Autorefrattometria

Uno dei metodi moderni per determinare la rifrazione dell'occhio è l'autorefractometria. Nello studio, il dispositivo emette un raggio di luce infrarossa diretto attraverso la pupilla alla retina. Passando attraverso il supporto ottico, viene rifratto e, riflesso dal fondo dell'occhio, ritorna. I sensori registrano i suoi parametri e il programma, confrontandoli con l'originale, calcola la rifrazione clinica dell'occhio.

Quando si effettua una ricerca senza l'uso di dispositivi cycloplegici, viene stimata la rifrazione dinamica, che è la somma della rifrazione statica (rifrazione in uno stato di riposo completo all'alloggio), tono accomodante e / o cosiddetta miopia strumentale (sistemazione involontaria al dispositivo). Questo è il motivo per cui i risultati della rifrattometria non sono una base incondizionata per la nomina della correzione ottica. La decisione sulla sua necessità e la forza delle lenti correttive viene decisa dall'oculista mediante una selezione soggettiva (rifrattometria soggettiva).

La procedura di autorefractometry è estremamente semplice e non richiede molto tempo. Il paziente si siede di fronte al dispositivo nella posizione desiderata. Ogni occhio è esaminato individualmente. Il paziente è invitato a guardare l'oggetto (etichetta di fissazione) situato a una distanza condizionalmente infinita al fine di massimizzare il rilassamento dell'alloggio. Esaminando con l'aiuto di un joystick il dispositivo viene indirizzato al centro della pupilla, quindi la misurazione avviene in modalità automatica o manuale. Alla fine dello studio, i risultati possono essere stampati.

Come nel caso di skiascopy, saranno ottenuti risultati più affidabili dai pazienti dopo la cicloplegia, che aiuteranno a rilassare al massimo la sistemazione.

I dispositivi moderni possono non solo misurare la rifrazione clinica dell'occhio. Con il loro aiuto, puoi valutare la rifrazione della cornea, il suo raggio, il suo diametro. Questi dati sono indispensabili nella selezione della correzione visiva del contatto, chiarendo il tipo di astigmatismo (corneale, lente).

Interpretazione delle indicazioni dell'autorefractometer

Nella pagina del nostro servizio online è possibile decodificare in modo indipendente i dati dell'autorefrattometro (diagnostica del computer).

1) Rif: i risultati della rifrattometria.

A seconda del modello del dispositivo, potrebbe anche apparire S.E. nella stampa dei risultati. (Sferoekvivalent). È calcolato come la somma aritmetica del potere ottico di una lente sferica e di un mezzo cilindrico, determinata durante l'autofractometria.

Il valore indicato come Cyl riflette il grado di astigmatismo presente. È importante notare che quando si prendono decisioni di esperti (idoneità al servizio militare, disabilità, ecc.), Viene preso in considerazione senza tenere conto del segno "+" o "-" indicato di fronte alla stampa dei risultati dell'autorefractometria.

Il motivo è che questa stampa è emessa sotto forma di prescrizione per occhiali e riflette quindi non la vera potenza rifrattiva nei due meridiani principali dell'occhio, ma solo la correzione ottica necessaria per correggerla. Quest'ultimo può essere registrato sia con indicatori negativi ("-") della componente cilindrica, sia con positivi ("+"), nonché trasferiti da una forma all'altra in base alla regola di trasposizione del cilindro (vedi esempio in skiascopy).

Autore: oftalmologo E. N. Udodov, Minsk, Bielorussia.
Data di pubblicazione (aggiornamento): 17/01/2018

Avtorefraktokeratometriya

Autorefractkeratometry è un metodo diagnostico senza contatto che identifica automaticamente la rifrazione dell'occhio. La rifrazione oculare è il potere rifrattivo dell'occhio. Dipende dal raggio di curvatura di ciascuno dei mezzi rifrangenti dell'occhio e dalle distanze tra loro. I principali mezzi di rifrazione sono la cornea, la lente e il corpo vitreo. Autorefractkeratometry non solo valuta la rifrazione generale dell'occhio, ma consente anche di misurare separatamente la rifrazione della cornea. Quando si esegue autorefractkeratometry, possono essere rilevati disturbi minori di rifrazione, manifestati dalla miopia (una persona vede oggetti ben posizionati e oggetti scarsamente rimossi), lungimiranza (gli oggetti sono ben visibili in lontananza e oggetti ravvicinati), astigmatismo (immagine distorta di oggetti).

L'autorefrattometro irradia un raggio di colore infrarosso che passa attraverso la pupilla e viene riflesso dalla retina. I sensori dello speciale blocco elettronico registrano le immagini del fascio prima del riflesso e dopo, cioè, all'ingresso dell'occhio e all'uscita da esso. Successivamente, il programma del computer analizza i parametri e fornisce i valori della rifrazione.

Un ulteriore blocco di ketometria autorefrattiva determina separatamente la rifrazione della cornea. Per fare questo, proietta sulla superficie della cornea due punti orizzontali e due verticali, che vengono riflessi e restituiti. È così che il raggio di curvatura della cornea viene misurato in millimetri e quindi l'indicatore viene convertito in diottrie.

Indicazioni per l'esecuzione di autorefractkeratometry

  1. Valutazione dell'acuità visiva.
  2. Preparazione per la correzione della visione laser o altre operazioni sugli occhi.
  3. Valutazione dei risultati del trattamento chirurgico o correzione laser.

Modalità di attuazione

Il paziente si siede di fronte all'autorefractoraketometer e fissa il suo sguardo sull'immagine (un palloncino o un albero di Natale, che sembra essere situato lontano). L'immagine, e non solo un'etichetta punto, viene utilizzata in modo che il paziente possa mantenere il suo sguardo fisso su un punto per un lungo periodo, ma allo stesso tempo non affatica gli occhi, ma si trova in uno stato rilassato. Questa innovazione ha aumentato in particolare l'efficacia degli esami dell'occhio nei bambini. Durante lo studio è permesso di battere le palpebre.

Il massimo relax dell'alloggio consente di determinare correttamente la rifrazione. Autorefractkeratometry permette di ottenere accurati indicatori di anisometropia - un valore che mostra la differenza di rifrazione tra occhio destro e sinistro, oltre a determinare in modo affidabile il grado di astigmatismo.

Lo studio può essere condotto da personale infermieristico, poiché è completamente automatizzato e non richiede conoscenze particolari, il risultato dello studio è fornito sotto forma di una stampa, che il medico quindi decifra.

L'autofractkeratometria non può essere eseguita su pazienti con mezzi ottici opachi - con opacità del cristallino (cataratta), corpo vitreo o cornea, perché in questo caso la trasmissione del fascio di luce alla retina viene disturbata e riflessa.

Interpretazione dei risultati

La conclusione della chetometria autorefrattiva è una stampa con abbreviazioni in inglese e valori numerici degli indicatori indicati. I risultati possono avere errori, quindi il medico, se necessario, valuta ulteriormente la rifrazione usando metodi strumentali.

Cosa vede il paziente sulla stampa?

