assume la forma di un cono divergente, che porta alla formazione di un punto sulla retina piuttosto che un'immagine puntuale e, di conseguenza, deterioramento della qualità dell'immagine. L'astigmatismo (vedi sopra) è dovuto al diverso potere rifrattivo delle superfici anteriore e posteriore della cornea e della lente, alla discrepanza tra l'asse visivo e ottico dell'occhio, una certa decentrazione del supporto ottico dell'occhio.

37.72.81.106 © studopedia.ru non è l'autore dei materiali pubblicati. Ma offre la possibilità di un uso gratuito. C'è una violazione del copyright? Scrivici

L'apparato di rifrazione della luce dell'occhio umano è complesso. Consiste di un obiettivo, cornea, umidità della camera, corpo vitreo. Sulla via della retina, un raggio di luce attraversa quattro superfici rifrangenti: le superfici posteriore e anteriore della cornea, così come le superfici posteriori e anteriori della lente. Il potere rifrattivo posseduto dal sistema ottico dell'occhio è in media di 59,92 diottrie. Per la rifrazione dell'occhio, la lunghezza dell'asse dell'occhio è importante, cioè la distanza dalla cornea dell'occhio alla macchia gialla (media 25,3 millimetri). Pertanto, la forza di rifrazione e la lunghezza dell'asse, che caratterizzano l'installazione ottica dell'occhio e la posizione del fuoco principale in relazione alla retina, influenzano la rifrazione degli occhi.

Tipi di rifrazione

La rifrazione oculare è di tre tipi: emmetropia (normale rifrazione dell'occhio), miopia. ipermetropia. Nell'occhio con l'emmetropia, i raggi paralleli che emanano da oggetti situati lontano si intersecano al centro della retina. Un tale occhio è in grado di vedere chiaramente gli oggetti circostanti. Per ottenere un'immagine chiara vicino, l'occhio migliora la propria potenza rifrattiva, aumentando la curvatura della lente (accomodazione).

Disturbi (anomalie) di rifrazione

L'occhio lungimirante ha un potere rifrattivo debole, poiché i raggi di luce che emanano da oggetti distanti si intersecano dietro la retina. Per ottenere un'immagine, un occhio lungimirante aumenta la potenza rifrattiva anche nel caso di oggetti situati a distanza.

L'occhio miope ha un forte potere rifrattivo, poiché i raggi provenienti da oggetti situati a una distanza si intersecano di fronte alla retina.

Più alto è il grado di ipermetropia o miopia, peggiore è la vista, poiché in questi casi l'attenzione non è sulla retina, ma "dietro" o "prima" di esso. L'ipermetropia e la miopia possono essere di tre gradi: deboli (non più di tre diottrie), medie (4-6 diottrie), alte (oltre 6 diottrie). Ci sono occhi miopi con 25-30 diottrie e anche di più.

Determinazione della rifrazione oculare

Per determinare il grado di miopia e ipermetropia, viene usata un'unità di misura per indicare il potere rifrattivo dei vetri ottici. Questa unità di rifrazione è chiamata "Diottro" e la procedura è "Rifrattometria" (per maggiori dettagli vedere la relativa sezione). Nelle diottrie viene calcolato il potere di rifrazione delle lenti convesse, concave, scattering e di raccolta della luce. Gli occhiali ottici possono migliorare la vista per l'ipermetropia e la miopia.

La rifrazione dell'occhio del paziente viene determinata anche utilizzando occhiali ottici o strumenti più precisi (rifrattometri). A volte in un occhio si combinano rifrazioni diverse o gradi diversi di una singola rifrazione. Ad esempio, un occhio in verticale può avere una rifrazione lungimirante, e orizzontalmente un miope. Dipende dalla diversa curvatura acquisita o congenita della cornea in due diversi meridiani. La visione è significativamente ridotta. Il difetto ottico descritto dell'occhio è chiamato astigmatismo. che viene tradotto dal latino come "assenza di un punto focale".

In entrambi gli occhi, anche la rifrazione non è sempre la stessa. Ad esempio, è possibile stabilire la lungimiranza di un occhio e la miopia dell'altro. Questa condizione è chiamata anisometropia. Questa malattia, come l'ipermetropia con miopia, può essere corretta con l'aiuto di occhiali con lenti ottiche, lenti a contatto o interventi chirurgici.

La visione normale di entrambi gli occhi è detta binoculare (stereoscopica), fornendo una chiara percezione degli oggetti circostanti, nonché la corretta determinazione della loro posizione nello spazio.