  • Rif: i risultati della rifrattometria.
  • L è l'occhio sinistro.
  • R - occhio destro.
  • Sph è il potere ottico di una lente sferica, che corrisponde alla rifrazione dell'occhio in uno dei due meridiani principali, espressa in diottrie (D).
  • PD è la distanza tra gli alunni.
  • Cyl è il potere ottico di una lente cilindrica, che riflette la rifrazione dell'occhio nel secondo meridiano principale, espressa in diottrie (D). Di solito, i cilindri negativi (negativi) sono installati nelle impostazioni degli autoriparatori.
  • Ax è l'asse della lente cilindrica.
  • AVE o AVG è la misura della rifrazione media nei due meridiani principali dell'occhio.
  • Risultati cher - cheratometrici.
  • R1, R2 - valori digitali del raggio di curvatura della cornea, misurati al massimo e al minimo dei suoi meridiani, espressi in mm e diottrie (mm e D).
  • AVE o AVG è il valore medio del raggio di curvatura della cornea, espresso in mm e il suo potere rifrattivo, espresso in diottrie.

Ad esempio, se dopo Sph c'è un valore digitale con un segno "-" e gli altri indicatori sono zero, allora il paziente ha la miopia.

Il valore digitale con il segno "+" nell'abbreviazione Sph con gli altri indicatori pari a zero è un segno di ipermetropia.

La presenza di una deviazione dall'asse, denotata dall'asse del valore digitale (valore digitale) ° è caratteristica dell'astigmatismo.

Autorefractkeratometry può dare errori nel valutare il grado di astigmatismo. Pertanto, per una determinazione accurata della rifrazione della cornea, l'esame, se necessario, è integrato con la cheratometria o una valutazione soggettiva del grado di astigmatismo da parte di un medico.

Scegli i tuoi sintomi di preoccupazione, rispondi alle domande. Scopri quanto è grave il tuo problema e se hai bisogno di vedere un medico.

Autorefractometry - che cos'è? Indicazioni e recensioni

Spesso avendo sentito il nome non familiare e complesso presso l'ufficio del medico, una persona inizia a preoccuparsi. Questo è particolarmente vero per la visita di un oftalmologo, perché la perdita della vista di una persona è come la perdita di efficienza e una vita piena indipendente. Che cos'è - autorefractometry?

Autorefractometry è un tipo di esame della visione di una persona che utilizza un dispositivo speciale. Il metodo si basa sulla misurazione dell'angolo di rifrazione della luce durante il passaggio del tessuto oculare. Con lo sviluppo della medicina, questi studi high-tech stanno diventando disponibili e di routine per una vasta gamma di pazienti.

Cos'è la rifrazione oculare?

La rifrazione è la caratteristica della rifrazione della luce da parte del sistema ottico dell'occhio. A seconda della potenza di rifrazione, ci sono tre possibili tipi di rifrazione:

  • emmetropia (figura A);
  • miopia (figura B);
  • lungimiranza (figura C).

L'emmetropia è una normale rifrazione dell'occhio, i raggi di luce che entrano nel bulbo oculare si intersecano al centro della retina. Con la miopia, l'immagine è formata al centro dell'attenzione, e con ipermetropia - oltre il punto desiderato della retina. La figura mostra tutti e tre i casi di rifrazione. S è la fonte di luce, P è l'inizio della regione di rifrazione dell'apparato dell'occhio umano, R è il centro della retina.

A cosa serve la ricerca?

Gli studi sulla rifrazione dell'occhio sono necessari per determinare la "Diottra" - l'unità di misura della rifrazione della luce, e la procedura stessa è chiamata "rifrattometria". Oftalmologi utilizzano test convenzionali per determinare la presenza o l'assenza di difetti visivi di una persona. Se disponibili, gli occhi vengono esaminati con un set di lenti professionali o dispositivi speciali - i rifrattometri.

Senza esami appropriati, è impossibile trovare gli obiettivi necessari per la correzione della vista. A volte si osservano vari disturbi refrattivi per entrambi gli occhi. Ad esempio, l'anisometropia è una combinazione della lungimiranza di un occhio e della miopia dell'altro. In altri casi, la visione è possibile con rifrazione a lungo raggio verticale e miope - in orizzontale. Tale violazione è chiamata astigmatismo.

La definizione di rifrazione e esame oculare è necessaria non solo per la selezione di occhiali e lenti correttivi, ma anche prima del trattamento chirurgico delle patologie oculari e dopo il trattamento delle lesioni.

Per condurre tali studi possono essere qualificati solo gli oftalmologi. In uno studio computerizzato con l'ausilio di dispositivi speciali, l'esame stesso può essere effettuato da uno specialista di livello inferiore. Tuttavia, l'interpretazione dei risultati richiederà un parere soggettivo di un medico rispettabile.

Come eseguire l'autorefractometria oculare

Dalle informazioni di cui sopra non è difficile indovinare che l'autorefractometry è un tale studio della rifrazione dell'occhio, in cui vengono utilizzati speciali dispositivi high-tech.

L'essenza del metodo è la seguente: un dispositivo speciale trasmette un raggio di raggi infrarossi attraverso la pupilla dell'occhio. Dopo aver attraversato l'organo ottico umano, la luce viene rifratta, riflessa dal fondo dell'occhio e ritorna. Inoltre, dopo aver ottenuto i dati, con l'aiuto di un software speciale, il computer esegue i calcoli appropriati e fornisce le caratteristiche della rifrazione clinica dell'occhio. Sulla base dei risultati ottenuti dall'autorefractometria, i medici formulano una diagnosi e prescrivono ulteriori trattamenti. Tuttavia, i risultati dello studio non sono motivi incondizionati, vi sono alcuni errori di misurazione e la decisione sulla nomina di lenti correttive e il loro tipo individualmente per ciascun caso.

Esistono controindicazioni all'autofractometria?

Dopo aver studiato la domanda su "cos'è questa autorefractometry", il paziente non deve preoccuparsi del corso dello studio. La procedura è semplice e non richiede molto tempo. Il paziente si siede di fronte al dispositivo ed esamina un certo punto, prima con uno, poi con il secondo occhio per diversi minuti.

Un oftalmologo con un joystick dirige il raggio verso il centro della pupilla e esegue i comandi necessari. Lo studio è assolutamente sicuro e indolore. Le controindicazioni sono disturbi mentali del soggetto, quando la comunicazione con lui è difficile o impossibile. La mancanza di pieno contatto con i bambini fino a 2,5-3 anni rende difficile la diagnosi. Inoltre, la procedura non è possibile quando un vaso sanguigno nell'occhio è rotto o la trasparenza del supporto ottico dell'occhio è disturbata in altro modo. I risultati così ottenuti saranno inaffidabili.

Risultati della ricerca

Le letture dello strumento non possono essere definite assolutamente accurate. Il fatto è che una persona non può controllare completamente i movimenti oculari. Durante l'esame, al soggetto viene chiesto di concentrarsi su una certa figura, potrebbe essere l'immagine di un albero di Natale o di un pallone. Anche le associazioni causate da questi oggetti possono provocare un movimento inconscio del bulbo oculare o pupilla dell'occhio. Risultati più affidabili possono essere ottenuti solo in condizioni di cicloplegia da farmaco.

Il paziente viene instillato negli occhi di una soluzione speciale che causa la paralisi di alcuni muscoli e terminazioni nervose dell'occhio, rendendo così impossibile mettere a fuoco l'occhio e la pupilla si espande notevolmente. Dopo quelli studiati, di regola, non si può leggere nei prossimi 2-3 giorni, concentrando le difficoltà si osservano per altre 2 settimane.

Interpretazione dei risultati di autorefractometry

Esiste un'ampia varietà di dispositivi autorefractometry. A seconda del produttore, del tipo e dell'età del modello dell'apparecchio, il numero di caratteristiche e il tipo di stampa dei risultati della ricerca sono diversi. Un'interpretazione completa e affidabile dell'autorefractometry è possibile solo da un tecnico qualificato.

Un esempio di elenco dei risultati della ricerca è mostrato nell'immagine sopra. La seguente notazione si applica a quasi tutti i modelli di dispositivo:

  • Ref - l'inizio della sezione "rifrattometria" - 1;
  • R / L - occhio destro / sinistro - 2, 3;
  • VD - vertice distance - 8;
  • # - designazione per dati dubbi - 9;
  • SPH e CYL - caratteristiche di lenti sferiche e cilindriche, corrispondenti alla rifrazione dell'occhio - 4, 10;
  • Indicatori asse AX per una lente cilindrica - 11;
  • AVE - raccomandazioni sui dispositivi di ricetta per gli occhiali - 12;
  • PD - distanza tra le pupille - 5;
  • KER - l'inizio della sezione "keratometry" - 13;
  • AVE e CVL - caratteristiche della misurazione della curvatura corneale - 14;
  • R1 e R2 - studi del meridiano massimo e minimo della cornea - 7;
  • D - rifrazione corneale - 15.

È importante! Per determinare se i risultati di autorefractometry la norma, può solo un oftalmologo.

Come ottenere un rinvio per la ricerca

Chiunque può controllare la propria acutezza visiva. Questa procedura è disponibile nella maggior parte delle cliniche e dei centri diagnostici privati. Il costo dell'autorefractometria oscilla intorno ai 500-1000 rubli, a seconda del tipo di dispositivo e delle qualifiche dello specialista che esegue la trascrizione dei risultati della ricerca. Il riferimento alla procedura può anche essere ottenuto secondo la politica OMS da un oftalmologo, ma senza il servizio di cicloplegia.

Dove posso fare una visita oculistica?

Il complesso computerizzato di autorefractometry è disponibile in quasi tutti gli uffici di un oftalmologo. Tuttavia, non tutti i dispositivi misurano in modo altrettanto accurato. I moderni tipi di autorefrattometri ci consentono di escludere l'effetto dell'alloggio (mobilità) dell'occhio sul risultato della ricerca. Inoltre, alcuni tipi di dispositivi misurano le caratteristiche non solo della rifrazione della retina, ma anche della cornea dell'occhio. La cheratometria è estremamente importante prima di qualsiasi intervento chirurgico.

Pertanto, quando si sceglie dove fare autorefractometry, si dovrebbe prestare attenzione alla presenza nell'istituto di un autorefrattometro moderno. Non è un segreto che gli uffici oftalmologici privati ​​non sempre funzionino nel sistema CHI, quindi la ricerca può essere effettuata solo su base retribuita. I grandi centri diagnostici, di norma, forniscono servizi a pagamento e gratuitamente. Le code per gli esami in esse possono essere abbastanza grandi e vale la pena fissare un appuntamento in anticipo usando i servizi del registro o sul sito ufficiale dell'istituto.

Autorefractometry e bambini piccoli

Inizialmente, lo studio non è stato condotto per bambini sotto i 3 anni. I bambini piccoli non capivano cosa fosse questa autofractometria, avevano paura del dispositivo fermo e si rifiutavano di stare fermi, il tempo necessario per lo studio. Ma nel tempo, hanno escogitato un metodo più conveniente per controllare la vista dei bambini. L'autorefrattometro manuale senza contatto è utile non solo per la diagnostica di neonati e bambini sotto i 3 anni, ma anche con successo nelle condizioni degli uffici medici di scuole materne e scolastiche.

Autorefractometry - interpretazione dei risultati

Gli occhi umani sono un sistema complesso costituito da una massa di elementi, alcuni dei quali hanno trasparenza in modo che i raggi di luce, a causa dei quali una persona vede, possano penetrare nella retina e formare un'immagine di ciò che una persona vede su di essa. Se non ci sono opacità nelle strutture trasparenti e i raggi di luce raggiungono la retina, allora la persona vede bene e chiaramente. Se ci sono delle anomalie, allora l'occhio vede male. Ma per curare l'organo della visione, è necessario comprendere la vera natura del problema, e per questo è necessario condurre una serie di studi. A volte ad una persona viene assegnata l'autorefractometria, l'interpretazione dei cui risultati è a volte molto difficile per una persona ignara.

Autorefractometry - interpretazione dei risultati

Cos'è?

Durante la diagnosi di un certo numero di malattie oftalmologiche, gli oculisti devono controllare e determinare il principale indice di visione, la rifrazione. Questa è la capacità dell'organo della vista di rifrare adeguatamente i raggi di luce necessari per formare un'immagine. Solo questo valore è misurato in diottrie - unità di misura. La cosa principale per un oculista è la definizione della cosiddetta rifrazione clinica, viene calcolata tenendo conto della capacità di entrambi gli occhi di concentrarsi su oggetti che si trovano a diversi gradi di distanza da una persona.

Rifrazione oculare clinica

Lo studio, che consente non solo rapidamente, ma anche di determinare con precisione i valori della rifrazione degli occhi umani, è chiamato autorefractometry. Viene effettuato utilizzando uno speciale apparecchio che agisce sugli organi della visione con raggi infrarossi. Il dispositivo registra e registra parte dei parametri immediatamente durante lo studio e calcola la parte, in base ai dati ottenuti e all'algoritmo specifico. I risultati della ricerca sono pubblicati su carta. Includono la rifrazione degli occhi, la distanza alla quale le pupille si trovano l'una dall'altra, la distanza dei vertici, il raggio di curvatura della cornea e altri indicatori.

L'oftalmologo studia i dati ottenuti e, sulla base di essi, scoprirà facilmente se una persona ha astigmatismo, ipermetropia e miopia. Sarà in grado di determinare il grado di sviluppo delle patologie.

I vantaggi di autorefractometry includono:

  • alta precisione della ricerca;
  • velocità di acquisizione dei dati veloce (lo studio dura in tutto solo pochi minuti);

R1 e R2 - risultati delle misurazioni nei meridiani corneale massimo e minimo

  • sicurezza indolore e paziente;
  • universalità del metodo;
  • la capacità di identificare la curvatura e il diametro della cornea;
  • è un modo semplice per riconoscere il tipo di astigmatismo, sia esso corneale o a forma di lente. Ciò consentirà la corretta selezione di obiettivi speciali per la correzione della patologia.

Suggerimento: Questa tecnologia avanzata è un metodo molto più accurato per determinare una gamma di patologie oculari rispetto a un metodo manuale chiamato retinoscopia.

Ma la tecnica ha i suoi svantaggi, o meglio, solo uno. Il metodo potrebbe non essere sempre utilizzato. Ad esempio, per un numero di pazienti che vogliono chiarire l'acuità visiva, semplicemente non si adatta. Tuttavia, correggere la mancanza è solo una questione di tempo. Inoltre, a volte può essere necessario pre-somministrare gocce speciali che rilassano il muscolo accomodante - viene eseguita la cosiddetta cicloplegia.

Indicazioni per lo studio

Ci sono diversi tipi di indicazioni per questo studio. In alcuni casi può essere assegnato ad adulti e bambini di una certa età:

  • prima dell'intervento chirurgico per determinare precisi indicatori della condizione dell'occhio;
  • nella selezione di occhiali o mezzi di contatto per la correzione della vista;
  • in un certo numero di malattie del sistema nervoso;
  • in caso di deterioramento della qualità della vista dopo lesione dell'occhio o presenza di numerose altre patologie oculari;
  • in caso di improvvisa perdita di chiarezza della vista in assenza di ovvi motivi.