Rifrazione oculare

La rifrazione dell'occhio è il processo di rifrazione dei raggi luminosi nel sistema ottico dell'occhio.

Il sistema ottico dell'occhio è abbastanza complesso, si compone di diverse parti:

  • cornee (guscio trasparente dell'occhio);
  • umidità della camera anteriore (lo spazio che è riempito di liquido e si trova tra la cornea e l'iride dell'occhio (uno dei gusci dell'occhio che determina il loro colore));
  • la lente (lente biologica trasparente situata dietro la pupilla e che partecipa al processo di rifrazione dei raggi luminosi);
  • vitreo (sostanza gelatinosa che si trova dietro l'obiettivo).

La luce, passando attraverso tutti i componenti del sistema ottico dell'occhio, colpisce la retina (il guscio interno dell'occhio). Le cellule della retina convertono le particelle di luce in impulsi nervosi a causa dei quali si forma un'immagine nel cervello umano. La rifrazione oculare viene misurata in diottrie: queste sono le unità di misura della potenza della lente che rifrange (cambia la direzione del raggio di luce).

La rifrazione dipende da molte caratteristiche: i raggi di curvatura della superficie anteriore e posteriore della cornea e della lente, lo spazio tra di essi, così come la distanza tra la superficie posteriore della lente e la retina.

Per una persona, la cosiddetta rifrazione clinica dell'occhio è importante, cioè la posizione del fuoco principale posteriore (il punto di intersezione dei raggi che passa attraverso il sistema ottico dell'occhio) rispetto alla retina. Se l'obiettivo principale della schiena si trova sulla retina, si considera che la persona abbia una visione normale o al 100%.

Se il focus principale cambia posizione, l'acuità visiva diminuirà. Ad esempio, nella miopia (miopia), l'attenzione principale si trova di fronte alla retina e nell'ipermetropia, dietro la retina. In questi casi, quando compaiono i sintomi, consultare un oftalmologo.

Esistono 6 forme di rifrazione dell'occhio.

  • Emmetropia. o normale rifrazione dell'occhio. Con questo tipo di rifrazione, il focus principale dell'occhio - il punto di intersezione dei raggi che attraversano il sistema ottico dell'occhio (sistema di lenti biologiche - la cornea (guscio trasparente dell'occhio) e la lente) (obiettivo biologico situato dietro la pupilla e partecipazione al processo di rifrazione dei raggi luminosi)), coincide con retina (il guscio interno dell'occhio, le cui cellule convertono i raggi luminosi in impulsi nervosi, grazie ai quali un'immagine cerebrale si forma nel cervello umano). Una persona con emmetropia distingue chiaramente tutti gli oggetti a distanza e vicini. Si dice che una persona del genere abbia vista normale, o al 100%. In correzione di occhiali (cambiamento di acutezza visiva in una direzione positiva) con l'aiuto di occhiali tali persone non hanno bisogno
  • La miopia (miopia) è un tipo di rifrazione in cui il centro focale posteriore dell'occhio si trova di fronte alla retina. Le persone che hanno una miopia, vedono gli oggetti da vicino chiaramente e in lontananza, noiosi, vaghi. Ci sono 3 gradi di miopia:
    • debole - fino a 3 diottrie (unità di misura della potenza rifrattiva della lente (la potenza rifrattiva cambia la direzione dei raggi luminosi nel sistema ottico dell'occhio));
    • media - da 3 a 6 diottrie e
    • più di 6 diottrie.

Le persone che hanno un grado debole di miopia possono non aver bisogno di essere corrette (se per la natura della loro attività non hanno bisogno di guardare in lontananza o usano gli occhiali solo per la distanza, per esempio, per vedere cosa è scritto sui cartelli dei negozi o per guardare la TV).

  • L'ipermetropia (ipermetropia) è un tipo di rifrazione in cui il fuoco principale dell'occhio è dietro la retina. Nella maggior parte dei casi, le persone che hanno l'ipermetropia non vedono bene vicino e lontano. Lavorano duramente a distanza ravvicinata - leggendo, ricamando, ecc. L'ipermetropia ha anche 3 gradi:
    • debole - la lente può cambiare la sua posizione per migliorare il potere rifrattivo dell'occhio. Tali pazienti spesso non hanno bisogno di correzione dello spettacolo;
    • medio: le persone usano gli occhiali quando lavorano con oggetti a distanza ravvicinata, ad esempio quando leggono libri;
    • alta - le persone usano costantemente gli occhiali per vicino e abbastanza spesso per la distanza.