Le principali indicazioni per la procedura

Attenzione! È necessario che l'autorefractometria venga eseguita regolarmente per le persone a rischio di ridurre la qualità della visione, nonché per coloro che sovraccaricano eccessivamente gli occhi o sono più anziani.

Controindicazioni

Ma non è sempre possibile effettuare l'autorefractometry. Quindi, con un certo numero di malattie oftalmiche che possono portare a un deterioramento della trasparenza di parti dell'occhio, il metodo è proibito. Tali malattie includono la cataratta, l'annebbiamento della cornea. Non è possibile eseguire autorefractometry ed emorragie nel bulbo oculare.

Con la cataratta, non è possibile eseguire l'autorefractometria.

La tecnica non sarà efficace e non verrà eseguita se il paziente per qualche motivo non è in grado di fissare il suo sguardo su un punto particolare e non è in grado di non battere le palpebre per un periodo di tempo. Di solito questo vale per coloro che hanno problemi mentali o bambini di età inferiore ai 3 anni.

Attenzione! Non è auspicabile eseguire l'autorefractometria per i bambini piccoli a causa di una serie di caratteristiche del sistema nervoso umano a questa età.

Come è fatto?

Lo studio è condotto utilizzando un apparecchio speciale - un rifrattometro. Durante la diagnostica con il suo aiuto, una persona deve focalizzare il suo sguardo su una determinata etichetta per qualche tempo. Per rendere lo studio più semplice per i bambini, l'etichetta può essere aggiunta a qualsiasi immagine: una palla, un albero di Natale, ecc. Ciò consente di focalizzare gli occhi su un punto il più possibile.

Attenzione! Questi studi non saranno abbastanza accurati se una persona non può fissare fissamente un punto.

Cheratometro retrattore portatile Retinomax K-plus 3

L'autorefractometria viene eseguita come segue: una persona si trova su una sedia di fronte a un rifrattometro e guarda un'etichetta speciale. Il medico esegue un esame di uno e il secondo occhio. Il dispositivo consente di familiarizzare con i risultati raccolti automaticamente o di lavorare con lui in modalità manuale, che consentirà di studiare in modo più dettagliato qualsiasi area dell'occhio.

Agli occhi del paziente, il medico può gocciolare preliminarmente gocce contenenti atropina - espandono le pupille. Ma a volte, se l'uso di gocce è controindicato, l'autorefractometria può essere eseguita nello stato normale della pupilla. Tuttavia, i dati ottenuti durante lo studio possono essere fortemente distorti.

I bambini piccoli sono raramente condotti in questo studio, in quanto possono avere un'iperopia fisiologica, che col passare del tempo. Ma se l'autorefractometry è necessario, allora è meglio scegliere la clinica per questo, dove c'è la più nuova attrezzatura. In questo caso, lo studio degli occhi del bambino viene eseguito da una distanza di 1 me il processo stesso non lo spaventa. Durante la procedura, l'apparato è diretto verso il bambino, e la sua attenzione è attratta dall'uso del suono e delle immagini. Lo studio dura solo pochi secondi e, mentre il bambino guarda l'immagine, il dispositivo riesce a raccogliere tutti i dati permettendo di trarre una conclusione sullo stato di visione.

Norme e decodifica

Dopo aver condotto lo studio, il paziente riceve nelle sue mani una carta in cui saranno disponibili tutti i dati e gli indicatori registrati dal dispositivo. Per la notazione, viene usato un certo tipo di abbreviazione, che solo un oftalmologo può capire in dettaglio. Ma il paziente stesso dovrebbe avere un'idea generale di ciò che lo studio ha mostrato. L'interpretazione della notazione principale degli indicatori è riportata nella tabella seguente.

Un esempio dei risultati di autorefractometry

Tabella. Interpretazione degli indicatori di autorefractometry.

Che cos'è - autorefractometry? Decodifica risultati

L'autofractometria è un metodo di diagnostica oftalmologica che consente di rilevare vari disturbi refrattivi.

Nel corso dell'indagine vengono utilizzate attrezzature mediche speciali, che consentono di determinare con precisione il grado di tali condizioni patologiche quali ipermetropia, astigmatismo e miopia.

Cos'è l'autorefractometria?

La base di questo metodo di esame è l'effetto direzionale del flusso luminoso, che viene riflesso dalla retina dell'occhio e va ai sensori del rifrattometro.

E il dispositivo rileva automaticamente lo stato dell'occhio, calcolando i valori numerici dell'errore rifrattivo e comunicandoli sullo schermo del monitor e sotto forma di stampa.

Lo specialista che esegue l'esame non esegue calcoli e calcoli autonomamente, il che riduce la probabilità di errori ed errori e migliora l'accuratezza della diagnosi.

Indicazioni per l'applicazione di questo metodo

In generale, questa tecnica è adatta per determinare l'acuità visiva, e se un paziente ha lamentele riguardo la sua riduzione, utilizzando l'autorefractometry, è possibile determinare la causa e la gravità della patologia e determinare la variante ottimale dell'ottica correttiva.

Le indicazioni per la procedura sono:

  • patologie del sistema nervoso che influenzano negativamente la visione;
  • la necessità di selezionare lenti a contatto e occhiali con un certo potere diottrico;
  • lesioni agli occhi, a causa delle quali soffre la qualità della visione;
  • cheratite trasferita;
  • la presenza di patologie oftalmologiche, la cui identificazione è necessaria prima di eseguire interventi sugli occhi.

Cosa può rivelare l'autorefractometry?

Autorefractometry consente di determinare la presenza di miopia e ipermetropia, e anche di determinare se il paziente ha l'astigmatismo, e se è così, che tipo è.

La procedura consente inoltre di identificare varie anomalie patologiche del tessuto oculare e, se rilevate, prescrivere esami stretti più dettagliati.

Metodologia di ricerca

Il requisito principale per la procedura - lo stato più rilassato della cornea e del muscolo ciliare.

Ma poiché una persona non può controllare autonomamente il grado di tensione di questi organi, è necessario indurre tale rilassamento con mezzi artificiali, instillando una soluzione di atropina al paziente prima dell'esame.

In questo caso, l'errore nell'esame è notevolmente ridotto, ma non è completamente escluso, sebbene tale risultato sia sufficiente per assegnare un trattamento efficace.

Per eseguire l'autorefractometry, il paziente deve prendere una posizione seduta di fronte al rifrattometro e mettere il mento sul suo supporto, fissando gli occhi immobili sull'oggetto da dimostrare.

Di solito, questo viene fatto usando la silhouette di un oggetto standard, dal momento che è più facile tenere gli occhi fissi su di esso che su punti.

Soprattutto questo approccio aumenta l'efficienza dell'esame dei bambini che sono più interessati a guardare oggetti che a punti impersonali.

Successivamente, il dispositivo agisce sulla retina dell'occhio attraverso un raggio di luce direzionale, che viene riflesso dal fondo dell'occhio ed è fissato dai sensori.

E sulla base di questi indicatori, il computer calcola un numero di indicatori (compresa la curvatura e il raggio della cornea), fornendo risultati pronti sotto forma di una stampa.

Ad esempio - elemento cheratometrico, che consente contemporaneamente di determinare il grado di rifrazione per esaminare la funzionalità della cornea.

I rifrattometri possono essere fissi o portatili. In termini di funzionalità, tali dispositivi non sono molto diversi tra loro, ma i modelli portatili sono indispensabili quando si tratta di esaminare neonati o pazienti che non riescono a sedersi.

Inoltre, questi dispositivi possono essere utilizzati per esaminare i pazienti al di fuori dell'ospedale.

Oggigiorno, i rifrattometri ad onda, piuttosto che i rifrattometri leggeri, stanno diventando sempre più popolari.

Si distinguono per letture leggermente più accurate e tempi di esame ridotti, mentre tali dispositivi registrano anche errori di rifrazione minori, che non sono caratteristici dei rifrattometri tradizionali.

Decodifica risultati

  • Rif: indica che il risultato della rifrattometria è mostrato sulla stampa;
  • L e R - designazioni delle caratteristiche per gli occhi sinistro e destro, rispettivamente;
  • Cyl e Sph - visualizzazione del potere ottico di una lente cilindrica e sferica, le cui caratteristiche corrispondono agli indici di rifrazione per ciascuno dei due meridiani degli organi di visione (le caratteristiche sono indicate in diottrie);
  • PD - distanza interpupillare;
  • Ax è l'asse della lente cilindrica.

Controindicazioni per

La procedura non è nominata nei seguenti casi:

  1. Il paziente è in stato di intossicazione alcolica o da droghe.
  2. Il paziente soffre di disturbi psicologici, durante l'esacerbazione di cui può danneggiare gli altri o se stesso.
  3. Il contatto verbale con il paziente è difficile a causa di difetti nello sviluppo mentale o nell'età (i bambini al di sotto dei tre anni non eseguono l'autofrinterometria).
  4. La trasparenza della cornea differisce dal normale a causa di emorragia intravitreale, cataratta e altre patologie oftalmiche che portano alla formazione di opacità.

Video utile

In questo video, un oftalmologo parla del metodo automatico per determinare la rifrazione e decodificare i risultati:

In assenza di controindicazioni, questa procedura è raccomandata dagli oftalmologi non solo per la determinazione di vari disturbi refrattivi, ma anche per scopi preventivi al fine di valutare lo stato generale della qualità della visione.

Autorefractometry: esame dell'occhio rapido e indolore

I tempi in cui gli oculisti hanno a lungo determinato con cura l'acuità visiva del paziente usando le lenti di ingrandimento e le tabelle di Golovin-Sivtsev sono passate molto tempo fa. Oggi è possibile testare la condizione degli occhi in pochi secondi utilizzando autorefractometry. Uno speciale dispositivo valuterà in modo rapido e accurato la rifrazione degli organi visivi, e il medico può solo decifrare i risultati e prescrivere un trattamento.

Cos'è l'autorefractometry

L'occhio umano è un design ottico estremamente complesso e armonioso. Consiste di diversi strati in grado di trasmettere la luce: la cornea, la lente, la camera anteriore, il corpo vitreo. Un raggio di luce attraversa tutti questi ambienti, si rifrange in essi e quindi si concentra sulla retina, che, di fatto, "vede" oggetti, trasformandoli in impulsi elettromagnetici. È interessante notare che la retina cattura le immagini in una forma invertita, e l'immagine corretta del mondo è già formata nel nostro cervello.

Passando attraverso l'occhio, il raggio di luce viene rifratto più volte e, infine, si concentra sulla retina

Quando controllano la visione, gli oculisti ne determinano il principale indicatore: la rifrazione, cioè la capacità degli occhi di rifrangere i raggi luminosi. Questo valore è misurato in diottrie.

Il compito di qualsiasi oftalmologo è quello di determinare correttamente la rifrazione clinica, che, a differenza di una quantità fisica, viene calcolata tenendo conto dell'alloggio o della capacità degli occhi di concentrarsi ugualmente bene su oggetti vicini e lontani.

L'autofractometria consente di determinare rapidamente la rifrazione degli occhi della maggior parte dei pazienti. Viene eseguito da un apparato speciale che esamina gli occhi con l'aiuto dei raggi infrarossi. La procedura è molto semplice: il paziente ha semplicemente bisogno di guardare nel dispositivo, fissando gli occhi su un certo punto. Il raggio dei raggi infrarossi viene inviato al centro della pupilla del paziente e il dispositivo registra la frequenza delle radiazioni all'ingresso e all'uscita dell'occhio. Il dispositivo fissa semplicemente alcuni parametri, calcola gli altri sulla base dei dati ottenuti e alla fine produce una conclusione con un set completo di indicatori che caratterizzano l'acuità visiva.

L'autofractometria consente di misurare in modo rapido e preciso la rifrazione degli occhi

Durante l'esame, il paziente non deve battere ciglio e muovere gli occhi. Se non è possibile raggiungere la completa immobilità dei muscoli, l'apparecchio può produrre errori ed errori, quindi, con rifrattometria automatica, è necessario un monitoraggio medico costante del processo. Alla fine dello studio, il dispositivo produce una stampa con i risultati, dove sono registrati i seguenti indicatori:

  • distanza tra alunni;
  • rifrazione di entrambi gli occhi;
  • il potere rifrattivo di una lente cilindrica;
  • distanza del vertice;
  • il raggio di curvatura della cornea, ecc.

Dopo aver analizzato i risultati dello studio, l'oculista identificherà facilmente la presenza di miopia, ipermetropia o astigmatismo nel paziente, oltre a determinare l'entità di queste malattie. Autorefractometry è considerato il metodo più rapido e più accurato per il controllo dell'acuità visiva. Tra i suoi evidenti vantaggi si possono notare anche indolenza, accessibilità e versatilità.

C'è solo una carenza nell'autofruttometria: con il suo aiuto è possibile stabilire l'acuità visiva in lontano da tutti i pazienti. Tuttavia, il progresso tecnico non si ferma. Se prima questa procedura non era disponibile per le persone che non possono sedersi e tenere la testa dritta, l'invenzione dei dispositivi portatili ha permesso di servire pazienti costretti a letto e condurre esami al di fuori degli uffici oftalmologici.

Con l'aiuto di autorefractometers portatili, puoi esaminare le persone che non possono sedersi e tenere la testa dritta

Indicazioni e controindicazioni allo studio

Autorefractometry - lo studio è assolutamente sicuro, quindi è prescritto sia agli adulti che ai bambini che hanno raggiunto un'età cosciente. Di norma, la sua partecipazione è raccomandata nei seguenti casi:

  • per la selezione di dispositivi, visione correttiva (occhiali o lenti a contatto);
  • con varie malattie del sistema nervoso;
  • prima delle operazioni;
  • con varie malattie oftalmiche;
  • con lesioni nella zona degli occhi.

L'autorefractometria non viene eseguita se il paziente ha una malattia che porta a una perdita di trasparenza degli strati oculari. In particolare, questo metodo di esame degli occhi è inefficace con:

  • opacità corneale;
  • cataratta;
  • emorragie agli occhi e altre malattie simili.

Opacizzazione della cornea e altri media trasparenti dell'occhio è una controindicazione per l'autorefractometry.

Inoltre, l'autorefractometry non è prescritto ai pazienti che non possono fissare lo sguardo su un dato punto e non battere le palpebre per un certo tempo. Di regola, si tratta di bambini sotto i 3 anni e pazienti con malati mentali o mentali.