Nel periodo neonatale, l'ipermetropia è la norma: tutti i neonati hanno una ipermetropia fisiologica (cioè uno stadio naturale nello sviluppo dell'organismo) a causa delle ridotte dimensioni dell'asse anteroposteriore del bulbo oculare. Con il crescere degli occhi, nella maggior parte dei casi, l'ipermetropia scompare.

  • La presbiopia (età dell'ipermetropia) è una riduzione della vista vicina all'età, in cui la lente perde la sua elasticità, diventa densa e quindi non può cambiare la sua curvatura (capacità di cambiare il suo raggio di superficie), oltre a indebolire il muscolo ciliare dell'occhio. La presbiopia si sviluppa nella maggior parte delle persone di età compresa tra 40 e 45 anni.
  • L'anisometropia è la presenza di diversi tipi di rifrazione per la stessa persona. Per esempio, un occhio può essere miope (miope), e l'altro ipermetrope (ipermetrope), o il tipo di rifrazione sarà lo stesso, ma un occhio, per esempio, avrà un grado moderato di miopia, e l'altro - uno alto.
  • L'astigmatismo è solitamente un disordine congenito (esistente alla nascita), che consiste nell'apparizione di diversi punti focali di convergenza dei raggi luminosi nell'occhio, nonché una combinazione nell'occhio di vari gradi della stessa rifrazione (miopica o ipermetropica) o dei suoi vari tipi (astigmatismo misto). Senza correzione dello spettacolo, le funzioni visive nell'astigmatismo sono significativamente ridotte.

Le ragioni che hanno contribuito all'insorgenza di disturbi di rifrazione sono sconosciute fino ad oggi.

Sredifactor ne assegna diversi.

  • Ereditarietà: se entrambi i genitori o uno di loro hanno cambiamenti nella rifrazione, allora con una probabilità del 50% o più i loro figli avranno anche disturbi simili.
  • Affaticamento dell'occhio - carichi lunghi e intensi sull'organo della vista (ad esempio, leggere piccoli caratteri di testo o molte ore di lavoro al computer).
  • Correzione inappropriata dei disturbi dell'acuità visiva o mancanza di correzione tempestiva degli errori di rifrazione: occhiali o lenti a contatto scelti in modo errato aggravano la situazione.
  • Violazione dell'anatomia del bulbo oculare - riduzione o aumento dell'asse antero-posteriore del bulbo oculare, cambiamento della potenza rifrattiva (capacità di cambiare la direzione dei raggi luminosi) della cornea (guscio trasparente), ad esempio, quando si assottiglia o assottiglia la lente (obiettivo biologico situato dietro la pupilla e partecipazione il processo di rifrazione dei raggi di luce) dovuto alla sua compattazione e all'incapacità di cambiare forma. Questo di solito si verifica con l'età o con ferite al bulbo oculare (ad esempio, lividi).
  • I bambini con basso peso alla nascita o prematuri hanno maggiori probabilità di avere errori di rifrazione.
  • Lesioni all'organo della vista, ad esempio contusione (grave lesione dell'occhio, che può verificarsi a seguito di una piccola emorragia nell'occhio per schiacciarlo) del bulbo oculare a causa di un oggetto contundente o di ustioni (ad esempio, causato dal contatto con sostanze chimiche durante il lavoro o durante l'esposizione a alta temperatura, ad esempio, durante un incendio).
  • Chirurgia dell'occhio

LookMedBook ricorda: prima chiedi aiuto a uno specialista, più possibilità hai di rimanere in salute e ridurre il rischio di complicazioni:

L'ostetrico-ginecologo aiuterà nel trattamento della malattia

diagnostica

  • Analisi della storia della malattia e dei reclami: quando (per quanto tempo) il paziente ha avuto lamentele sulla perdita della visione a distanza o vicino a problemi visivi.
  • Analisi della storia della vita: soffrire (o soffrire) se i genitori delle funzioni visive alterate del paziente; se il paziente ha avuto lesioni o operazioni sull'organo della vista.
  • La visometria è un metodo per determinare l'acutezza visiva (la capacità di un occhio di distinguere chiaramente e chiaramente gli oggetti circostanti) usando tabelle speciali. In Russia, le tabelle più comunemente usate sono Sivtsev-Golovin, su cui sono scritte lettere di diverse dimensioni, da quelle grandi, situate sopra, a quelle più piccole, situate sotto. Con una visione al 100%, una persona vede la decima fila da una distanza di 5 metri. Ci sono tabelle simili, dove invece vengono disegnati anelli di lettere con spazi vuoti di un certo lato. Il paziente deve dire al medico quale parte del gap (in alto, in basso, a destra, a sinistra).
  • La refrattometria automatica è lo studio della rifrazione dell'occhio (il processo di rifrazione dei raggi luminosi nel sistema ottico dell'occhio - il sistema di lenti biologiche, la principale delle quali è la cornea (guscio trasparente dell'occhio) e la lente (l'obiettivo principale del sistema ottico dell'occhio)) utilizzando un rifrattometro automatico (dispositivo medico speciale). Il paziente appoggia la testa sul dispositivo, fissa il mento con un supporto speciale, il rifrattometro emette raggi di luce infrarossa, effettuando una serie di misurazioni. La procedura è assolutamente indolore per il paziente.
  • La ciclopatia è una disconnessione medica del muscolo accomodante (un muscolo che partecipa al processo di accomodazione - la capacità dell'occhio di vedere ugualmente chiaramente oggetti a diverse distanze) al fine di rilevare la falsa miopia (spasmo dell'ospite) - la scomparsa dell'alloggio. Durante la cicloplegia, tutte le persone hanno temporaneamente la miopia. In una persona con visione normale, dopo la cessazione dell'azione della droga, la miopia scompare. Se la miopia dopo la cicloplegia diminuisce, ma non scompare, allora questa miopia residua è costante e richiede una correzione (quale tipo di correzione (spettacolo o contatto) sarà deciso dall'oculista).
  • Oftalmometria - misura dei raggi di curvatura e del potere di rifrazione (forza che cambia la direzione dei raggi luminosi) della cornea (guscio trasparente dell'occhio).
  • La biometria a ultrasuoni (UZB), o A-scan, è un'ecografia dell'occhio. La tecnica presenta i dati ottenuti sotto forma di un'immagine unidimensionale, che consente di stimare la distanza dal confine dei media (diverse strutture (parti) dell'occhio) con differenti resistenze acustiche (sonore). Permette di valutare lo stato della camera anteriore dell'occhio (lo spazio dell'occhio tra la cornea e l'iride (quella parte dell'occhio che ne determina il colore)), la cornea, la lente (lente biologica trasparente (uno del sistema ottico dell'occhio) coinvolto nel processo di rifrazione), determina la lunghezza asse anteriore-posteriore dei bulbi oculari.
  • La pachimetria è un esame ecografico dello spessore o della forma della cornea. Con questo metodo, è possibile rilevare l'edema corneale, la presenza di cheratocono (una malattia caratterizzata da assottigliamento della cornea e un cambiamento nella sua forma). La pachimetria aiuta anche a pianificare la chirurgia della cornea.
  • La biomicroscopia oculare è un metodo senza contatto per la diagnosi delle patologie oculari utilizzando uno speciale microscopio oftalmologico combinato con un dispositivo di illuminazione. Il complesso "microscopio-dispositivo di illuminazione" è chiamato una lampada a fessura. Usando questa semplice tecnica, è possibile identificare varie malattie dell'occhio: infiammazione dell'occhio, cambiamenti nella sua struttura e molti altri.
  • Skiascopy: un metodo per determinare la rifrazione dell'occhio, durante il quale il medico controlla il movimento delle ombre nell'area della pupilla quando l'occhio è illuminato da un raggio di luce. Il metodo consente di determinare diverse forme di rifrazione oculare.
  • Esame dell'occhio sul forottero: durante questo studio, il paziente guarda le tabelle speciali attraverso un forottero (un dispositivo oftalmologico speciale). Le tabelle sono a distanze diverse. A seconda di quanto bene il paziente vede queste tabelle, viene fatta una conclusione sulla forma della sua rifrazione. Inoltre, questo dispositivo consente di eliminare gli errori durante la scrittura di una prescrizione per occhiali.
  • Keratotopografiya computer - un metodo di studiare lo stato della cornea utilizzando raggi laser. Durante questo studio, un cheratotopografo computerizzato (dispositivo medico speciale) scansiona la cornea con un laser. Il computer costruisce un'immagine a colori della cornea, dove diversi colori indicano il suo assottigliamento o ispessimento.
  • Oftalmoscopia - studio del fondo con un dispositivo speciale (oftalmoscopio). Uno studio semplice ma molto informativo. Il medico esamina la parte inferiore del bulbo oculare con un dispositivo chiamato oftalmoscopio e una lente speciale. Questo metodo consente di valutare lo stato della retina, la testa del nervo ottico (il luogo in cui il nervo ottico lascia il cranio, il nervo ottico è un conduttore di impulsi al cervello, a causa del quale un'immagine cerebrale sorge nel cervello) e le navi del fondo.
  • Selezione di occhiali adatti (lenti): un set di lenti con diversi gradi di rifrazione si trova nell'ufficio di un oftalmologo, il paziente è perfettamente abbinato al paziente usando un test di acuità visiva (usando le tabelle di Sivtsev-Golovin).