La metodologia del

La procedura dell'autorefractometria è abbastanza semplice e non causa particolari inconvenienti al paziente: si siede di fronte al dispositivo e il medico esamina alternativamente ciascun occhio. È necessario guardare un'etichetta speciale visivamente posizionata a una grande distanza. Nei dispositivi più vecchi, è realizzato sotto forma di un cerchio astratto, e in quelli nuovi è sostituito dai contorni di cose più pratiche: palloncini, alberi di Capodanno, ecc. I contorni di oggetti familiari consentono a una persona di concentrare meglio lo sguardo su un punto, riducendo l'errore dello strumento.

Le misurazioni possono essere eseguite sia in modalità automatica che in modalità manuale. Così, il medico stesso decide su quali parametri prestare particolare attenzione, e ha anche l'opportunità di esaminare più attentamente le zone "sospette".

Autorefractometry nelle condizioni di cycloplegia

Di regola, l'autorefractometria viene eseguita in condizioni cycloplegic, in cui la naturale accomodazione degli occhi è ridotta al minimo. Per fare questo, il paziente è sepolto negli occhi di un farmaco che dilata le pupille (atropina). Lo studio viene effettuato solo dopo che la sostanza agisce in pieno. Questo ti permette di ottenere i risultati più accurati dello studio.

I risultati dell'autorefractometria sono più affidabili nello studio delle pupille dilatate

Autorefrattometria pupilla stretta

In alcuni casi, l'esame viene eseguito senza dilatare gli alunni. Ad esempio, se un paziente ha controindicazioni all'uso di atropina: allergie, malattie gravi, ecc. I risultati dell'autofractometria della pupilla stretta spesso contengono errori e imprecisioni, poiché la sistemazione degli occhi distorce notevolmente i dati ottenuti.

Un ruolo importante è svolto dal tono dell'alloggio, che varia in base all'età, all'ora del giorno, alle condizioni del corpo, all'umore, alla stanchezza e ad altri fattori. Nelle persone anziane, la capacità di accomodamento degli occhi è generalmente ridotta, quindi gli errori nei risultati di autorefractometry non sono così significativi come nell'esame dei giovani.

Regole e interpretazione dei risultati

Solo un medico dovrebbe decifrare i risultati di autofractometry, ma è desiderabile avere un'idea generale degli indicatori di acutezza visiva per ogni paziente. Nella stampa con i risultati dell'esame, puoi vedere le abbreviazioni oftalmiche standard, simili a quelle che si trovano nelle prescrizioni per occhiali o lenti:

  • R (OD) - indicatori ottici dell'occhio destro.
  • L (OS) - indicatori ottici dell'occhio sinistro.
  • Sph è un parametro che riflette il potere diottrico delle lenti sferiche per la correzione della vista. Questo valore è misurato in diottrie (D) ed è negativo con miopia (miopia) e positivo con miopia (ipermetropia).
  • Cyl è un valore che riflette il potere ottico delle lenti cilindriche, utilizzate per correggere la visione durante l'astigmatismo. Questo parametro è anche misurato in diottrie e può essere positivo (correggere l'astigmatismo ipermetropico) e negativo (correggere l'astigmatismo miopico).
  • Ascia (l'asse di inclinazione del cilindro) - un indicatore necessario per la fabbricazione di lenti cilindriche. Questo parametro è misurato in gradi e può variare da 0 a 180 °.
  • DP - la distanza tra i centri delle pupille degli organi della visione.

Solo un oftalmologo dovrebbe decifrare i risultati dell'autorefractometria.

A volte nei risultati di autorefractometry c'è un simbolo #, che indica che ci sono molto probabilmente errori o errori nelle misurazioni.

Se i valori di Sph e Cyl sono pari a zero, ciò significa che la visione della persona è normale: la sua nitidezza corrisponde all'unità. Nei casi in cui ci sono figure opposte a questi indicatori, il paziente ha bisogno di correzione con l'aiuto di lenti o occhiali.

Caratteristiche dell'autorefractometria dei bambini

Gli organi visivi dei bambini sono molto diversi dagli occhi degli adulti. Di regola, il loro potere di rifrazione è molto più alto e l'asse antero-posteriore è molto più corto. Alla maggior parte dei neonati viene diagnosticata ipermetropia fisiologica o ipermetropia. All'età di tre anni, gli occhi del bambino sono praticamente paragonabili per dimensioni e funzionalità agli organi visivi degli adulti, sebbene la crescita e la formazione del bulbo oculare durino fino a 14-15 anni.

L'iperopia è rilevata in circa il 93% dei bambini sotto i 3 anni di età, mentre la miopia viene diagnosticata solo nel 2% dei bambini. All'età di 20 anni, la situazione sta cambiando radicalmente: circa il 29% delle persone soffre di miopia e il 31% soffre di ipermetropia.

La rifrazione degli occhi di adulti e bambini è molto diversa.

Dall'età di 3 anni, i bambini possono controllare la loro vista con autorefractometry. A quest'età, sono in grado di sedersi davanti al dispositivo e concentrare la vista al momento giusto per ottenere risultati affidabili.

Tuttavia, è spesso necessario controllare l'acuità visiva nei bambini piccoli. In precedenza, gli oftalmologi hanno esaminato i bambini usando la tradizionale skiascopy, studiando a lungo come le pupille reagiscono alla luce riflessa da uno specchio. Tali manipolazioni richiedono molto tempo e non suscitano entusiasmo nei giovani pazienti.

Non temere se il medico diagnostichi una bassa acuità visiva nel bambino. Nei neonati, la rifrazione da +2 a +4 D è la norma. In questo caso, l'acuità visiva di un neonato non supera lo 0,015 e all'età di 2 sale a 0,3. Indicatori normali (0,8-1,0) questo parametro acquisisce dai bambini solo per età scolastica.

Con l'avvento degli autorifrattometri pediatrici portatili, la situazione con la ricerca della visione dei bambini è cambiata radicalmente. Gli ultimi modelli di dispositivi consentono di misurare la rifrazione degli occhi dei bambini da una distanza di 1 metro.La mancanza di un numero di medici e di attrezzature incomprensibili permette al bambino di sentirsi al sicuro, e al momento della misurazione il dispositivo è rivolto al bambino, attirando la sua attenzione con un'immagine luminosa e un segnale sonoro.

I rifrattometri portatili pediatrici consentono di misurare la rifrazione a distanza senza spaventare i pazienti più giovani.

La procedura per misurare la rifrazione richiede solo pochi secondi. Questa volta il dispositivo è sufficiente per determinare gli indici di rifrazione sferici e cilindrici, nonché per trarre conclusioni sullo stato della visione.

Video: revisione e test dell'autorefrattometro

Pertanto, l'autorefractometry si è dimostrato valido sia nella pratica medica pediatrica che in quella per adulti. Questo metodo rapido, indolore e abbastanza preciso per determinare la rifrazione degli occhi consente di condurre rapidamente un esame, identificare le violazioni nel tempo e iniziare immediatamente a correggere la vista.

Autorefractometry in oftalmologia

L'organo umano consiste in un insieme di media, ognuno dei quali ha trasparenza per la penetrazione senza ostacoli dei raggi di luce. I mazzi di luce vengono rifratti, passando attraverso le strutture degli occhi e la retina dell'occhio raccoglie le immagini che sono venute in visione. L'assenza di opacità delle strutture ottiche e la rifrazione uniforme dei raggi paralleli fornisce chiarezza di percezione, cioè una buona visione. Per trattare correttamente le patologie oculari, è necessario capire quale sia la radice del problema. E questo è impossibile senza la conoscenza degli indicatori chiave. Tale diagnosi esiste. Questo si riferisce alla misurazione hardware del potere rifrattivo delle strutture ottiche dell'occhio - autorefractometry.

Autorefractometry - qual è l'essenza del metodo

L'autorefractometry può essere letteralmente decodificato come misura automatica della rifrazione. Questo è un tipo di diagnostica del computer che rivela gli errori di rifrazione della luce da parte dell'occhio. Sulla base dei suoi risultati, sono prescritti occhiali o lenti a contatto. L'autorefractometria è considerata un metodo obiettivo, poiché le misurazioni vengono effettuate senza alcuna azione da parte del paziente o informazioni soggettive da parte sua. Il computer determina le più piccole violazioni della rifrazione dei raggi luminosi nell'organo della vista: miopia, ipermetropia, astigmatismo. Il metodo è adatto a persone di qualsiasi età, compresi i bambini.

L'autorefractometria può essere eseguita su pazienti di qualsiasi età.

Pubblicazioni recenti nella letteratura scientifica occidentale, basate su studi che hanno coinvolto 39 bambini dai 4 ai 6 anni, affermano che un rifrattometro automatico è più preciso della retinoscopia (il metodo "manuale").

Il sondaggio viene effettuato utilizzando un dispositivo medico - un rifrattore automatico. Durante la procedura, un fascio di luce infrarossa emessa dal dispositivo passa attraverso la pupilla, riflettendo dalla retina, è fissato da sensori elettronici all'ingresso e all'uscita dell'occhio. Quindi il programma del computer analizza i risultati della misurazione e fornisce i valori richiesti in cifre su carta.

Indicazioni e controindicazioni

L'autorefractometria viene eseguita come:

  • test di acuità visiva;
  • fase preparatoria per oftalmirurgia;
  • programma preliminare di correzione della vista con un laser;
  • determinare l'esito dell'intervento chirurgico o dell'intervento laser;
  • controllo riabilitazione dopo terapia contro l'infiammazione della cornea.

E anche con tali problemi:

  • perdita della chiarezza della visione senza una ragione apparente;
  • la necessità di determinare il tipo di astigmatismo (lente o corneale);
  • difetti di visione post-traumatici.

La procedura è obbligatoria al primo, e qualche volta alla selezione ripetuta di lenti correttive. L'autorefractometria viene effettuata per la profilassi a pazienti a rischio di compromissione della vista: per età, con un carico visivo costantemente elevato, con un focus "sfocato".

Opacizzazione della cornea, della lente o del corpo vitreo ostacola oggettivamente l'autorefractometria

La misurazione automatica della rifrazione non è auspicabile per i bambini al di sotto dei tre anni a causa della natura del loro sistema nervoso centrale. Le malattie mentali non sono una controindicazione diretta, ma possono influenzare indirettamente l'efficacia di questo tipo di diagnosi oftalmica.

Con alcuni difetti dell'occhio, il passaggio del raggio di luce verso la retina e il suo riflesso è disturbato. Di conseguenza, l'autorefractometry in questi casi è inefficace. Esempi di tali patologie sono:

  • mezzo ottico opaco dell'occhio;
  • annebbiamento delle fibre vetrose;
  • cataratta (lente "nebbiosa");
  • annebbiamento della cornea (imperfezioni)
  • hemophthalmus - emorragia del vitreo.

Vantaggi e svantaggi

Diagnostica oculistica computerizzata - tecnologia avanzata. Ha una serie di vantaggi indiscutibili:

  1. Il test è indolore e non causa disagio al paziente.
  2. La procedura non richiede molto tempo, in quanto dura solo pochi minuti.
  3. Il computer analizza rapidamente i dati e produce immediatamente risultati.
  4. La maggior parte degli oftalmologi solitamente usa un auto-rifrattore come punto di partenza. I risultati ottenuti possono quindi essere confrontati con la retinoscopia o con un sondaggio di forottero per conclusioni più accurate.

I rifrattometri moderni sono in grado di misurare separatamente la rifrazione della cornea. Tali dati consentono di distinguere un tipo di astigmatismo della lente dalla cornea. Questo è importante per la corretta selezione degli obiettivi correttivi.

Gli svantaggi del metodo comprendono l'amplificazione dell'alloggiamento nel trovare l'ottica dell'apparato vicino all'occhio in esame. Per questo motivo, i risultati diagnostici possono presentare un errore con una tendenza verso la miopia (rifrazione miopica). A volte, per ottenere dati veri, è necessario rilasciare una preparazione speciale per rilassare un muscolo accomodante negli occhi. Questo effetto farmaco è chiamato cicloplegia.

La sistemazione naturale dell'occhio provoca errori nell'autofractometry

È necessario notare tuttavia che i produttori di rifrattori automatici cercano di ridurre l'effetto dell'alloggiamento degli strumenti nei modelli di dispositivi di nuova generazione.

La metodologia del

Il processo è completamente automatizzato e l'essenza della procedura è estremamente semplice. È condotta da un'infermiera o un'infermiera, poiché l'esecuzione di azioni non richiede conoscenze specialistiche.

Il paziente si siede di fronte al rifrattometro e fissa il suo sguardo sull'immagine localizzata in modo condizionato in lontananza. Questa può essere qualsiasi immagine che provoca un certo interesse quando visualizzato. Tale innovazione, invece del solito punto di riferimento, fu inventata in modo che il paziente potesse scrutare in lontananza più a lungo, trovandosi in uno stato di accomodamento rilassato degli occhi. L'intermittenza non è proibita. Questa idea è particolarmente utile quando si esaminano gli occhi dei bambini, perché i bambini hanno difficoltà a concentrarsi su un punto per diversi minuti di seguito.

Sorprendentemente, la nostra retina inizialmente percepisce l'immagine capovolta. Ma dopo la trasformazione della radiazione elettromagnetica in impulsi nervosi, viene ricreata correttamente dal cervello umano. Altrimenti, la gente vedrebbe il mondo intorno a loro a testa in giù.

Dopo che il paziente ha preso una posizione comoda, l'infermiera o l'infermiera, usando lo stick di controllo, dirige un raggio di luce infrarossa nel centro della pupilla. Inoltre effettua misurazioni manualmente o automaticamente. Ogni occhio è esaminato separatamente.

Dopo la procedura, il paziente riceve una stampa con i dati dello studio, che deve quindi essere fornita al medico curante per la decrittografia. Il medico, di regola, controlla inoltre l'affidabilità dei risultati utilizzando metodi strumentali.

Autorefrattometria pupilla stretta

La valutazione della rifrazione con una pupilla stretta (con alloggio abituale) è considerata errata. I dati di tale studio possono contenere errori significativi. Infatti, molti fattori influenzano il tono del muscolo accomodante, ad esempio:

  • affaticamento e sovraccarico;
  • ora del giorno;
  • mancanza di sonno, ecc.

Con l'età, lo stress massimo dell'alloggio - contrazione e rilassamento del muscolo ciliare - diminuisce e l'errore durante l'esame non sarà così evidente. Tuttavia, qualsiasi oftalmologo ti consiglierà di determinare la rifrazione con paralisi completa dell'alloggiamento, in altre parole, con pupille ampie.

Autorefrattometria da ciclopatia

La diagnosi può essere fatta senza l'uso di mezzi cycloplegici (paralizzando il lavoro dei muscoli oculari) o con loro. La seconda opzione è preferibile per evitare l'influenza della miopia strumentale.

Cyclopedegia è accompagnata da paralisi dello sfintere della pupilla, causando la sua espansione persistente.