Trattamento di rifrazione oculare

  • Correzione degli occhiali - l'uso costante o periodico (ad esempio, quando si guarda la televisione o mentre si leggono libri) occhiali con lenti selezionate per una determinata forma e grado di rifrazione.
  • Correzione della lente: utilizzo di lenti a contatto, selezionate per una determinata forma e grado di rifrazione. Le modalità di utilizzo delle lenti a contatto possono essere diverse:
    • giorno (le lenti sono indossate durante il giorno, vengono rimosse durante la notte);
    • flessibile (se necessario, l'obiettivo non può decollare 1-2 notti);
    • prolungato (le lenti non vengono rimosse per diversi giorni);
    • continuo (le lenti non possono essere rimosse fino a 30 giorni) - dipende dai materiali di cui è fatto l'obiettivo e dal suo spessore.
  • La correzione della visione laser è un cambiamento nello spessore della cornea (guscio trasparente dell'occhio) con l'aiuto di raggi laser e, di conseguenza, un cambiamento nel suo potere rifrattivo (cambiamento nella direzione dei fasci di luce).

Prevenzione della rifrazione oculare

  • Modalità di illuminazione: dovresti provare a dare carichi visivi in ​​buona luce, non usare lampade fluorescenti.
  • Modalità di stress visivo e fisico: è necessario riposare gli occhi quando vi sono segni di affaticamento degli occhi (arrossamento, lacrimazione, sensazione di bruciore agli occhi) - distogliere lo sguardo per 1-2 minuti. Oppure, al contrario, 10 minuti per sedersi ad occhi chiusi.
  • Ginnastica per gli occhi - una serie di esercizi volti a rilassare e rafforzare i muscoli oculari. La ginnastica deve essere eseguita 2 volte al giorno; se questa modalità è scomoda per il paziente, allora - una volta al giorno prima di coricarsi.
  • Correzione della vista adeguata - Indossare solo la rifrazione appropriata di occhiali e lenti a contatto.
  • Esercizio fisico moderato: nuoto, passeggiate all'aria aperta, massaggio della zona del collo, ecc.
  • Una dieta equilibrata e razionale: tutte le sostanze necessarie per il corpo umano (proteine, grassi, carboidrati, vitamine e oligoelementi) devono essere presenti nel cibo.
  • Oftalmologia. Leadership nazionale A cura di S. Avetisov, E. Egorov e altri. "Geotar-Media", 2013.
  • Oftalmologia clinica. V. Lazarenko e coautori, Rostov-on-Don, Phoenix, 2007.

Fonti: http://studopedia.ru/7_44140_refraktsiya-glaza.html, http://proglaza.ru/stroenieglaza/refrakciya-glaza.html, http://lookmedbook.ru/disease/refrakciya-glaza

Trarre conclusioni

Se stai leggendo queste righe, si può concludere che tu o i tuoi cari avete ipovisione.

Abbiamo condotto un'indagine, studiato una serie di materiali e, cosa più importante, abbiamo controllato la maggior parte delle tecniche per il ripristino della vista. Il verdetto è:

Diversi esercizi per gli occhi, se hanno dato un leggero risultato, quindi non appena gli esercizi sono stati fermati, la visione si è deteriorata bruscamente.

Le operazioni ripristinano la vista, ma nonostante l'alto costo, un anno dopo, la visione ricomincia a cadere.

Varie vitamine farmaceutiche e integratori alimentari non hanno dato assolutamente alcun risultato, come si è scoperto, tutto questo è il trucco di marketing delle aziende farmaceutiche.

L'unica droga che ha dato significativo
il risultato è Visium.

Al momento, è l'unico farmaco in grado di ripristinare completamente la vista al 100% SENZA OPERARE in 2-4 settimane! Visium ha mostrato effetti particolarmente rapidi nelle prime fasi del deficit visivo.

Abbiamo fatto domanda al Ministero della Salute. E per i lettori del nostro sito, è ora possibile ordinare Visium a un prezzo ridotto - per solo 1 rublo!

Attenzione! La vendita del farmaco contraffatto Visium è diventata più frequente. Effettuando un ordine sul sito ufficiale, si è certi di ottenere un prodotto di qualità dal produttore. Inoltre, acquistando i link di cui sopra, si ottiene una garanzia di rimborso (comprese le spese di spedizione), se il farmaco non ha un effetto terapeutico.

Google+ Linkedin Pinterest