Per determinare in modo affidabile la rifrazione, è importante attenuare l'accomodamento in modo che la tensione dei muscoli intraoculari non influenzi la purezza dello studio clinico. Perciò, il più spesso è effettuato in condizioni di una "sconnessione" provvisoria di sistemazione con medicine - gocce che dilatano gli allievi. Dopotutto, i risultati della tecnica dell'autofractometria, in cui non sono stati utilizzati strumenti cicloplegici, non possono essere considerati dagli specialisti moderni come una base incondizionata per la nomina di qualsiasi tipo di correzione ottica. Il più delle volte usa la cicloplegia atropina.

Decodifica risultati

Quindi, cosa vedrà il paziente nella risultante stampa? Abbreviazioni in inglese e numeri incomprensibili con segno più o meno.

I risultati della rifrattometria sono interpretati da un oftalmologo.

La notazione di decodifica è la seguente:

  1. Ref - risultati di ricerca.
  2. R / OD - occhio destro.
  3. L / OS: l'occhio sinistro.
  4. Sph è il potere ottico di una lente sferica, uguale alla rifrazione in uno dei due meridiani oculari principali, l'unità di misura è diottrica.
  5. PD - distanza interpupillare (interpupillare).
  6. mm è il valore specificato in millimetri.
  7. R1 e R2 sono indicatori di misure nei meridiani corneali più grandi e più piccoli, indicati in millimetri (mm) o in diottrie (D).
  8. VD è la distanza del vertice misurata dalla cornea alla parte posteriore della lente (la norma è 12-15 mm).
  9. # - designazione di dati insufficientemente affidabili.
  10. Cyl è il potere ottico di una lente cilindrica uguale alla rifrazione in uno dei due meridiani oculari principali. L'unità di misura è diottrica. La sua aggiunta al valore di Sph mostra la rifrazione in un altro meridiano principale. La dimensione del cilindro indica sempre la differenza nella rifrazione dei due meridiani principali.
  11. Ax è l'asse della lente cilindrica.
  12. AVE - l'indice di rifrazione medio.
  13. Risultati cher - cheratometrici (stime della curvatura della superficie anteriore della cornea).
  14. AVE / Cyl è il risultato medio della curvatura di base o del raggio di curvatura della cornea (in mm) e del potere di rifrazione nei suoi meridiani più piccoli e più grandi (in diottrie).
  15. D - i valori indicati in diottrie (D).

La designazione di Cyl è il valore dell'astigmatismo. In un certo numero di modelli dell'apparato, viene calcolato anche lo sferoequivalente (S.E.), che può essere determinato sommando la potenza ottica di una lente sferica e cilindrica, dividendo in precedenza quest'ultima per 2.

Vale la pena notare che durante il passaggio delle commissioni, per esempio, medico militare o per disabilità, il segno più o meno davanti alla figura nella stampa di autorefractometry che denota la quantità di astigmatismo non ha importanza. Poiché non è indicata la rifrazione stessa, ma solo il grado necessario della sua correzione.

Un esempio di come si presenta una conclusione oftalmologica:

OD sph: 4,25 D; cyl - 0,25 D, ax 45;
OS sph: 5.75 D; cyl - 0, **, ax 0.

Una lente sferica (sph) viene utilizzata per correggere l'ipermetropia (ipermetropia) e la miopia (miopia). La figura (nell'esempio esistente di 4.25 e 5.75) è un indicatore di potenza ottica, presentato in diottrie. Se stiamo parlando di un obiettivo ipermetropico, quindi prima delle sue dimensioni è necessario aggiungere un vantaggio, nel caso di un obiettivo miope, un segno negativo. Nell'esempio sopra, "-" è indicato, il che significa che la miopia deve essere corretta.

Lenti cilindriche (cil) sono utilizzate per correggere l'astigmatismo. È anche miope, cioè con un segno "-" e ipermetropico, quando il valore è preceduto da un "+".

Nel campione sopra: la miopia moderata è combinata con un debole astigmatismo. Poiché ci sono zeri sull'occhio sinistro, non c'è astigmatismo. L'occhio destro di un paziente condizionato richiede la correzione della miopia e dell'astigmatismo allo stesso tempo. È necessario utilizzare una lente sferica con una potenza ottica di 4,25 diottrie. e cilindrico - 0,25 diottrie. di conseguenza, considerando l'asse del cilindro a 45 gradi. L'occhio sinistro ha bisogno di correzione della miopia di 5,75 diottrie.

La prescrizione per gli occhiali prescritti dal medico in base ai risultati dell'autorefractometria

Un'interpretazione dettagliata dei risultati di autorefractometry viene eseguita da un oftalmologo, poiché è necessario disporre delle conoscenze appropriate per interpretare correttamente i dati.

Autorefractometry dei bambini

Nell'esame dei bambini, usano un autorefrattometro pediatrico senza contatto, che lavora entro una certa distanza. Ciò consente di misurare la rifrazione a una distanza fino a 1 metro contemporaneamente in due occhi, anche con una pupilla stretta. Pertanto, l'optometrista è in grado di esaminare il bambino senza contatto diretto. Avvicinandosi alla distanza desiderata dalla pupilla di un piccolo paziente, il dispositivo emette un segnale acustico, attirando l'attenzione del bambino. La procedura dura solo pochi secondi.

I dispositivi pediatrici possono misurare la rifrazione:

  • nei bambini;
  • nei bambini con fluttuazioni involontarie dell'occhio;
  • in pazienti difficili.

La diagnostica dei bambini è sempre ostacolata dalle loro caratteristiche di età e dall'incapacità di concentrare l'occhio per molto tempo. I piccoli pazienti non possono sempre comprendere e soddisfare tutte le richieste del medico e sedersi tranquillamente, senza movimenti inutili della testa in un unico punto. I rifrattometri automatici per bambini tengono conto di queste sfumature: le immagini divertenti che appaiono sullo schermo sono progettate per la forma di esecuzione della procedura.

Nonostante la capacità di strumenti innovativi di misurare la rifrazione senza dilatazione della pupilla, gli oftalmologi più esperti insistono ancora sull'atrofinizzazione preliminare, dopo di che i dati sono considerati più affidabili. I genitori dovrebbero prestare attenzione alle principali regole della procedura nei bambini:

  • scavando occhi preferibilmente almeno due settimane - più a lungo, più affidabile sarà il risultato dello studio;
  • durante l'atropina cicloplegia, il bambino è autorizzato a scrivere, leggere, usare un computer, televisione, ecc.;

L'atropina deve essere refrigerata (non nel congelatore)

Circa 8 su 10 neonati sono ipermetropi (ipermetropia). A poco a poco, con la crescita del bulbo oculare in alcuni bambini, l'ipermetropia diventa normale o miopia. La refrazione ipermetrofica nei neonati è di 4.0-5.0 diottrie, nei bambini di tre anni di età - circa 2.0-3.0 diottrie, e da 6 a 8 anni, questa cifra è di circa 1.5 diottrie. Tali dati medi sono accettati dagli oftalmologi come norma condizionale quando si tratta di assegnare occhiali correttori a un bambino.

Video: revisione e test dell'autorefrattometro

Autorefractometry è un modo veloce, conveniente e affidabile per diagnosticare la disabilità visiva. Come la maggior parte degli esami dell'occhio, ha bisogno di una precedente cicloplegia. Nonostante il personale infermieristico esegua la procedura, solo un medico certificato può interpretare i risultati della rifrattometria automatica.

Google+ Linkedin Pinterest